Cerca Autori o Argomenti in Aforismario

Frasi e citazioni sull'Asessualità e gli Ace

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sull'asessualità, cioè la mancanza di attrazione sessuale e disinteresse più o meno marcato per tutto ciò che riguarda la sfera sessuale. L'asessualità può essere considerata un orientamento sessuale (come l'omosessualità o l'eterosessualità) o la mancanza di esso. L'asessualità non va confusa né con l'astinenza sessuale o la castità, che derivano da scelte personali o influenze di tipo culturale e religioso, né con il disturbo del desiderio sessuale. L'asessualità, così come la comunità che la rappresenta, viene a volte chiamata "ace", abbreviazione fonetica di "asexual".
La più nota e prolifica comunità di asessuali è l'Asexual Visibility and Education Network, fondata nel 2001 da David Jay. Come nota Laura Pigozzi:
"L’asessualità non è solo una caratteristica delle persone che non provano attrazione per nessun genere, ma è anche un movimento rappresentato dall’aggiunta della A finale all’acronimo ormai familiare LGBTQ, che è diventato LGBTQ&A. I suoi militanti sostengono che l’asessualità sia una forma di resistenza alla dittatura della performance erotica". [Amori tossici, 2023].
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla castità, la verginità, l'amore platonico e la sublimazione. [I link sono in fondo alla pagina].
Le persone asessuali non sono puzzle con pezzi mancanti.
Ognuno di noi è un puzzle completo. (Angela Chen)
La maggior parte della gente è costretta entro le norme sessuali: gli ace anche di più, talvolta fino al punto da esserne esclusi.
Angela Chen, ACE, 2020

La pubertà sa essere sconcertante per chiunque, poco importa l’orientamento sessuale. Per gli ace, la confusione arriva non solo dal non essere in grado di navigare la sessualità, ma anche dal sentirsene esclusi del tutto e guardare invece gli altri prendervi parte.
Angela Chen, ACE, 2020

Noi persone asessuali oggi non ci preoccupiamo della sessualità, ma non siamo neanche contrarie: non chiediamo alle persone di smettere di fare sesso o di sentirsi in colpa se lo fanno. Quello che chiediamo è di mettere in discussione le convinzioni che tutti noi abbiamo sul sesso, e vi promettiamo che in questo modo il mondo potrebbe essere un posto migliore e più libero per tutti. 
Angela Chen, ACE, 2020

Una persona può essere ace e non avere alcun desiderio per l’appagamento sessuale. Oppure, una persona può essere ace e avere un cosiddetto impulso sessuale non-diretto, che le fa formicolare le parti basse. Un impulso sessuale non-diretto non è una stranezza da ace; è solo un altro modo di dire “essere arrapato”, che colpisce chiunque perché l’eccitazione non deve per forza includere l’attrazione sessuale.
Angela Chen, ACE, 2020

Alcuni ace provano impulsi sessuali e altri no, ma tutti condividiamo lo stesso tipo di assenza di attrazione sessuale, e molti di noi hanno un desiderio sessuale molto basso nei confronti del sesso di coppia.
Angela Chen, ACE, 2020

Proprio perché il mondo non è una linea dritta che va dall’omosessualità all’eterosessualità, il mondo degli ace non può essere una linea dritta con ace da un lato, non ace dall’altro e demisessuali da qualche parte nel mezzo. È più un ombrello che copre esperienze diverse, molteplici e talvolta contraddittorie.
Angela Chen, ACE, 2020

Il mondo asessuale non è un vincolo. Nessuno è costretto a identificarsi, non ci sono trappole, nessuno deve restarci per sempre e giurare fedeltà. Le parole sono doni. 
Angela Chen, ACE, 2020

Non essere attratti sessualmente da altri non impedisce alle persone ace di provare attrazione estetica, che significa trovare la bellezza in qualcuno senza che la bellezza stessa diventi uno stimolo sessuale.
Angela Chen, ACE, 2020

Se non ci fosse nessuna sessualità obbligatoria, gli ace non avrebbero bisogno di una comunità solidale.
Angela Chen, ACE, 2020

La sessualità obbligatoria è un insieme di presupposti e comportamenti che sostengono l’idea che ogni persona normale sia sessuale, che non desiderare il sesso (socialmente accettato) sia innaturale e sbagliato, e che le persone a cui non interessa la sessualità si perdono un’esperienza estremamente necessaria.
Angela Chen, ACE, 2020

Scoprire e rivendicare l’asessualità può essere rivoluzionario, ma il mondo non sarà un luogo sicuro e positivo per le persone ace – o per chiunque – finché la sessualità obbligatoria non verrà demolita. 
Angela Chen, ACE, 2020

Le persone ace non si conformano, e pertanto vengono sminuite, la loro esperienza degradata a depressione o delusione o innocenza infantile; ci dicono che non possiamo giocare con i bambini grandi. Non siamo del tutto normali, né abbastanza meritevoli: fatti in forma umana ma con impianti difettosi e qualcosa che manca, qualcosa di fondamentale per la bella vita.
Angela Chen, ACE, 2020

Le persone ace non sono puzzle con pezzi mancanti. Ognuno di noi è un puzzle completo.
[Aces aren't a puzzle with a missing piece. Everyone is their own full puzzle].
Angela Chen, ACE, 2020

La differenza può essere un dono. L’identità ace può significare meno drammi interpersonali e più libertà dalle norme sociali delle relazioni. È un’opportunità per concentrarsi di più su altre passioni, per essere meno distratti dalla sessualità, per deviare dal copione e scegliere le proprie avventure e i propri valori.
Angela Chen, ACE, 2020

Alcune persone interpretano erroneamente l'apprezzamento estetico, l'attrazione romantica o l'eccitazione sessuale come attrazione sessuale, solo per rendersi conto in seguito di essere asessuali.
Julie Sondra Decker, L'orientamento invisibile: un'introduzione all'asessualità, 2014

La maturità di una persona non dovrebbe essere misurata dalla volontà o dall’inclinazione a cercare o accettare esperienze sessuali.
Julie Sondra Decker, ibidem

Proprio come molte persone LGBTQ, le persone asessuali devono ancora fare i conti con la lotta contro le aspettative della società e con lo sviluppo di orgoglio e fiducia nel proprio orientamento.
Julie Sondra Decker, ibidem

L'asessualità rappresenta una sfida per alcune delle nostre convinzioni più fondamentali sugli esseri umani e i loro sentimenti.
Bella DePaulo, Il meglio della vita da single, 2015

Abbiamo tanto da imparare sull'asessualità
Bella DePaulo, ibidem

L'asessualità giovanile è una variazione dell'anoressia sentimentale e sessuale: una ancor più estrema difesa dal legame, dall' interdipendenza in un mondo adulto temuto e ripudiato.
Nicola Ghezzani, La paura di amare, 2012

Non sono asessuale. Sono relazionale.
John Green [1]

Quando ero adolescente, ho passato molto tempo a chiedermi perché ero diversa e se c'erano altre persone come me. Perché, quando tutti gli altri erano affascinati dalla loro natura sessuale in via di sviluppo, a me non fregava niente. Non sono mai stata attratta dagli uomini, o dalle donne, o da qualsiasi altra cosa. È difficile da spiegare, e nessuno ci ha mai creduto quando ho provato a spiegarlo, ma anche se ho un corpo femminile apparentemente normale, non ho alcun bisogno o appetito sessuale. Penso di essere neutra.
Keri Hulme, The Bone People, 1983

Se andassi dai miei genitori e dicessi loro che sono lesbica, capirebbero cosa intendo. Se andassi dai miei fratelli e dicessi che sono bisessuale, capirebbero cosa intendo. Se dicessi a qualcuno che sono asessuale, mi guarderebbero come se ci fosse qualcosa che non va. Mi direbbero di andare da un dottore. 
Claire Kann, Parliamo d'amore, 2018

Quando ancora andava a scuola, quella era sempre la parte più difficile: spiegare che essere “asessuale” non coincideva con l’essere “aromantica”. Le passeggiate mano nella mano e i baci le piacevano. Aveva avuto parecchi fidanzatini alle elementari, proprio come le altre bambine, e poteva dirsi completamente soddisfatta dalla praticità di quelle relazioni. Solo con la pubertà, che era arrivata e aveva scombinato tutte le regole, si era tirata indietro in preda alla confusione e al disinteresse.
Seanan McGuire, Una porta per ogni cuore, 2016

La castità è una scelta. Io sono asessuale. Non provo quel tipo di pulsione.
Seanan McGuire, ibidem

Era quasi di sicuro il ragazzo più attraente che avesse mai visto. Avrebbe trascorso ore seduta insieme a lui a parlare di sciocchezze. Avrebbe voluto sentire il tocco delle sue dita sulla pelle, nutrire la certezza che lui le stesse accanto, concentrato solo su di lei. Purtroppo, però, la cosa non sembrava mai finire lì, dove lei desiderava che finisse.
Seanan McGuire, ibidem

Non voglio uscire con nessuno. Alcune persone sono belle, certo, e mi piace guardare le cose belle, ma non andrei a un appuntamento con un dipinto.
Seanan McGuire, ibidem

Per un po’ aveva pensato che fosse proprio la sua mancanza di desiderio sessuale ad averla condotta nell’Aldisotto – in fondo, quando frequentava un liceo normale insieme ad altri normali adolescenti si era sentita chiamare un mucchio di volte “frigida” e “morta dentro” –, ma in verità nessuna delle persone che aveva conosciuto in quelle sale gloriosamente infestate condivideva il suo orientamento.
Seanan McGuire, Una porta per ogni cuore, 2016

L’asessualità non rende le nostre vite né peggiori né migliori, semplicemente affrontiamo una serie di sfide diverse rispetto alla maggior parte delle persone sessuali.
Mallory Ortberg [1]

A differenza del celibato, che può essere scelto, l’asessualità è una parte intrinseca di ciò che siamo.
Mallory Ortberg [1]

Stavo piano piano mettendo insieme i pezzi. Non avevo mai avuto una cotta per nessuno. Né ragazzi, né ragazze, né una singola persona in tutta la mia via. Ma cosa significava? Aveva un significato? Oppure non avevo proprio capito come vivere? C’era forse qualcosa di sbagliato in me? 
Alice Oseman, Loveless, 2020

Pensai a come procedere nel mio piano per “trovare l’amore”, ma non avevo provato niente di romantico per nessuna delle persone conosciute fino a quel momento, ed ero troppo in ansia per obbligarmi a sentire cose che non c’erano.
Alice Oseman, Loveless, 2020

La teoria che mi ero fatta era che il mio carattere timido e introverso fosse collegato a tutta la questione del non avere mai avuto una cotta – magari semplicemente non avevo parlato con abbastanza persone, o forse la gente in generale mi mandava un po’ nel panico, ed è per questo che non avevo mai voluto baciare nessuno. Se solo avessi lavorato sulla mia autostima e mi fossi sforzata di essere più aperta e socievole, sarei riuscita a fare tutte quelle cose, come la maggior parte delle persone.
Alice Oseman, Loveless, 2020

Ripensai a tutte le persone che avevo conosciuto negli ultimi giorni. Centinaia di persone della mia età, di tutti i generi, forme e personalità. Non riuscivo a trovarne una sola che mi attraesse.
Alice Oseman, Loveless, 2020

Non sapevo esattamente come definirmi. E sì, certo, avevo considerato la possibilità che non mi piacessero i ragazzi. Ampiamente considerato. Eppure, non sembravano piacermi neanche le ragazze. In realtà non sembrava piacermi nessuno. 
Alice Oseman, Loveless, 2020

Internet è una benedizione e una maledizione. Cercare su Google “asessuale aromantica” dava una quantità di informazioni a cui non ero preparata né a livello mentale né emotivo. La prima volta che ci avevo provato avevo subito chiuso la finestra e non mi ero azzardata a fare un altro tentativo per un giorno intero.
Alice Oseman, Loveless, 2020

Il punto era che non provavo attrazione sessuale o romantica per nessuno. Neanche per una cazz* di persona delle tante che avevo o che avrei incontrato nella mia vita. Quindi era vero. Ero io. Aromantica. Asessuale.
Alice Oseman, Loveless, 2020

Questa ero io. Non avrei mai saputo cosa significava innamorarsi; e tutto per colpa della mia sessualità – una parte fondamentale di me che non potevo cambiare.
Alice Oseman, Loveless, 2020

Ero arrabbiata con la sorte per avermi rifilato questa mano da giocare. Anche se sapevo che non c’era niente di sbagliato in me – un sacco di persone provavano le stesse cose, non ero sola, ama te stessa, eccetera eccetera – non sapevo come arrivare a quel punto in cui non sarebbe più stato un peso, e si sarebbe trasformato, invece, in una cosa bella, una cosa da festeggiare, da condividere con il resto del mondo.
Alice Oseman, Loveless, 2020

Ero arrabbiata con ogni singolo film romantico, ogni singola fanfiction, ogni singolo stupidissimo OTP che mi aveva fatto desiderare la storia d’amore perfetta. Era per colpa di tutte quelle cose, senza alcun dubbio, che percepivo questa nuova identità come una perdita, quando in realtà avrebbe dovuto essere una scoperta meravigliosa.
Alice Oseman, Loveless, 2020

Ad alcune persone asessuali piace fare sesso, per tante ragioni diverse. Penso sia questo che confonde molta gente. Ad altre persone asessuali il sesso non piace proprio, mentre altre ancora non hanno una preferenza specifica. Alcune persone asessuali sentono comunque attrazione romantica – il voler stare in una relazione, o anche voler baciare qualcuno, per esempio. Altre, invece, non vogliono saperne. È uno spettro davvero, davvero vasto, con un ampio ventaglio di sentimenti ed esperienze diverse. Non c’è modo di prevedere come si senta una persona specifica, anche se si descrive apertamente come asessuale.
Alice Oseman, Loveless, 2020

Tanti giovanissimi sono afflitti dalle angosce relative alle disforie di genere ma anche da un impressionante calo libidico, una sorta di astenia sessuale che sembra contraddire l’effervescenza pulsionale che ci si aspetterebbe a quell’età.
Laura Pigozzi, Amori tossici, 2023

Se lo sbocciare della sessualità era un marcatore per l’autonomia dei giovani, viene da ipotizzare che la caduta di Eros possa essere un risultato del loro scarsissimo desiderio di indipendenza.
Laura Pigozzi, ibidem

Gli asessuali non escludono a priori la possibilità di relazioni romantiche: dunque sembra sufficiente che il corpo non sia implicato. Eppure è il corpo che dovrebbe muovere il pensiero, accendere la vita, indirizzare il desiderio, alimentare la relazione.
Laura Pigozzi, ibidem

Per la prima volta nella storia dell’umanità giovani e giovanissimi non scalpitano per dare voce alla propria pulsionalità, ma per un’etichetta che li riconosca come esclusi dal mondo erotico, nel quale invece da sempre hanno bramato entrare.
Laura Pigozzi, ibidem

Se il sesso è una componente ineliminabile dell’incontro amoroso, il rifiuto della sessualità indica che, per questi giovani, le relazioni hanno perso il loro appeal. 
Laura Pigozzi, ibidem

La sessualità come l’abbiamo conosciuta nel secolo scorso – liberata grazie alla psicoanalisi e ai movimenti politici giovanili – non è più il fulcro di una relazione d’amore: le coppie «bianche» sono in aumento.
Laura Pigozzi, ibidem

La desessualizzazione strisciante tra le nuove generazioni ha un altro effetto sconcertante: concorre a diminuire l’investimento tra pari che, pur nella forma sublimata dell’amicizia, di Eros si nutriva.
Laura Pigozzi, ibidem

Le rimostranze degli attivisti asessuali ricordano per certi versi la rivendicazione degli hikikomori contro la performatività scolastica e sociale (anche se poi possono essere degli eccellenti performer virtuali) e quella delle anoressiche contro l’abbondanza capitalistica di cibo. Tuttavia sappiamo che queste non sono bandiere animate dal vento di un desiderio vitale, bensì mortificate dall’astensione alla vita: ritiro sociale, ritiro dal cibo, ritiro dal sesso sono forme in cui la pulsione di morte organizza i sintomi giovanili.
Laura Pigozzi, Amori tossici, 2023

Da un punto di vista edonistico, il peggior orientamento sessuale che si possa avere – anche se vissuto in modo egosintonico – è quello dell’asessualità, perché in un mondo già così parco nell’offrire occasioni di vivere piaceri intensi, essa non consente, o lo consente assai poco, di sperimentare il più intenso di tutti.
Giovanni Soriano, L'inconveniente umano, 2022

Il sesso era una complicazione a cui non aveva alcun interesse.
Elyse Springer, Thaw, 2017

Le poche relazioni che ho avuto mi hanno portato a capire che non c'è niente di sbagliato nella mia libido; ha semplicemente una politica di ammissione più restrittiva rispetto a quella che sembra avere il restante novantotto per cento della popolazione.
Neve Wilder, Dedicated, 2019

Pensavo che avere un nome per definirmi, asessuale, sarebbe servito. Ma non è così. Non voglio solo conoscere me stessa, voglio che le altre persone mi conoscano, mi capiscano, mi credano. In modo che io possa davvero essere me stessa.
Karen Wilfrid, Just Lizzie, 2023

Per molte persone, essere sole simboleggia l’incapacità di essere all’altezza delle aspirazioni di vita che la società dice loro che dovrebbero desiderare.
Eris Young, Ace Voices, 2022

C'è del potere nel nominare sé stessi, ma c'è anche potere nell'essere innominabile.
[There is power in naming yourself, but there is also power in being unnameable].
Eris Young, ibidem

Così come l'asessualità non è una malattia da curare, l'avversione sessuale non è una patologia, a meno che la persona che la sperimenta non decida che lo sia.
Eris Young, Ace Voices, 2022

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Castità - Verginità - Amore Platonico - Sublimazione

Nessun commento: