Aforismi di Gandhi su Dio, fede e preghiera

Selezione di aforismi e pensieri di Gandhi su Dio, fede, religione e preghiera. Mohandas Karamchand Gandhi (Porbandar 1869 - Nuova Delhi 1948), attivista e guida spirituale indiano, è conosciuto in tutto il mondo anche con l'appellativo di Mahatma, cioè "Grande Anima", ma egli si sentiva tutto tranne che "grande". A questo proposito ha affermato: "Spesso questo appellativo mi ha profondamente addolorato; e non ricordo un momento in cui si possa dire che mi abbia lusingato. Ma mi piacerebbe certamente narrare gli esperimenti in campo spirituale che sono noti soltanto a me, e dai quali ho tratto la forza che possiedo per operare in campo politico. Se questi esperimenti sono realmente spirituali, non possono costituire occasione di auto incensamento. Possono soltanto accrescere la mia umiltà. Quanto più rifletto e guardo al passato, tanto più vivamente sento i miei limiti".

La maggior parte delle citazioni di Gandhi riportate in questa pagina sono tratte da: Young India, (1919-1932); Harijan (1933-1948); Autobiografia (1931). Su Aforismario trovi anche una raccolta di frasi di Gandhi su amore e nonviolenza. [Il link è in fondo alla pagina].
Io non sono un visionario. Sono un idealista pratico. (Gandhi)
Dio, Fede e Religione
Selezione Aforismario

Temiamo Dio e cesseremo di temere l'uomo.

Dio ha ordinato questo mondo in modo che nessuno potesse tenersi esclusivamente per sé la propria bontà o cattiveria. L'intero mondo è come il corpo umano con le sue varie membra. Il dolore in un solo membro si ripercuote su tutto il corpo. Il marcio in una sola parte avvelena inevitabilmente l'intero sistema.

Ciò che è impossibile per l'uomo è un gioco da ragazzi per Dio.

L'assenza di paura non significa arroganza o aggressività. Quest'ultima è in se stessa un segno di paura. L'assenza di paura presuppone la calma e la pace dell'anima. Per essa è necessario avere una viva fede in Dio.

Dio è quell'indefinibile cosa che tutti sentiamo, ma che nessuno conosce.

Dio è Verità e Amore; Dio è etica e moralità; Dio è assenza di timore. Dio è la fonte della Luce e della Vita e, tuttavia, Egli è al di sopra e al di là di entrambe. Dio è coscienza. Egli è anche l'ateismo degli atei. Perché, nel suo amore senza limiti, Dio permette all'ateo di vivere. Egli è lo scrutatore dei cuori. Trascende la parola e la ragione. Ci conosce e conosce i nostri cuori meglio di noi stessi.

Dove c'è paura non c'è religione.

Non c'è religione più alta della Verità e della Giustizia.

Dio ha fatto l'uomo a propria somiglianza. Sfortunatamente per noi, anche l'uomo ha foggiato Dio a propria immagine. Questa ingiusta pretesa ha precipitato l'uomo in un mare di guai.ateo

Sono profondamente convinto che nessuna religione possa essere sostenuta dalla forza bruta. Al contrario, quelli che prendono la spada periscono sempre di spada.

Ci sono tante religioni quanti gli individui.

È  la fede che ci guida tra mari tempestosi, la fede che muove le montagne, la fede che scavalca l'oceano. Questa fede non è nient'altro che una viva, vigilante consapevolezza di Dio in noi. Colui che ha raggiunto questa fede non ha bisogno di nulla. Malato nel corpo, è spiritualmente sano; materialmente povero, è sommerso in ricchezze spirituali.

Io credo alle verità di tutte le grandi religioni del mondo. Non ci sarà pace durevole sulla terra fino a quando non impareremo non solo a tollerare, ma anche ad avere riguardo per le fedi diverse dalla nostra.

La fede che riesce a fiorire solo nel bel tempo è di scarso valore. Perché la fede abbia un qualche valore, deve saper sopravvivere alle prove più dure. La vostra fede è un sepolcro imbiancato, se non è capace di resistere alla calunnia del mondo intero.

Le religioni sono strade diverse che convergono verso uno stesso punto. Che cosa conta se imbocchiamo strade diverse, se arriviamo alla stessa meta?

La religione lega l'uomo a Dio e l'uomo all'uomo.

La vera religione e la vera moralità sono inscindibilmente connesse l'una all'altra. La religione è per la moralità ciò che l'acqua è per il seme seminato in un terreno.

Le varie religioni sono come le foglie di un albero. Non ce ne sono due uguali, ma non c'è alcun antagonismo tra esse o tra i rami su cui crescono. Proprio nello stesso modo, c'è una sottesa unità nella varietà che vediamo nella creazione di Dio.

Non credo alla gente che parla agli altri della propria fede, soprattutto con lo scopo di convertire. La fede non ammette di essere raccontata. Deve essere vissuta, e allora si diffonde da sé.

Per cercare Dio non è necessario andare in pellegrinaggio o accendere lampade e bruciare incenso davanti all'immagine della divinità o aspergerla d'olio o dipingerla di rosso cinabro. Egli risiede nel nostro cuore. Se potessimo cancellare completamente in noi la consapevolezza del nostro corpo fisico, lo vedremmo faccia a faccia.

Proprio come un albero ha un milione di foglie, similmente, anche se Dio è uno solo, sono sorte tante religioni quanti gli uomini e le donne, anche se tutte radicate nello stesso unico Dio.

L'anima delle religioni è una sola, anche se racchiusa dentro una moltitudine di forme. Tale anima persisterà fino alla fine dei tempi. I saggi ignoreranno la crosta esterna e vedranno quella stessa anima vivere sotto la varietà degli involucri.

Le religioni non esistono per separare gli uomini gli uni dagli altri, ma per vincolarli reciprocamente.

Templi o moschee o chiese Non faccio distinzioni tra queste diverse dimore di Dio. Sono come la fede le ha fatte. Sono una risposta all'anelito dell'uomo di raggiungere in qualche modo l'Invisibile.
Quando si prega è meglio avere un cuore senza parole
che delle parole senza un cuore. (Gandhi)
Preghiera
Selezione Aforismario

L'adorazione è preghiera, perciò non va eseguita con le labbra, ma con il cuore. Ecco perché possono levarla tanto il muto che il balbuziente, tanto l'ignorante che lo stupido. E le preghiere di coloro le cui lingue sono dolci come nettare, ma che hanno il cuore pieno di veleno, non vengono mai ascoltate. Colui che, perciò voglia pregare Dio, deve mondare il proprio cuore.

È meglio, quando si prega, avere un cuore senza parole piuttosto che delle parole senza un cuore.

L'uomo che prega sarà in pace con se stesso e con il mondo intero, l'uomo che si occupa degli affari del mondo senza un cuore disposto alla preghiera sarà miserabile e renderà miserabile anche il mondo.

Come il corpo ha bisogno del cibo, l'anima ha bisogno della preghiera.

La preghiera è impossibile senza una viva fede nella presenza di Dio dentro di noi.

L'uomo ripete spesso il nome di Dio a pappagallo e si aspetta dei frutti dall'agire così. Il vero cercatore deve avere quella fede viva che scacci la menzogna della ripetizione meccanica non soltanto dal proprio cuore, ma anche da quello degli altri.

La preghiera "è la chiave del mattino e il catenaccio della sera".

Chi ha provato la magia della preghiera può fare a meno del cibo per giorni e giorni, ma non può resistere un solo momento senza preghiera. Perché, senza preghiera, non c'è pace interiore.

Può pregare con sincerità solo colui che è convinto di avere Dio dentro di sé. Chi non possegga tale convinzione può fare a meno di pregare. Dio non si offenderà, ma posso dire per esperienza che chi non prega è certamente un perdente.

La preghiera serve a ricordare Dio e a purificare il cuore, e la si può offrire anche osservando il silenzio.

La preghiera è il solo mezzo per portare ordine, pace e quiete nei nostri atti quotidiani.

La preghiera non è un ozioso passatempo per vecchie signore. Propriamente compresa e applicata, è lo strumento d'azione più potente.
Sii il cambiamento che vorresti vedere nel mondo. (Gandhi - attribuito)
Frasi attribuite
Per approfondimenti vedi "Citazioni errate" su Aforismario

Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo.
[In inglese: "Be the change you wish to see in the world". Questa celebre frase è comunemente attribuita a Gandhi, ma non esiste alcuna prova documentabile che egli l'abbia mai pronunciata. Probabilmente si tratta di una parafrasi della seguente citazione tratta dalla opere di Gandhi: "Tutte le tendenze presenti nel mondo esterno si trovano dentro di noi. Se potessimo cambiare noi stessi, anche le tendenze del mondo potrebbero cambiare"].

Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.

Note
Vedi anche: Frasi di Gandhi su amore e nonviolenza

Nessun commento: