Cerca Autori o Argomenti in Aforismario

Frasi e citazioni sui Magistrati e la Magistratura

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sui magistrati e sulla magistratura, cioè "il complesso degli organi dello Stato istituiti per l’esercizio della giurisdizione in materia civile, penale e amministrativa; negli ordinamenti liberal-democratici, e in particolare in quello italiano, costituisce un potere dello Stato, dotato di essenziali garanzie costituzionali, quali l’indipendenza dagli altri poteri e l’autogoverno". [Vocabolario Treccani].

Come introduzione a questa raccolta riportiamo una significativa riflessione del noto giurista Piero Calamandrei: "Se il livello morale e intellettuale della nostra magistratura è stato finora superiore a quello di ogni altra categoria di funzionari, ciò è derivato dal fatto che ha potuto formarsi attraverso una scelta fondata sulla vocazione. Nell'ordine giudiziario affluivano un tempo dalle Università i giudici migliori, richiamati non dalla speranza di lauti guadagni (la magistratura italiana è stata esemplare per la dignità con cui ha sempre affrontato la sua povertà), ma dall'alta considerazione di cui la magistratura godeva nella pubblica opinione e soprattutto dall'attrattiva che su certi spiriti religiosi ha sempre esercitato la austera intimità di questo ufficio, in cui il giudicare gli altri implica in ogni istante il dovere di fare i conti colla propria coscienza. Ma se la magistratura si riducesse ad essere, invece che un ordine di credenti, una categoria di impiegati senza fede, essa non sarebbe né migliore né peggiore degli altri rami della burocrazia. Ma allora non potrebbe considerarsi come vilipendio della giustizia dir la verità su questi burocrati che non credono più alla loro missione, come non vilipende la religione chi denuncia le cattive imprese dei sacerdoti che hanno preso l'abito senza vocazione". [Elogio dei giudici scritto da un avvocato, 1935].

Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sui giudici, gli avvocati, la legalità, il processo, la legge e la giustizia. [I link sono in fondo alla pagina].
I buoni magistrati vivono per servire il loro Paese;
i cattivi lo servono per vivere. (Jean Petit-Senn)
Perché la stupenda frase "La Giustizia è uguale per tutti" è scritta alle spalle dei magistrati?
Giulio Andreotti, Il potere logora... ma è meglio non perderlo, 1990

Noi non attacchiamo la magistratura, ma pochi giudici che si sono fatti braccio armato della sinistra per spianare a questa la conquista del paese.
Silvio Berlusconi, citato su Corriere della Sera, 1999

Questi giudici sono doppiamente matti! Per prima cosa, perché lo sono politicamente, e secondo sono matti comunque. Per fare quel lavoro devi essere mentalmente disturbato, devi avere delle turbe psichiche. Se fanno quel lavoro è perché sono antropologicamente diversi dal resto della razza umana.
Silvio Berlusconi, intervista, su The Spectator, 2003

La sinistra agisce grazie al collateralismo di un manipolo di magistrati combattenti.
Silvio Berlusconi, citato su la Repubblica, 2003

La magistratura è una malattia della nostra democrazia, dobbiamo assolutamente cambiare l'ordine giudiziario, non lascerò la politica finché un cittadino non potrà andare davanti a un giudice che sia veramente imparziale.
Silvio Berlusconi, citato su la Repubblica, 2006

Il comunismo ha sempre fatto ricorso alla magistratura, mettendo sotto processo centinaia di migliaia di oppositori anche in Europa e mandando a morte milioni di persone, come in Cina.
Silvio Berlusconi, ibidem

[La magistratura] colpisce puntuale, ad orologeria, vicino alle elezioni.
Silvio Berlusconi, ibidem

È assurdo che [...] ci siano dei funzionari, dei dipendenti, degli impiegati dello stato, pagati coi soldi dei cittadini, che tramino, che tramino, che tramino, contro il Presidente del Consiglio che lavora per tutti gli italiani: è un'infamità! Ed è un'infamità che si usino questi mezzi per convincere dei cittadini a scegliere un altro voto durante la campagna elettorale. Questo voglio portare a conoscenza di tutti i cittadini italiani perché riflettano sul futuro che si preparerebbe se queste forze che in combine assoluta con questi indegni magistrati potessero prendere [...] anche la maggioranza nel parlamento e avessero una concentrazione di potere anche col governo del Paese. 
Silvio Berlusconi, Conferenza stampa, 2006

Non vogliamo più l'oppressione giudiziaria. [...] Vogliamo la liberazione dall'oppressione della magistratura.
Silvio Berlusconi, discorso, Milano, 2007

Sono in assoluto il maggiore perseguitato dalla magistratura di tutte le epoche, di tutta la storia degli uomini, in tutto il mondo, perché ho subito più di duemilacinquecento udienze e ho la fortuna, avendo lavorato bene nel passato, avendo messo da parte un patrimonio importante, di avere potuto spendere più di duecento milioni di euro per consulenti e giudici. La persecuzione naturalmente... Ehm, avvocati.
Silvio Berlusconi, Conferenza stampa, 2009

Il male terribile dell'Italia, la vera patologia è la politicizzazione della magistratura, cioè l'uso politico della giustizia. C'è una grande maggioranza di giudici tuttavia che non appartiene a questa banda di talebani.
Silvio Berlusconi, citato su la Repubblica, 2010

Oggi, quando il Parlamento discute una legge, la approva e se non piace ai magistrati di sinistra, la impugnano davanti alla Consulta che è costituita in prevalenza da giudici che provengono dalla sinistra e dunque le abroga anche se sono leggi giuste e giustissime.
Silvio Berlusconi, citato su Corriere della Sera, 2011

La giustizia italiana non può andare avanti così. Siamo in un momento in cui si può dire che questa non è una democrazia ma una dittatura dei magistrati, una magistratocrazia. 
Silvio Berlusconi, Conferenza stampa, 2012

[In altri Paesi] la magistratura è una cosa seria, mentre da noi la magistratura è una mafia più pericolosa della mafia siciliana, e lo dico sapendo di dire una cosa grossa, ma è così.
Silvio Berlusconi, citato su la Repubblica, 2013

Magistrato. Un ufficiale giudiziario a giurisdizione limitata e incapacità illimitata.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Vi è stata una delega totale e inammissibile nei confronti della magistratura e delle forze dell'ordine a occuparsi esse solo del problema della mafia
Paolo Borsellino [1]

Solo là dove gli avvocati sono indipendenti, i giudici possono essere imparziali; solo là dove gli avvocati sono rispettati, sono onorati i giudici; e dove si scredita l’avvocatura, colpita per prima è la dignità dei magistrati, e resa assai più difficile ed angosciosa la loro missione di giustizia.
Piero Calamandrei, Elogio dei giudici scritto da un avvocato, 1935

Bisognerebbe che nella preparazione professionale dei magistrati si desse largo posto agli studî sperimentali di psicologia delle testimonianze: e che nelle promozioni, prima della sapienza con cui il giudice sa legger nei codici stampati, si considerasse titolo di merito la paziente penetrazione con cui sa decifrare le crittografie nascoste nel cuore dei testimoni.
Piero Calamandrei, ibidem

Che cosa è peggio, per il buon andamento della giustizia: un avvocato verboso o un magistrato irascibile?
Piero Calamandrei, ibidem

Ho conosciuto qualche magistrato talmente pieno di sé, talmente convinto della propria smisurata sapienza, da considerare con disprezzo tutti gli avvocati, e come una menomazione della propria dignità il mostrare attenzione a ciò che essi dicono.
Piero Calamandrei, ibidem

I giudici, per goder la fiducia del popolo, non basta che siano giusti, ma occorre anche che si comportino in modo da apparire tali: il magistrato che è salito sulla tribuna di un comizio elettorale a sostenere le idee di un partito, non potrà sperare mai più, come giudice, di aver la fiducia degli appartenenti al partito avverso.
Piero Calamandrei, ibidem

Il magistrato che si serve della motivazione della sua sentenza per [...] sfoghi politici, scambiando il seggio di giudice con un palco da comizio, cessa di esser magistrato.
Piero Calamandrei, ibidem

Ogni popolo, si potrebbe dire, ha la magistratura che si merita.
Piero Calamandrei, ibidem

Non è onesto, quando si parla dei problemi della giustizia, rifugiarsi dietro la comoda frase fatta di chi dice che la magistratura è superiore ad ogni critica e ad ogni sospetto: come se i magistrati fossero creature sovrumane, non toccate dalle miserie di questa terra, e per questo intangibili. Chi si appaga di queste sciocche adulazione, offende la serietà della magistratura; la quale si onora non coll'adularla, ma coll'aiutarla sinceramente ad essere all'altezza della sua missione.
Piero Calamandrei, ibidem

Avvocato senza passione, giudice senza imparzialità: questo è l'assurdo psicologico nel quale il pubblico ministero, se non ha uno squisito senso di equilibrio, rischia ad ogni istante di perdere per amor di serenità la generosa combattività del difensore, o per amore di polemica la spassionata oggettività del magistrato.
Piero Calamandrei, ibidem

L'errore giudiziario qualche volta è l'effetto inconsapevole di un peccato d'orgoglio: il magistrato che ha infilato una strada, si rifiuta di ascoltare le ragioni di chi vuol dimostrargli che è sbagliata, perché è convinto che, se l'abbandonasse dopo averla presa, ne soffrirebbe la dignità della giustizia. Egli crede che sia in giuoco la giustizia, mentre è in giuoco soltanto il suo amor proprio: senza accorgersene, coll'ostinarsi nella sua tesi, da giudice si è trasformato in parte.
Piero Calamandrei, ibidem

Se si continua ad ammettere che i magistrati possano essere eletti deputati o senatori nella lista di un partito, e che anche dopo la elezione continuino (come è avvenuto) a render giustizia, bisognerà anche introdurre nei codici, tra i motivi per i quali un giudice può essere legittimamente ricusato, l'appartenenza del giudicabile a un partito diverso da quello a cui è iscritto il magistrato che dovrebbe giudicarlo.
Piero Calamandrei, ibidem

Si vorrebbe nel magistrato soprattutto larghezza delle idee: la spregiudicata esperienza del mondo, la cultura che permette di intendere i lieviti sociali che bollono sotto le leggi, la letteratura e le arti, che aiutano a discendere nei misteri più profondi dello spirito umano.
Piero Calamandrei, ibidem

Non basta che i magistrati conoscano a perfezione le leggi come sono scritte; sarebbe necessario che altrettanto conoscessero la società in cui queste leggi devono vivere.
Piero Calamandrei, Elogio dei giudici scritto da un avvocato, 1935

L'azione delle forze di polizia e dei magistrati, per quanto condotta con metodo, impegno e professionalità, riesce a incidere in profondità solo se integrata con "un risveglio" del contesto sociale. Tenere alta la guardia, creare una mobilitazione di opinione pubblica, sensibilizzare le coscienze, isolare la cultura mafiosa sono complementi assolutamente ineludibili dell'azione investigativa.
Gian Carlo Caselli, su Corriere della Sera, 1994

Io professo per l'autorità della magistratura il maggior rispetto, io reputo che convenga conferirle amplissima facoltà nell'applicazione delle leggi, ma io sono altresì d'avviso che bisogna lasciare alla magistratura la minor dose d'arbitrio possibile.
Camillo Benso conte di Cavour, discorso, 1857

La magistratura non può essere indipendente dalla sovranità popolare. Deve essere indipendente dall'esecutivo. La sua organizzazione non deve perciò essere castale, ma collegiale e aperta: democratica. I giudici debbono fare buone sentenze, non sentenze buone per la carriera.
Umberto Cerroni, Carte della crisi, 1978

Anche la magistratura, salve eccezioni rese inoffensive, ha fatto parte di quella società del ricatto che è stata (e purtroppo è ancora) l'Italia. Le inchieste erano aperte o rapidamente finivano nel nulla per sostenere il ricatto della politica.
Gherardo Colombo, intervista di Giuseppe D'Avanzo, su Corriere della Sera, 1998

La magistratura è una variabile non coerente con il sistema consociativo. Per questo infastidisce, preoccupa, inquieta. Potere diffuso per antonomasia, può rompere in qualsiasi punto e imprevedibilmente il patto del silenzio, della complicità consociativa che il ricatto consiglia. Ecco la necessità di ridimensionare l'indipendenza del magistrato. Una magistratura meno indipendente, o addirittura dipendente, non riuscirebbe più a svolgere il controllo di legalità che le è proprio.
Gherardo Colombo, ibidem

Il magistrato vive nella società, è un uomo che, come tutti, fa le sue scelte e ha le sue opinioni e le sue relazioni: l'importante è che eserciti e dimostri di esercitare imparzialmente la sua funzione e non si aspetti meriti (e non sia posto in condizione di temere demeriti) per le scelte giudiziarie adottate e che non presenti le stesse come frutto di un impegno politico o di una strategia in qualche modo a carattere politico (e cioè rivolta a incidere su determinati fenomeni aventi rilevanza politica con i mezzi offerti dal processo).
Giuseppe Corasaniti, Tra potere e servizio, informazione e giustizia in Italia, 1997

L'azione della magistratura italiana nella attuazione dei valori costituzionali e dei diritti fondamentali (ambiente, salute, sicurezza, tutela della persona) ha meritato e merita attenzione e rispetto. Il sacrificio dei magistrati prima con il terrorismo e poi con la criminalità organizzata dimostra che c'è chi ha dato tutto nello Stato, nella legalità, nel rispetto dei diritti e della sicurezza degli altri.
Giuseppe Corasaniti, ibidem

Secondo me i magistrati non dovrebbero mai fare politica. Perché sono scelti secondo il criterio di competenza; e avendo guarentigie non sono abituati a seguire il criterio di rappresentanza. Per questo i magistrati sovente sono pessimi politici.
Piercamillo Davigo, intervista di Aldo Cazzullo, su Corriere della Sera, 2016

Noi magistrati siamo come i cornuti: siamo gli ultimi a sapere le cose; perché quando le sappiamo partono i processi.
Piercamillo Davigo, ibidem

Io capisco che rode accettare una cosa semplice semplice; che un magistrato, pubblico ministero ci azzecca una volta tanto e scopre una serie di reati facendo un'inchiesta coi fiocchi.
Antonio Di Pietro, a Fuori onda, La 7, 2016

La magistratura ha sempre rivendicato la propria indipendenza, lasciandosi in realtà troppo spesso irretire surrettiziamente dalle lusinghe del potere politico. Sotto la maschera di un'autonomia formale, il potere ci ha fatto dimenticare la mancanza di autonomia reale.
Giovanni Falcone, Cose di Cosa Nostra, 1991

Possiamo sempre fare qualcosa: massima che andrebbe scolpita sullo scranno di ogni magistrato e di ogni poliziotto.
Giovanni Falcone, ibidem

Temo che la magistratura torni alla vecchia routine: i mafiosi che fanno il loro mestiere da un lato, i magistrati che fanno più o meno bene il loro dall'altro, e alla resa dei conti, palpabile, l'inefficienza dello Stato.
Giovanni Falcone, Cose di Cosa Nostra, 1991

Vi è un tribunale che esiste in ciascheduna nazione; ch'è invisibile, perché non ha alcuno de' segni che potrebbero manifestarlo, ma che agisce di continuo, e che è più forte dei magistrati e delle leggi, de' ministri e de' re; che può essere pervertito dalle cattive leggi; corretto, diretto, reso giusto e virtuoso dalle buone; ma che non può né dalle une né dalle altre essere contrastato o dominato. Questo tribunale... è quello dell'opinione pubblica.
Gaetano Filangieri, Scienza della legislazione, 1780/85 

La tragedia italiana è rappresentata dal comunismo, dal '68 e dalla magistratura che si è impossessata del potere.
Giorgio Forattini, intervista, 2011

Oggi un'organizzazione criminale è formata da: politici, magistrati, uomini d'affari, sindacalisti e qualche volta... qualche criminale. A volte non c'è neanche.
Beppe Grillo, Tutto il Grillo che conta, 2006

La magistratura è il potere dei senza potere. 
Václav Havel [1]

Quando le indagini arrivano a certi livelli, andando a toccare personaggi potenti, diventa difficile procedere. I magistrati sono "buoni" solo quando sono morti o si occupano dell'ala militare della mafia. 
Antonio Ingroia, a Servizio Pubblico, 2012

Gli attacchi alla magistratura sono molto dannosi e favoriscono la mafia. 
David Lane, su Corriere della sera, 2010

Una volta c'erano i servizi deviati, la magistratura deviata, anche i giornalisti deviati, ora la cosa si sta ribaltando. Deviati sono quei pochi magistrati che fanno inchieste, i pochi giornalisti che scrivono, gli investigatori che fanno il loro dovere.
Luigi de Magistris, intervista di Enrico Fierro, su l'Unità, 2007

Oggi noi abbiamo una magistratura che non risponde a nessuno dei suoi errori spesso catastrofici, perché hanno distrutto uomini, hanno distrutto aziende per delle cose che poi si son rilevate insussistenti. Mai un magistrato ha pagato per questo. Io voglio che i magistrati paghino. Non dico a dei poteri esterni, ma perlomeno al potere a cui viene affidata la disciplina nella categoria.
Indro Montanelli, intervista a Mixer, Rai2, 1985

Io sono convinto che la magistratura debba essere indipendente, però chiedo ed esigo che abbia un autogoverno di controllo, e che soprattutto risponda dei suoi gesti.
Indro Montanelli, intervista a Mixer, Rai2, 1985

Per un magistrato italiano, la Legge con la Giustizia non ha nulla a che fare. 
Indro Montanelli, Il testimone, 1992

Come in tutte le altre pubbliche attività, anche nella giustizia c'è un dieci per cento di autentici eroi pronti a sacrificarle carriera e vita, ma senza voce in un coro di "gaglioffi" che c'è da ringraziare Dio quando sono mossi soltanto da smania di protagonismo. (Indro Montanelli)
Indro Montanelli, su Corriere della Sera, 1998

Lo spirito proprio del cittadino è il desiderio di vedere l’ordine nello Stato, di provar gioia nella pubblica tranquillità, nella corretta amministrazione della giustizia, nella sicurezza dei magistrati, nella prosperità di quelli che governano, nel rispetto per le leggi, nella stabilità della monarchia o della repubblica.
Charles-Louis de Montesquieu, I miei pensieri, 1716/55 (postumo 1899/01)

I magistrati siano inappuntabili per evitare attacchi inammissibili.
Giorgio Napolitano, citato su Il Fatto Quotidiano, 2011

Nell'esercizio della libertà di opinione e del diritto di critica, non deve mai violarsi il limite del riconoscimento del principio della divisione dei poteri e della funzione essenziale di controllo della legalità che spetta alla magistratura nella sua indipendenza.
Giorgio Napolitano, Dichiarazione del Presidente della Repubblica, 2013

La strada maestra da seguire è sempre stata quella della fiducia e del rispetto verso la magistratura, che è chiamata a indagare e giudicare in piena autonomia e indipendenza alla luce di principi costituzionali e secondo le procedure di legge.
Giorgio Napolitano, ibidem

Condivido la crisi della giustizia. Il nostro lavoro è inutile al 90 per cento perché abbiamo procedure bizantine per perseguire montagne di reati. Noi maciniamo acqua e questa è una frustrazione.
Carlo Nordio, su L'espresso, 2005

Non è detto che le scelte legittime siano anche opportune. Il magistrato non deve solo essere ma deve anche apparire imparziale. 
Carlo Nordio, su L'espresso, 2005

Io penso che nessun magistrato dovrebbe mai candidarsi alle elezioni, a maggior ragione non deve farlo un PM che è diventato famoso per inchieste in ambito politico.
Carlo Nordio, su L'espresso, 2005

La squadra che compone il Csm, [2] e che cambia ogni quattro anni, è composta – oltre che dai due membri di diritto, il procuratore generale e il primo presidente della Corte di Cassazione – da 16 togati eletti dalle correnti della magistratura e da 8 laici eletti dal Parlamento, tra i quali andrà poi scelto il vicepresidente. È quindi il massimo dell’incrocio di interessi tra magistratura e politica, le interferenze e le pressioni reciproche sono molto forti. È il momento in cui il potere esprime il massimo delle sue doti, nobili e meno nobili.
Luca Palamara, in Alessandro Sallusti, Il sistema, 2021

La magistratura ha bisogno della politica e viceversa, a volte questo avviene in chiaro, altre no.
Luca Palamara, ibidem

Dubito che oggi esista un confine netto tra la legittima difesa degli interessi della giustizia e l’uso strumentale della giustizia stessa per i fini politici di una parte della magistratura
Luca Palamara, ibidem

L’obiettivo del «Sistema» è accaparrarsi il neomagistrato. Come? Facendolo iscrivere il prima possibile alla propria corrente. Funziona così: quando entri in servizio vieni affiancato per un certo periodo a un magistrato anziano e «chi va con chi» lo decide una commissione apposita in base ai rapporti di forza delle correnti.
Luca Palamara, ibidem

Tutto il mondo è paese e la magistratura non sfugge alla regola.
Luca Palamara, ibidem

La magistratura segue le stesse logiche della politica, a volte addirittura le anticipa.
Luca Palamara, ibidem

La verità è che dietro ogni nomina [di magistrati] c’è un patteggiamento che coinvolge le correnti della magistratura, i membri laici del Csm e, direttamente o indirettamente, i loro referenti politici, e ciò è ampiamente documentabile.
Luca Palamara, in Alessandro Sallusti, Il sistema, 2021

Il comportamento dei magistrati, il loro modo di essere presenti nella società civile e politica, oltre che le modalità di esercizio della loro funzione, devono contribuire a collocarli in una posizione di credibilità e di rispetto. Non basta essere indipendenti e autonomi, occorre anche apparire tali.
Sandro Pertini, discorso, 1981

I buoni magistrati vivono per servire il loro Paese; i cattivi lo servono per vivere.
Jean Petit-Senn, Bluettes et boutades, 1855

Non c'è una definizione di fesso. Però: se uno paga il biglietto intero in ferrovia, non entra gratis a teatro; non ha un commendatore zio, amico della moglie e potente nella magistratura, nella Pubblica Istruzione ecc.; non è massone o gesuita; dichiara all'agente delle imposte il suo vero reddito; mantiene la parola data anche a costo di perderci, ecc. questi è un fesso.
Giuseppe Prezzolini, Codice della vita italiana, 1921

Non è necessario essere avvocato o magistrato per sapere che la legalità e la giustizia sono lontani dall'essere sinonimi.
Adolphe-Basile Routhier, Il centurione, 1909

La morte sai cos’è?... è una livella. / Un re, un magistrato, un grand’uomo, / passando questo cancello, ha fatto il punto / che ha perso tutto, la vita e pure il nome.
Totò (Antonio de Curtis), 'A livella, 1953/64

All'estero quando un politico è coinvolto in un reato sparisce lui, in Italia sparisce il reato o sparisce il processo; una volta spariva anche il magistrato.
Marco Travaglio, a Servizio Pubblico, 2012

I singoli magistrati possono avere opinioni politiche, come è garantito dalla Costituzione a ogni cittadino [...]. L'importante è che ogni magistrato, a prescindere dalle sue opinioni politiche, giudichi poi i FATTI, non le opinioni, e le giudichi CON IMPARZIALITÀ a prescindere da chi gli è davanti.
Marco Travaglio [1]

Un magistrato non deve usare i media per acquistare consenso o cercare di farsi una figura pubblica. Una magistratura che cerca il consenso dei cittadini e si legittima sulla base del consenso e non sulla base della legge è pericolosa per i cittadini stessi
Luciano Violante, a In 1/2 h, RaiTre, 2007

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. CSM: Consiglio Superiore della Magistratura, organo di autogoverno con lo scopo di garantire l'autonomia e l'indipendenza della magistratura dagli altri poteri dello Stato, in particolare da quello esecutivo, secondo il principio di separazione dei poteri espresso nella Costituzione della Repubblica italiana. [Wikipedia].
  3. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Giudici - Avvocati - LegalitàProcesso - LeggeGiustizia

Nessun commento: