Aforismi, frasi e proverbi sulla Luna

Raccolta di aforismi, frasi e proverbi sulla Luna (dal latino lūna, affine a lūx "luce"), l'unico satellite naturale della Terra, privo di acqua e di atmosfera, la cui luminosità è dovuta alla riflessione della luce del Sole. La Luna dista dalla Terra circa 384.000 km, e le sue dimensioni sono circa un 1/50 di quelle terrestri.
Su Aforismario trovi altre raccolte di frasi correlate a questa sullo sbarco sulla Luna (o allunaggio), sul confronto tra il Sole e la Luna, e sulle persone lunatiche, così chiamate sia perché il loro umore è variabile come le fasi lunari, sia perché anticamente si pensava che alcune persone avessero periodici accessi di follia a causa l'influenza lunare. [I link sono in fondo alla pagina].
Ognuno di noi è una luna: ha un lato oscuro
che non mostra mai a nessun altro. (Mark Twain)
Il potere che la luna ha sopra le maree è lo stesso che l’adrenalina ha sopra le emozioni: adrenaluna.
Raul Aceves [1]

C'è una tribù nell'Artico americano secondo la quale tutti gli esseri sulla Terra possiedono un'anima che è la forma in miniatura del corpo che la contiene: così che un daino ha dentro di sé un piccolo daino, e un uomo a sua volta un piccolo uomo. Quando l'essere grande muore, sopravvive quello piccolo: può trasmigrare in qualcosa che sta nascendo lì vicino, oppure recarsi a un luogo di sosta temporaneo nel cielo, nella pancia di un grande spirito femminile, dove attende finché la luna non potrà rimandarlo sulla terra. A volte, dicono, la luna ha così tanto da fare con le anime nuove del mondo che scompare dal cielo. Ecco perché abbiamo certe notti senza luna. Ma, alla fine, la luna torna sempre, come noi tutti. Questo è ciò che loro credono.
Mitch Albom, I miei martedì col professore, 2000

− La luna è piena.
− Sì, e si ignora chi l'ha messa in questo stato.
Alphonse Allais, citato in Jules Renard, Diario, 1887/1910 (postumo, 1925/27)

Chiaro di luna. Sono le dieci di sera. Un chiaro di luna strano e raccolto, con una fresca brezza di settembre e un cielo attraversato da alcune nubi, rende incantevole a quest’ora la nostra terrazza. – Questi raggi dolci e pallidi lasciano cadere dallo zenit una penetrante pace rassegnata: è come la gioia calma o il sorriso pensoso dell’esperienza con un certo vigore stoico. Le stelle brillano; le fronde fremono sotto riflessi argentei. Non un rumore nella campagna; ampie ombre s’inabissano sotto i verdi viali e alla curva delle scale. Tutto è furtivo, misterioso, solenne. Ora notturna, c’è poesia nel tuo silenzio e malinconia nella tua grazia solitaria; tu m’intenerisci il cuore e lo consoli; tu ci parli di tutto quello che non esiste più e di tutto quello che deve morire, ma ci dici: «Coraggio!» e ci prometti il riposo.
Henri-Frédéric Amiel, Grani di miglio, 1854

La luna è l'anima, è il nostro modo di vivere le emozioni, i desideri, i sogni. La terra è la realtà, il luogo in cui lottare con i rimpianti e le delusioni.
Romano Battaglia, La strada di Sin, 2004 

Anche la luna ha le rughe sulla fronte, ciononostante non smette mai di illuminare le notti.
Romano Battaglia, L’uomo che vendeva il cielo, 2011

Com'è difficile parlare della luna! È così scema la luna. Dev'essere proprio il culo quello che ci fa sempre vedere. 
Samuel Beckett, Molloy, 1951

Nel maestoso insieme della creazione, non vi è nulla che mi commuova così profondamente, che accarezzi il mio spirito e faccia volare insolitamente la mia fantasia come la luce dolce e svenevole della luna.
Gustavo Adolfo Bécquer, XIX sec. [1]

Falce di luna. Lo si dice della luna nelle prime fasi della sua periodica crescita, quando è troppo luminosa per i ladri e troppo buia per gli amanti.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Lunare. Abitante della Luna, da non confonderei con il lunatico, che dalla luna è invece abitato.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Un bacio sulla spiaggia quando c'è la luna piena è la cosa più vicina al paradiso.
H. Jackson Brown, Jr. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Antiche lune. Il 26 dicembre 1814 Stendhal guardò la luna e gli parve una neve pestata da bestie dai piedi rotondi. Il 12 aprile 1834 Emerson ascoltò musica in un villaggio, sotto una bella luna gialla. Il 22 ottobre 1842 Nathaniel Hawthorne fece il bagno in un fiume ch'era calmo come la morte, e gli parve di tuffarsi nel cielo. Il 31 agosto 1849 Delacroix giocò a tombola in un giardino, al chiaro di luna, e ascoltò molte canzoni da un certo signor Bontemps. L'indomani si svegliò triste. Il 15 ottobre 1913 Kafka vide una carrozza fermarsi davanti a una casa e dalla finestra del quarto piano un giovane affacciarsi a guardarla, nel chiaro di luna... Dove siete, in che cimitero, care lune del tempo che fu?
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

L'esperienza del presente secolo dimostra che è bastato relegare in soffitta dogmi e sofismi per mettere piede sulla luna.
Francesco Burdin, Un milione di giorni, 2001

Chiedere alla luna cosa fa in cielo è certamente più religioso che arrivare vergini al matrimonio.
Piero Buscioni, Aforismi per la fine del mondo, 2018

La poesia nacque la notte in cui l'uomo contemplava la luna pur consapevole che non era commestibile.
Valeriu Butulescu, Aforismi, 2002

Abbiamo tutti una faccia nascosta come la luna.
Pino Caruso, Appartengo a una generazione che deve ancora nascere, 2014

Ogni giorno, dietro fragili ripari, in tutta la terra una parte dell'umanità perde sangue da un'oscura ferita. L'assassino è la Luna.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

Ovunque sarai e qualsiasi cosa stia accadendo nella tua vita, tutte le volte che ci sarà la luna piena tu cercala nel cielo. E mentre la guardi, pensa a me, perché dovunque sarò e qualunque cosa stia accadendo nella mia vita io farò lo stesso.
Savannah Lynn Curtis (Amanda Seyfried), in Dear John, 2010

Nascente Luna, in cielo esigua come / il sopracciglio de la giovinetta / e la midolla de la nova canna, / sì che il più lieve ramo ti nasconde / e l'occhio mio, se ti smarrisce, a pena / ti ritrova, pel sogno che l'appanna, / Luna, il rio che s'avvalla / senza parola erboso anche ti vide; / e per ogni fil d'erba ti sorride, / solo a te sola.
Gabriele D'Annunzio, Lungo l'Affrico nella sera di giugno dopo la pioggia, in Laudi del cielo, del mare, della terra, degli eroi, 1903/18

Cade la sera. Nasce / la luna dalla Verna / cruda, roseo nimbo / di tal ch'effonde pace / senza parole dire.
Gabriele D'Annunzio, I tributarii, in Laudi del cielo, del mare, della terra, degli eroi, 1903/18

Sapete perché la luna è sempre pallida? Perché fa le nottate.
Carlo Dapporto [1]

La luna è come la libertà: sta in cielo e in fondo al pozzo.
Antonio Delfini, Piccolo libro denso, 1957

Quanno sponta la luna a Marechiare / pure li pisce nce fanno all'ammore / se revotano ll'onne de lu mare, / pe la priezza cageno culore, / quanno sponta la luna a Marechiare. [2]
Salvatore Di Giacomo, Marechiare, 1886

La luna è indegna della sua poetica rinomanza. O è un faccione colla flussione - o è una cimatura d'unghia.
Carlo Dossi, Note azzurre, 1870/1907 (postumo 1912/64)

Mi piace pensare che la luna è lì anche se io non la guardo.
Albert Einstein (attribuito) [4]

La nostra amica sentimentale, la luna!
Thomas Stearns Eliot [1]

La luna, il plenilunio che erra nella notte, senza turbarla, senza abolirla, senza la profanazione diurna, la luna e le stelle sono per i nostri piccoli occhi mortali, i sintomi del tutto. Ma che sarebbe il tutto, l'universo senza i nostri, piccoli, effimeri occhi viventi e mortali? Non possiamo conoscere il tutto ma solo i suoi sintomi.
Andrea Emo, Quaderni, 1927-1981 (postumo 2006)

La luna è la lucina notturna del mondo che ha paura del buio.
Fulvio Fiori, Umorismo Zen, 2012

La luna. Il faro dei poeti.
Fulvio Fiori, ibidem

Luna. Astro supremo del sogno e del mistero, fiaccola destinata a illuminare le notti terrestri, ebbe sempre il fascino di attrarre gli sguardi e i pensieri. Sembra che regnando sull'impero del silenzio, della pace, sia più misterioso, più solitario d'ogni altro: la sua luce bianca e gelida torna sempre a rinnovare la prima impressione: resta nel pensiero come rappresentante la notte stessa. Sin dalle più remote età, gli antichi avevano chiamata sovrana delle notti Diana dalla mezzaluna d'argento, Febea dalle bionde chiome.
Camille Flammarion, Le meraviglie celesti, 1865

La luna non è altro che un afrodisiaco che gira intorno alla terra per volere divino al fine d'incrementare il tasso di natalità nel mondo.
Christopher Fry, The lady's not for burning, 1949

Gl'innamorati guardano la luna come se gli altri non la vedessero.
Roberto Gervaso, ibidem

La luna: gratuita e infaticabile mezzana dell'amore.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Chi cerca la luna nel pozzo meriterebbe di sprofondarvi.
Roberto Gervaso, La vita è troppo bella per viverla in due, 2015

Una volta i cani abbaiavano alla Luna, ora quell'evocazione malinconica è sostituita dalla sirena di un allarme che suona e si lamenta lontano.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

Luna, la cortigiana dei poeti.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

La luna spunta ogni giorno, anche nei giorni neri, per ricordarti che ogni giorno può essere bellissimo.
Jane Hamilton (Heather Locklear), in The Perfect Man, 2005

Lo splendore della luna, colla sua luce, ha dilacerata la veste della notte; bevi vino, ché un momento simile non è possibile trovare, sii lieto e pensa che molti splendori di luna verranno l’un dopo l’altro sulla faccia della terra.
ʿUmar Khayyām, XII sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La luna è la coscienza della terra.
Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55 (postumo 1909/49)

La luna nello scempiato alone non è che un occhio, tutto / mangiato dalle mosche, che emana lume di lutto. 
Jules Laforgue, Lamenti, 1885

O graziosa Luna, io mi rammento / che, or volge l’anno, sovra questo colle / io venia pien d’angoscia a rimirarti: / e tu pendevi allor su quella selva, / siccome or fai, che tutta la rischiari. / Ma nebuloso e tremulo dal pianto, / che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci / il tuo volto apparia, ché travagliosa / era mia vita: ed è, né cangia stile, / o mia diletta Luna. E pur mi giova / la ricordanza, e il noverar l’etate / del mio dolore. Oh come grato occorre / nel tempo giovanil, quando ancor lungo / la speme e breve ha la memoria il corso, / il rimembrar delle passate cose, / ancor che triste, e che l’affanno duri!
Giacomo Leopardi, Alla Luna, 1820

Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai, / silenziosa luna? / Sorgi la sera, e vai, / contemplando i deserti; indi ti posi. / Ancor non sei tu paga / di riandare i sempiterni calli? / Ancor non prendi a schivo, ancor sei vaga / di mirar queste valli?
Giacomo Leopardi, Canto notturno di un pastore errante dell’Asia, 1829

Ammirate la luna, vive nell'oscurità da sempre e ha ancora il coraggio di splendere, mi rammenta l'eterna luce della speranza.
Massimo Lo Pilato (Aforismi inediti su Aforismario)

Quando avete la luna storta, raddrizzate il cielo.
Massimo Lo Pilato (ibidem)

"Quando il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito." recita un antichissimo aforisma cinese attribuito a Lao Tse, il fondatore del taoismo. Lo stolto, infatti, non ha il senso del progetto, dell'ampiezza e della grandezza delle cose. Si sofferma su ciò che gli è più vicino, immediato anche se non meriterebbe neppure un'attenzione distaccata. Lo stolto non potrà mai godere della bellezza della luna. Tutt'al più si chiederà perché il saggio tiene il dito in quel modo e perché glielo sta mostrando con tanta enfasi, ma non potrà mai partecipare delle emozioni in cui quello vorrebbe coinvolgerlo. Naturalmente non è necessario avere la prerogativa della stoltezza per essere fuorviati. Per perdere di vista il tragitto che porta dalla banalità del dito alla meraviglia della luna è sufficiente essere presi dall'urgenza di trovare una scorciatoia che ci porti a soddisfare i nostri bisogni più immediati.
Fausto Manara, Un angolo tutto per me, Sperling e Kupfer, 2007

Gli uomini pubblici promettono la luna. Le donne pubbliche se la fanno pagare in contanti.
Bruno Masure, Il piccolo libro di Bruno Masure, 2003

Il chiaro di luna gioca strani tiri alla fantasia, anche alla fantasia di chi sogna.
Daphne du Maurier, Rebecca, la prima moglie, 1938

Per chi non fraintenda narra la leggenda di quella gitana / che pregò la Luna bianca ed alta nel ciel / mentre sorrideva lei la supplicava «fa che torni da me» / «tu riavrai quell'uomo pelle scura con il suo perdono donna impura / però in cambio voglio che il tuo primo figlio venga a stare con me» / chi suo figlio immola per non stare sola non è degna di un re / Luna adesso sei madre ma chi fece di te una donna non c'è / dimmi Luna d'argento come lo cullerai se le braccia non hai / figlio della Luna / Nacque a primavera un bambino da quel padre scuro come il fumo / con la pelle chiara gli occhi di laguna come un figlio di Luna / «questo è un tradimento lui non è mio figlio ed io no, non lo voglio» / Luna adesso sei madre ma chi fece di te una donna non c'è / dimmi Luna d'argento come lo cullerai se le braccia non hai / figlio della Luna / Il gitano folle di dolore colto proprio al centro dell'onore / l'afferrò gridando la baciò piangendo poi la lama affondò / corse sopra al monte col bambino in braccio e lì lo abbandonò / Luna adesso sei madre ma chi fece di te una donna non c'è / dimmi luna d'argento come lo cullerai se le braccia non hai / figlio della Luna / Se la Luna piena poi diviene è perché il bambino dorme bene / ma se sta piangendo lei se lo trastulla cala e poi si fa culla / ma se sta piangendo lei se lo trastulla cala e poi si fa culla.
Mecano, Figlio della Luna, 1989

La Luna è lì quando nessuno la guarda?
David Mermin, Is the Moon there when nobody looks?, su Physics Today, 1985 [cfr. citazione attribuita ad Einstein]

La luna è un'altalena tra le nuvole di una notte stellata. 
Federico Moccia, Scusa ma ti chiamo amore, 2007 

La luna guardava la terra da vicino da più tempo di chiunque altro. Probabilmente era stata testimone di tutti i fenomeni accaduti e di tutte le azioni compiute quaggiù. Ma manteneva il silenzio e non raccontava nulla. Si limitava a custodire un pesante passato con precisione e distacco. Lassù non c'era aria né vento; il vuoto era adatto a conservare intatti i ricordi. Nessuno era mai riuscito a sciogliere il cuore della luna.
Haruki Murakami, 1Q84, 2009

Una solitudine pura e una pace profonda. Le cose migliori che la luna potesse offrire agli uomini.
Haruki Murakami, 1Q84, 2009

Quel satellite era sempre stato un prezioso alleato del genere umano. La sua luce era un regalo caduto dal cielo. Prima del fuoco, degli attrezzi, del linguaggio, la luna rischiarava il buio del mondo e calmava la paura degli uomini. Le sue fasi avevano insegnato agli umani il concetto di tempo.
Haruki Murakami, 1Q84, 2009

Questo vorrei sopra ogni altra cosa [...] amar la terra cosi come la luna l'ama, e sol con l'occhio palparne la bellezza.
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

La luna degli innamorati è piena di luce; quella degli scienziati, piena di ciottoli.
Sandro Pandolfi, Il tempo verticale, 2011

La Luna, per colui che pensa in termini di eternità, è il fulgente memento mori che Dio ripete ogni giorno alla «gran madre antica». 
Giovanni Papini, La spia del mondo, 1955

Per essere grande, sii intero: non esagerare e non escludere niente di te. Sii tutto in ogni cosa. Metti tanto quanto sei, nel minimo che fai, come la Luna in ogni lago tutta risplende, perché in alto vive.
Fernando Pessoa [1]

I'll see you on the dark side of the moon.
(Ci incontreremo sul lato oscuro della luna).
Pink Floyd, Brain Damage, 1973

Luna / come sei lontana / così / silenziosa e vana / ma qui / ruggisce il cuore della bestia umana.
Luc Plamondon (Riccardo Cocciante e Pasquale Panella), Notre-Dame de Paris, 1998

La fortuna rassomiglia alla luna che allora si eclissa quando è più piena.
Salvator Rosa, Il teatro della politica (postumo)

È tramontata la luna / e le Pleiadi; a mezzo del suo corso / è la notte, l’ora passa / e io dormo sola.
Saffo, Poesie, VII-VI sec. a.e.c.

La luna è un amico col quale il solitario può parlare.
Carl Sandburg, Moonlight and maggots, Poesie, 1950

La luna è al tempo stesso facile e costosa, a buon mercato e senza prezzo.
Carl Sandburg, Moonlight and maggots, Poesie, 1950

Gli uomini nei loro reciproci rapporti fanno sempre come la luna e i gobbi, non ci mostrano cioè che un solo lato.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

È sera con la luna. Ti stanchi a passeggiare. Staresti tutta la notte fuori, così, a bearti delle cose sotto la luna che t'appaiono eterne: così le porte chiuse, i camini, i muri dei giardini. Con tutte le cose vorresti stare un po' assieme e vedere come la luna tramonta, ascoltando i gemiti di questi uccellacci notturni.
Rocco Scotellaro, Uno si distrae al bivio, 1974

Ci sono certe notti di luna cosi ben agghindate che sembra che la Natura stia filmando sé stessa.
Ramón Gómez de la Serna, Greguerías, 1917/60

La luna è l'oblò della nave della notte.
Ramón Gómez de la Serna, Greguerías, 1917/60

L'effetto luna piena. L'avevo chiamato così. Mi sentivo come una grande luna che continua a crescere piano piano, notte dopo notte, per arrivare allo stadio completo, luminosissimo, in cui niente manca, niente è di troppo. Intuivo che quando tale equilibrio fosse stato raggiunto, avrei iniziato a decrescere, rimpicciolendo lentamente fino a scomparire. Nella vita di tutte noi c'è una luna piena. Se soltanto sapessimo riconoscerla per godercela almeno un po', per sentirci diafane e realizzate.
Marcela Serrano, Dieci donne, 2011

Luna, la pallida regina della notte,
William Shakespeare, I due gentiluomini di Verona, ca. 1593

– Fanciulla, per quella benedetta luna laggiù  che inargenta le cime di questi alberi, io giuro...
– Non giurare, no, per la luna, per l’incostante luna che nel mese muta il suo giro, perché anche il tuo amore non sia incostante come lei.
William Shakespeare, Romeo e Giulietta, ca. 1596

Noi come il mare siam sempre governati dalla luna.
William Shakespeare, Enrico IV, 1598

È tutta colpa della luna, quando si avvicina troppo alla terra fa impazzire tutti.
William Shakespeare, Otello, ca. 1604

Non so se ci sono abitanti sulla Luna, ma se ci sono, di sicuro utilizzano la Terra come manicomio.
George Bernard Shaw (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario) [3]

Ovunque sarai e qualunque cosa stia accadendo nella tua vita, tutte le volte che ci sarà la luna piena [...] tu cercala nel cielo. E mentre la guardi, pensa a me [...] perché dovunque sarò e qualunque cosa mi stia succedendo, io farò lo stesso. Se non potremo stare insieme, almeno avremo questo a unirci, e forse così il nostro legame durerà per sempre.
Nicholas Sparks, Ricordati di guardare la luna, 2006

Io sarò la nube e tu la luna. Ti coprirò con entrambe le mani, e il nostro tetto sarà il cielo.
Rabindranath Tagore [1]

Luna, tu parli solamente a chi è innamorato / chissà quante canzoni ti hanno già dedicato / ma io non sono come gli altri / per te ho progetti più importanti.
Gianni Togni, Luna, 1980

Ognuno di noi è una luna: ha un lato oscuro che non mostra mai a nessun altro.
[Every one is a moon, and has a dark side which he never shows to anybody].
Mark Twain, Seguendo l'equatore, 1897

Non dobbiamo pretendere la Luna: abbiamo già le stelle.
Charlotte Vale (Bette Davis), in Perdutamente tua, 1942

Un sognatore è uno che può solo trovare la sua strada al chiaro di luna, e la sua punizione è che scorge l’alba prima del resto del mondo.
Oscar Wilde, Il critico come artista, 1889

Una luna dà più luce di cinquemila stelle.
Paramahansa Yogananda, XX sec. [1]

− Hai mai fatto caso a quanto è grande la luna quando sorge e a quanto è piccola una volta salita in cielo?
− È solo questione di prospettiva. In qualsiasi punto del cielo si trovi e in qualsiasi parte del mondo tu sia se alzi la mano e chiudi un occhio non è mai più grande del tuo pollice.
Savannah Lynn Curtis (Amanda Seyfried) e John Tyree (Channing Tatum), in Dear John, 2010

Folle è l'uomo che parla alla luna. Stolto chi non le presta ascolto.
Anonimo (attribuito a William Shakespeare - vedi "Citazioni errate" su Aforismario)

Punta alla luna; anche se la manchi finirai tra le stelle.
[Shoot for the moon. Even if you miss, you'll land among the stars].
Anonimo (attribuito a Norman Vincent Peale e altri)
Gobba a levante, luna calante; gobba a ponente, luna crescente
.La luna mente; quando forma una C decresce, quando forma una D cresce.
Proverbi sulla Luna
  • A luna scema non salare, a luna crescente non tosare.
  • Al quinto dì della luna vedrai quale mese avrai.
  • Alla luna di febbraio potar si deve.
  • Alla luna settembrina sette lune le s'inchina.
  • Allorché la luna è tonda spunta quando il sol tramonta.
  • Bisogna fare il muso, secondo la luna.
  • Chi guarda la luna finisce nel fosso.
  • Chi guarda la luna non n’azzecca mai una.
  • Chi non sa di luna, non guardi luna.
  • Chi taglia a luna nuova, fa mala prova.
  • Coi quarti di luna cambia tempo e fortuna.
  • Gobba a ponente luna crescente, gobba a levante luna calante.
  • Gran vento di luna vecchia, porta buon tempo.
  • La luna con l’anello non porta tempo bello.
  • La luna e l'amore quando non crescono calano.
  • La luna è mentitrice: quando dice che cresce (disegna una C) è decrescente, quando dice che decresce (disegna una lettera D) è crescente.
  • La luna fa lume ai ladri.
  • La luna non è un formaggio.
  • La luna, non si cura dell'abbaiar dei cani.
  • La luna, regge il lume ai ladri.
  • La luna, se non riscalda, illumina.
  • L'anno di tredici lune, fa piangere i bimbi nelle cune.
  • Levare e calar di luna porta cambio di fortuna.
  • Luna cerchiata, o vento o pioggia.
  • Luna di febbraio, madre di vendemmia.
  • Luna mercolina è peggio di tempesta e brina.
  • Luna nuova, tre giorni in prova.
  • Luna pallida annuncia la pioggia, la rossa marca il vento e la chiara promette il bel tempo.
  • Luna piena di Natale, gran siccità è male.
  • Luna seduta, marinaio in piedi; Luna in piedi marinaio seduto.
  • Nel crescere di luna non tramutar cosa alcuna.
  • Non passa Carnevale senza luna di febbraio.
  • Quando cresce la luna non seminar cosa alcuna.
  • Quando la luna è rossa fa vento, quando è chiara vuol dire sereno, quando è pallida, pioverà. 
  • Quando la luna è tonda, essa spunta e il sol tramonta.
  • Quando la luna viene nei primi dieci dì, non è di quel mese lì.
  • Tutti mesi fa la luna e tutti i giorni se ne impara una.
La luna mostra il sentiero, ma non i pericoli della strada
Proverbio africano

La luna e l’amore, quando non crescono più, calano.
Proverbio cinese

La luna e la donna hanno molte facce da mostrare. 
Proverbio cinese

Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito.
Proverbio cinese

Non si possono ammirare contemporaneamente la luna, la neve e i fiori.
Proverbio giapponese

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Quando spunta la luna a Marechiaro / anche i pesci ci fanno l'amore / si rivoltano sulle onde del mare / per la contentezza cambiano colore / quando spunta la luna a Marechiaro (Salvatore Di Giacomo).
  3. La citazione di George Bernard Shaw è nota in diverse varianti, tuttavia la prima a essere accreditata è quella che si legge su The Public del 1919: Più vivo, più sono propenso a credere che questa terra è usato da altri pianeti come un manicomio.
  4. Albert Einstein, pur avendo contribuito alla nascita della meccanica quantistica, criticò sempre la teoria dal punto di vista concettuale. È rimasta famosa la domanda di Einstein rivolta a Niels Bohr: "Allora lei sostiene che la Luna non esiste quando nessuno la osserva?". Bohr rispose che la domanda non poteva essere posta perché concettualmente priva di risposta.
  5. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Sbarco sulla Luna - Sole e Luna - Lunatici

Nessun commento: