Aforismi, frasi e citazioni sul Determinismo

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sul determinismo e sul libero volere. In questa raccolta sono poste a confronto le riflessioni di grandi pensatori sull'antica questione che riguarda la libertà del volere umano: le nostre azioni e le nostre decisioni sono frutto di una libera scelta o sono predeterminate senza che nemmeno ce ne rendiamo conto? Per la complessità del tema, la lettura di questa raccolta di pensieri è particolarmente dedicata agli amanti della filosofia.

Come introduzione, riportiamo un esempio pratico del grande filosofo tedesco Arthur Schopenhauer, che spiega in modo semplice e pratico cos'è il determinismo:
"Supponiamo che un uomo, per strada, dica a sé stesso: “Sono le sei di sera e ho finito di lavorare. Ora potrei fare una passeggiata, o andare al club, oppure salire sulla torre per ammirare il tramonto. Potrei andare a teatro, visitare questo o quell'amico. Potrei addirittura infilare la porta della città, perdermi nel vasto mondo e non tornare più indietro. Tutto questo dipende solo da me: ho la piena libertà di farlo. Tuttavia non ne farò nulla, e me ne vado altrettanto liberamente a casa da mia moglie”.
È esattamente come se l’acqua dicesse: “Potrei montare delle onde enormi (certo, in mare durante la tempesta), potrei scorrere velocemente e impetuosamente a valle (certo, nel letto di un torrente), potrei precipitare in mezzo a schiuma e spruzzi (certo, in una cascata), potrei zampillare verso l’alto (certo, in una fontana), potrei infine evaporare e svanire (certo, alla temperatura di 80 gradi). Tuttavia ora non ne faccio nulla: me ne rimango liberamente qui, tranquilla e limpida, nello stagno a specchio”.
Come l’acqua potrebbe fare tutte quelle cose solo se subentrassero le corrispondenti cause, per l’una o per l’altra, così pure quell'uomo potrebbe fare tutte quelle cose, che lui crede di poter fare, in nessun altro modo se non al subentrare delle corrispondenti cause. Ma finché questo non succede, ognuna di quelle cose sarà per lui impossibile". [Sulla libertà del volere umano, 1839].

Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sul libero arbitrio, sul destino e sulla relazione tra causa ed effetto. [I link sono in fondo alla pagina].
Il determinismo è il solo modo di rappresentarci il mondo.
E l'indeterminismo, il solo modo di viverci. (Paul Valéry)
L’uno e identico effetto viene prodotto dall'agente naturale su qualunque cosa operi, perché esso non possiede deliberazione; e perciò in qualunque circostanza produce lo stesso effetto.
Roger Bacon, Opus maius, 1267

Ogni definizione della libertà darà ragione al determinismo. Potremo infatti definire l’atto libero dicendo che esso, una volta compiuto, avrebbe potuto non esserlo? Ma questa affermazione – come pure quella contraria – implica l’idea di un’equivalenza assoluta tra la durata concreta e il suo simbolo spaziale: e dal momento che si ammette questa equivalenza, sviluppando la formula stessa che abbiamo appena enunciato, si arriva al determinismo piú inflessibile.
Henri Bergson, Saggio sui dati immediati della coscienza, 1889

La libertà del volere è una finzione psicologica.
Louis Berkhof [1]

Il determinismo storico non è altro che il sintomo del torpore che affligge l'immaginazione dello storico.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Le filosofe deterministe hanno la pretesa di salvare la dignità dell'uomo con postille che diluiscono e sfumano le tesi che proclamano.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Per poter abusare della propria libertà l'uomo deve convertirsi a teorie deterministiche. L'uomo si arrende ai propri demoni solo quando crede di piegarsi a un decreto divino. Il determinismo è l'ideologia delle perversioni umane.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Si invoca il determinismo per esorcizzare la grazia. Con la tiritera dell'effetto e della causa cerchiamo di assordare la nostra paura e mettere a tacere la nostra colpa.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Non credo affatto alla libertà dell'uomo nel senso filosofico della parola. Ciascuno agisce non soltanto sotto l'impulso di un imperativo esteriore, ma anche secondo una necessità interiore. L'aforisma di Schopenhauer: "È certo che un uomo può fare ciò che vuole, ma non può volere che ciò che vuole" mi ha vivamente impressionato fin dalla giovinezza; nel turbine di avvenimenti e di prove imposte dalla durezza della vita, quelle parole sono sempre state per me un conforto e una sorgente inesauribile di tolleranza. Aver coscienza di ciò contribuisce ad addolcire il senso di responsabilità che facilmente ci mortifica e ci evita di prendere troppo sul serio noi come gli altri; si è condotti cosi a una concezione della vita che lascia un posto singolare all'humour.
Albert Einstein, Come io vedo il mondo, 1934

Il tratto distintivo dello psicoanalista è la rigorosa convinzione del determinismo della vita psichica. Per lui, nelle manifestazioni della psiche, non esiste nulla di insignificante, nulla di arbitrario e casuale; laddove gli altri, di solito, ne escludono la presenza, egli vede dappertutto una diffusa motivazione; e, se ciò non bastasse, egli è disposto perfino a trovare una motivazione plurima delle stesse manifestazioni psichiche, mentre il nostro bisogno di causalità, che si presume congenito, si accontenterebbe di un'unica determinante psichica.
Sigmund Freud, Cinque conferenze sulla psicoanalisi, 1909

Puoi fare quello che decidi di fare, ma non puoi decidere cosa deciderai di fare.
[You can do what you decide to do — but you cannot decide what you will decide to do].
Sam Harris [cfr. citazione attribuita da Einstein a Schopenhauer].

La libertà è soltanto necessità compresa, e la sottomissione a questa dimensione più alta è identica alla vera libertà.
William James, Il dilemma del determinismo, 1884

Ogni azione è determinata e mai indifferente, poiché sempre è data una ragione che induce − pur non obbligando necessariamente − ad agire preferibilmente in un certo modo, piuttosto che in un altro.
Gottfried Wilhelm von Leibniz, Saggi di Teodicea sulla bontà di Dio, la libertà dell'uomo e l'origine del male, 17010

L'uomo è un capolavoro della creazione se non altro per il fatto che, nonostante tutto il peso dell'evidenza del determinismo, crede di avere il libero arbitrio.
Georg Lichtenberg, Scritti postumi, 1800/06

La progressione sconcertante di convinzioni irrazionali è significativa della reazione contro un mal di vivere dilagante: dietro al successo dell'astrologia, della preveggenza, delle sette, degli integralismi, si ritrova negli adepti la volontà di alienare volontariamente una libertà troppo pesante da sostenere, generatrice di angoscia, aggrappandosi a un credo semplicistico, deterministico, che consente di attribuire tutti gli avvenimenti a una potenza esterna.
Georges Minois, Storia del mal di vivere, 2003

Tutto, incluso ciò che accade nel nostro cervello, dipende da questo e soltanto da questo: da un insieme di leggi fisse e deterministiche.
Marvin Minsky [1]

Siamo convinti di prendere le decisioni a ragion veduta e guidati dalla nostra volontà. Ma in realtà è l'inconoscibile logica della corrente degli eventi a sospingerei verso sbocchi obbligati.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

La vita è come un gioco di carte: la mano che ti viene data è il determinismo; il modo in cui lo giochi è il libero arbitrio.
[Life is like a game of cards. The hand you are dealt is determinism; the way you play it is free will].
Jawaharlal Nehru [1]

La conoscenza più forte (quella dell’assoluta mancanza di libertà della volontà umana) è tuttavia la più povera di successi: perché essa ha sempre l’avversario più forte, la vanità umana.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

Il determinismo è dannoso solo per quella morale che crede al libero arbitrio come presupposto della moralità, crede alla "responsabilità".
Friedrich Nietzsche, Frammenti postumi, 1869/89

Che a ciascuno accadano sempre le stesse cose, non è affermazione deterministica. Anzi. Se queste cose accadono non vuol dire che il soggetto è determinato dalla necessità naturale di esse cose, ma che in ogni incontro porta la sua costanza, indole, persona, essenza ecc. ed è questa a scegliere gli incontri, a foggiarli sempre all'uguale. Per quanto entra l'io umano negli incontri essi sono liberi.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

Vivere tra la gente è sentirsi foglia sbattuta. Viene il bisogno d'isolarsi, di sfuggire al determinismo di tutte quelle palle da biliardo.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

L'assunzione di un determinismo assoluto è il fondamento essenziale di ogni indagine scientifica.
Max Planck [1]

Secondo il determinismo, ogni teoria, incluso lo stesso determinismo, esiste a causa di una certa struttura fisica di chi la sostiene – probabilmente del suo cervello. Di conseguenza, noi ci inganniamo, e siamo fisicamente condizionati a ingannarci, ogni volta che crediamo che vi siano argomentazioni o ragioni che ci spingono ad accettare il determinismo. In altre parole, il determinismo fisico è una teoria, che, se è vera, è insostenibile, poiché deve spiegare tutte le nostre reazioni, incluse quelle che ci sembrano convinzioni basate su argomentazioni, in base a condizioni puramente fisiche. Condizioni puramente fisiche, incluso il nostro ambiente fisico, ci fanno dire o accettare tutto ciò che diciamo o accettiamo”.
Karl Popper, Compton Lecture, 1966

Il determinismo è, sostanzialmente, la teoria per la quale tutto ciò che accade nel mondo, si svolge come in un ideale meccanismo ad orologeria. Contrariamente a ciò, io credo che gli sviluppi degli eventi nel mondo non siano predeterminati. I miei argomenti principali sono, in sostanza, le invenzioni umane. Mi pare abbastanza chiaro che nella nebulosa primitiva – bilioni di anni fa – un auto o un aereo o cose del genere non erano già predeterminate o precostituite, ma che esse sono venute nel mondo 1 fisico solo ad opera dello spirito umano.
Karl Popper, Società aperta, universo aperto, 1984

La mia convinzione che il determinismo è falso, è in parte naturalmente legata con la mia persuasione che l'uomo può agire creativamente, che può immettere nel mondo qualcosa che prima non c’era: e tutto ciò, a mio avviso, non è compatibile col determinismo.
Karl Popper, Società aperta, universo aperto, 1984

Chi nega il determinismo biologico ignora dunque che certi atti sono interdetti a certi uomini, come avere gli occhi scuri o il naso schiacciato se essi non ne hanno ricevute le condizioni germinali? Egli suppone che essendo organicamente lo stesso si possa agire differentemente? Per salvare la nozione di responsabilità individuale, bisognerebbe, credo, arrivare fino ad ammettere che si sia responsabili dei propri cromosomi.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1954

Si può giudicare un uomo dicendo che è in malafede. Se abbiamo definito la condizione dell'uomo come una libera scelta, senza scuse e senza aiuti, chiunque si rifugi dietro la scusa delle sue passioni, chiunque inventi un determinismo è un uomo in malafede.
Jean-Paul Sartre, L'esistenzialismo è un umanismo, 1945

Gli atti e i pensieri dell’uomo - sappiatelo - non sono come le onde del mare mosse ciecamente dal vento. Il mondo interiore, il microcosmo, è il pozzo profondo da cui eterni scaturiscono. Essi sono necessari come i frutti dell’albero e il caso non può mutarli per gioco. Una volta scrutata l’intima essenza dell’uomo, anche il suo volere e le sue azioni conosco.
Friedrich Schiller, Wallenstein, 1799
Un individuo può fare ciò che vuole, ma non può volere
ciò che vuole. (Arthur Schopenhauer e Albert Einstein)
In conformità al concetto popolare di libertà si suol dire: «Io sono libero se posso fare ciò che voglio» e già con questo “ciò che voglio” viene sancita la libertà. Tuttavia, poiché ci stiamo interrogando riguardo alla libertà del volere, la domanda dovrebbe essere posta adeguatamente in questi termini: «Puoi tu anche volere ciò che vuoi?». Con questa domanda sembra che il volere dipenda da un altro volere a monte. Se la risposta fosse affermativa, subito sorgerebbe una seconda domanda: «Puoi tu anche volere, ciò che vuoi volere?».
Arthur Schopenhauer, Sulla libertà del volere umano, 1839

Ciò che è libero - la cui peculiare caratteristica è l’assenza di ogni necessità - non dovrebbe dipendere assolutamente da alcuna causa e dovrebbe essere quindi definito come ciò che è assolutamente casuale. Questo è un concetto estremamente problematico - che non credo si possa neppure pensare.
Arthur Schopenhauer, ibidem

La volontà dell’uomo è il suo vero e proprio Io, il vero nucleo della sua essenza. La volontà costituisce il fondamento della sua coscienza come qualcosa di semplicemente dato e presente, oltre il quale l’uomo non può andare. L’uomo infatti è come lui vuole, e vuole come lui è. Chiedere a un uomo: “Potresti volere altrimenti da come vuoi?”, è come chiedergli: “Potresti essere un altro, diverso da quello che sei?”.
Arthur Schopenhauer, Sulla libertà del volere umano, 1839

La tanto celebrata certezza: “Io posso fare ciò che io voglio”, in realtà dice solo: “Io vedo ogni atto della mia volontà tradursi subito - in un modo per me del tutto inspiegabile - in un movimento del mio corpo”.
Arthur Schopenhauer, ibidem

Se esistesse la libertà di volere, ogni azione umana sarebbe un miracolo inspiegabile: un effetto senza causa.
Arthur Schopenhauer, ibidem

Non è assolutamente né una metafora né un’iperbole, ma semplice verità, che come una palla di biliardo non può mettersi in moto prima di subire un urto, così pure un uomo non può alzarsi dalla sedia prima che un motivo lo attiri o lo sospinga. Ma appena subentra il motivo, allora il suo alzarsi diventa necessario e inevitabile, come il rotolare della palla dopo l’urto.
Arthur Schopenhauer, Sulla libertà del volere umano, 1839

Aspettarsi che uno faccia qualcosa verso cui nessun interesse lo spinge, è come aspettarsi che un pezzo di legno si muova verso di me, senza una corda che lo tiri.
Arthur Schopenhauer, ibidem

L’effettiva e originaria differenza fondamentale di carattere non è compatibile con l’ipotesi della libertà di volere. Questa infatti consisterebbe nel fatto che lo stesso uomo, in qualunque situazione, possa compiere indifferentemente delle azioni diametralmente opposte.
Arthur Schopenhauer, ibidem

Ogni singolo essere, di qualsiasi tipo, al subentrare di una causa efficiente reagisce sempre in conformità alla propria peculiare natura.
Arthur Schopenhauer, ibidem

L’ipotesi della libertà di volere - a prima vista così allettante per un intelletto filosoficamente rozzo - contraddice fondamentalmente il nostro convincimento morale [della responsabilità delle nostre azioni] e anche il principio supremo del nostro intelletto, ossia la legge di causalità.
Arthur Schopenhauer, Sulla libertà del volere umano, 1839

L’uomo fa sempre solo ciò che vuole, eppure lo fa necessariamente. Questo dipende dal fatto che l’uomo è già ciò che vuole, poiché da ciò che lui è deriva necessariamente tutto ciò che lui ogni volta compie.
Arthur Schopenhauer, ibidem

Come nella natura inanimata ogni effetto è il necessario prodotto di due fattori - la forza naturale che si manifesta in quel determinato effetto e la causa specifica che ha indotto questa forza a manifestarsi - così pure ogni azione dell’uomo è il necessario prodotto del proprio carattere e del motivo che è sopraggiunto. Dati questi due fattori segue inesorabilmente l’azione.
Arthur Schopenhauer, Sulla libertà del volere umano, 1839

Tutto ciò che succede, dalla cosa più grande alla più piccola, avviene necessariamente.
Arthur Schopenhauer, ibidem

Tutti i pensatori veramente profondi di tutti i tempi, indipendentemente da quanto diverse possano essere le loro opinioni su altri temi, si sono trovati d’accordo nell'affermare la necessità degli atti della volontà al subentrare dei motivi e nel negare l’esistenza del libero arbitrio.
Arthur Schopenhauer, Sulla libertà del volere umano, 1839

L'uomo può fare ciò che vuole, ma non può volere ciò che vuole.
[Der Mensch kann zwar tun, was er will, aber kann nicht wollen, was er will].
[Man can do what he wills but he cannot will what he wills].
Arthur Schopenhauer [attribuito da Albert Einstein in Come io vedo il mondo, 1934].

Ognuno di noi crede di essere libero di scegliere la propria esistenza, ma non fa altro che seguire orbite prestabilite.
Carlo Sgorlon, Il trono di legno, 1973

Noi non siamo padroni di noi stessi. Ciò che è stato decretato deve accadere, e così sia.
William Shakespeare, La dodicesima notte, ca. 1601

Non dipende da noi l'esser buoni o cattivi.
[ούκ έφ’ ήμΐν γενέσθαι τό σπουδαίους είναι, ή φαύλους].
Socrate, attribuito in Aristotele, Etica Nicomachea, IV sec. a.e.c.

Non si può dire che la volontà sia una causa libera, ma solo che è una causa necessaria. Infatti la volontà, come tutto il resto, ha bisogno di una causa che la determini in modo univoco per esistere e operare.
Baruch Spinoza, Ethica, 1677

Nella Mente non vi è alcuna volontà assoluta o libera; la Mente è determinata a volere questo o quello da una causa che è anch'essa determinata da un’altra, e questa a sua volta da un’altra, e così all'infinito.
Baruch Spinoza, Ethica, 1677

La Mente è un certo e determinato modo di pensare, e perciò non può essere causa libera delle proprie azioni, ossia non può avere l’assoluta facoltà di volere e di non volere; ma deve essere determinata a volere questo o quello da una causa che è anch'essa determinata, e questa a sua volta da un’altra, ecc.
Baruch Spinoza, Ethica, 1677

Una qualunque cosa singola, cioè qualsiasi cosa finita che abbia una esistenza determinata, non può esistere né essere determinata a operare se non è determinata a esistere e a operare da un’altra causa anch'essa finita e dotata di un’esistenza determinata: a sua volta questa causa non può esistere né essere determinata a operare se non è determinata ad esistere e a operare da un’altra causa, anch'essa finita e dotata di una esistenza determinata, e così via all'infinito.
Baruch Spinoza, Ethica, 1677

Non ci possono essere due esseri assolutamente liberi nell'universo, perché prima o poi due volontà completamente libere devono scontrarsi.
Aiden Wilson Tozer [1]

Il determinismo è il solo modo di rappresentarci il mondo. E l'indeterminismo, il solo modo di viverci.
[Le "déterminisme" est la seule manière de se représenter le monde. Et l'indéterminisme, la seule manière d'y exister].
Paul Valéry, Quaderni, 1894-1945 (postumo 1957/61)

L’azione dell’uomo non dipende dal suo potere, né è in suo arbitrio camminare e dirigere i suoi passi.
Geremia, Antico Testamento, V sec a.e.c.

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. La frase testuale: "L'uomo può fare ciò che vuole, ma non può volere ciò che vuole", non è stata mai scritta da Schopenhauer, ma gli è stata attribuita da Einstein che l'ha evidentemente dedotta dalla lettura del saggio Sulla libertà del volere umano (1839) del filosofo tedesco, dove dice, ad esempio: "In base al concetto empirico di libertà diciamo: "Io sono libero se posso fare ciò che voglio", e con questo "ciò che voglio" la libertà è già definita. Ma, dato che cerchiamo la libertà del volere, la domanda andrebbe formulata così: "Puoi anche volere ciò che vuoi?".
  3. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Libero Arbitrio - Destino - Causa ed Effetto

Nessun commento: