Aforismario da Gioco - Carte con aforismi

Aforismario da Gioco è il titolo di un "libro-oggetto" composto da due mazzi da 54 carte da gioco ciascuno, su ognuna delle quali, al posto delle varie figure e dei vari semi, è stampato un aforisma sul tema del gioco. La particolarità è che su un mazzo di carte sono stampati aforismi di autori celebri, mentre sull'altro sono stampati aforismi di autori contemporanei scritti appositamente per questo "libro-oggetto". Il tutto è confezionato in una scatola di cartone recante un'immagine di Tania Lorandi e ha un costo di 15 euro.
Aforismario da Gioco
L'idea di questo Aforismario da Gioco è della Joker Edizioni, casa editrice nota anche per la sua collana Athanor dedicata alla scrittura aforistica contemporanea. Come scrive Sandro Montalto, curatore della collana sopra citata, "L’idea è quella del gioco giocabile, della letteratura utilizzabile, del pensiero pratico e portatile. Il nostro desiderio è che il libro-oggetto sia tanto letto quanto usato per giochi di carte veri e propri (le carte hanno le dimensioni e i materiali regolamentari). Il recto di ogni carta ospita un aforisma, il logo della collana “Athanor” ed ovviamente i numeri e semi necessari per giocare. Il verso ospita il logo della rivista «Cortocircuito» sullo sfondo di giduglie (simbolo caro alla ‘Patafisica). La nostra idea è quella di un gioco che come ogni gioco deve essere giocato con la massima serietà, magari utilizzando un oggetto utile a compiere questa attività inutile. Le carte, appunto. Le Edizioni Joker ringraziano i collaboratori, chi ha voluto possedere una copia di questo libro-oggetto e chi ne farà un uso creativo e giocoso".

L'Aforismario da Gioco è in commercio dal 1° gennaio 2010, presumiamo pertanto che il titolo sia stato ispirato dal nome del nostro sito, online dal 1° gennaio 2009 (proprio un anno prima), all'epoca già abbastanza conosciuto tra gli appassionati di aforismi e citazioni.

Qui di seguito, a mo' di esempio, riportiamo quattro carte dell'Aforismario da Gioco, una per ogni seme, tratte dal mazzo degli autori celebri.
L'uomo non smette di giocare perché invecchia, ma invecchia perché smette di giocare.
(George Bernard Shaw) [1]
Con le carte in mano, tutti gli uomini sono eguali. (Nikolaj Gogol)
Se ti devi giocare la vita sessualmente, non giocare una mano da solo troppo a lungo.
(Mark Twain)
La vita umana nel suo insieme non è che un gioco, il gioco della pazzia.
(Erasmo)
Note
  1. Facciamo solo un piccolo appunto sulla citazione stampata sul Re di cuori: "L'uomo non smette di giocare perché invecchia, ma invecchia perché smette di giocare". La frase è attribuita a George Bernard Shaw, ma in realtà è di Granville Stanley Hall. Per altro, la frase testuale di Stanley Hall è: "Men grow old because they stop playing, and not conversely" (Gli uomini invecchiano perché smettono di giocare, e non viceversa).
  2. Vedi anche: Aforistica

Nessun commento: