Cerca Autori o Argomenti in Aforismario

Aforismi, frasi e citazioni sull'Eresia e sugli Eretici

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sull'eresia, sugli eretici e sugli empi. In ambito religioso, viene denominata "eresia" un'opinione o una dottrina che si discosta da una verità o da un sistema teologico considerati come ortodossi da una Chiesa. Secondo la definizione del teologo tedesco Karl Rahner: "Sotto il profilo giuridico-ecclesiastico, eretico è definito colui che, dopo il battesimo, e conservando il nome di Cristiano, ostinatamente si rifiuta o pone in dubbio una delle verità che nella fede divina e cattolica si devono credere". [Che cos'è l'eresia?].
In senso lato, un'eresia è un'idea o un'affermazione contraria all'opinione comunemente accettata. L'empietà, invece, è la caratteristica di chi è "privo di pietà religiosa", ed è sinonimo di blasfemia e sacrilegio.

Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sull'ateismo, la miscredenza, la bestemmia e il rogo di esseri umani e di libri. [I link sono in fondo alla pagina].
Ogni nuova fede comincia con un'eresia. (Robert Aron)
Ogni nuova fede comincia con un'eresia.
[Toute foi nouvelle commence par une hérésie].
Robert Aron, Ciò che io credo, 1955

La cosa migliore che il cristianesimo abbia prodotto sono i suoi eretici.
Ernst Bloch [1]

Il vicario di un Dio di pace dovrebbe conservare la pace con tutti non facendo distinzione alcuna tra cattolici ed eretici.
Napoleone Bonaparte, Aforismi e pensieri politici, morali e filosofici, XIX sec.

La moda delle eresie fa rimpiangere le ortodossie.
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

Eresia: il diavolo battezzato.
Valeriu Butulescu, Aforismi, 2002

L’eretico veniva accusato di ateismo e bruciato vivo. Chi non accetta il sistema capitalistico non viene accusato di nulla, viene annullato.
Pasquale Cacchio, Frantumi, 2010

La Chiesa è stata tanto dura con gli eretici, solo perché reputava che non vi fosse nemico peggiore di un fanciullo smarrito.
Albert Camus, Il mito di Sisifo, 1942

La possibilità di rinnovarsi attraverso l’eresia conferisce al credente una netta superiorità sul non credente.
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

La libertà è il bene supremo solo per quelli che sono animati dalla volontà di essere eretici.
Emil Cioran, ibidem

Nel 1441, al Concilio di Firenze, si decreta che i pagani, gli ebrei, gli eretici e gli scismatici non avranno parte alcuna alla "vita eterna" e che tutti, a meno di volgersi, prima di morire, verso la vera religione, andranno dritti all'inferno. Solo all'epoca in cui professava simili enormità la Chiesa era veramente Chiesa. Un'istituzione è viva e forte solo se rifiuta tutto ciò che è altro da sé. Per sventura, lo stesso vale per una nazione o un regime.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Se un'eresia cristiana, una qualsiasi, l'avesse spuntata, non si sarebbe certo persa in sfumature. Più temeraria della Chiesa, sarebbe anche stata più intollerante, perché più convinta. Non c'è da dubitarne: vittoriosi, i catari avrebbero superato gli inquisitori. Dobbiamo a ogni vittima, per quanto nobile, una pietà senza illusioni.
Emil Cioran, Il funesto demiurgo, 1969

Assistendo alla «libera espressione del pensiero cattolico», abbiamo visto che l'intolleranza della vecchia Roma pontificia fu un limes imperiale non tanto contro l'eresia quanto contro la grossolanità e la scempiaggine.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Ogni nuova verità inizia come scandalosa eresia.
Margaret Deland [1]

Tutte le eresie sono bandiera di una realtà dell'esclusione. Gratta l'eresia, troverai il lebbroso. Ogni battaglia contro l'eresia vuole solamente questo: che il lebbroso rimanga tale. 
Umberto Eco, Il nome della rosa, 1980 

Spesso sono gli inquisitori a creare gli eretici.
Umberto Eco, ibidem

La religiosità cosmica non conosce dogmi. I geni religiosi di tutti i tempi risentono di questa religiosità cosmica che non conosce né dogmi né dèi concepiti secondo l'immagine dell'uomo. Non vi è perciò alcuna Chiesa che basi il suo insegnamento fondamentale sulla religione cosmica. Accade di conseguenza che è precisamente fra gli eretici di tutti i tempi che troviamo uomini penetrati di questa religiosità superiore e che furono considerati dai loro contemporanei più spesso come atei, ma sovente anche come santi.
Albert Einstein, Come io vedo il mondo, 1934

Ogni eresia è l'esagerazione mostruosa di un aspetto della verità.
Mircea Eliade, Il mito della reintegrazione, 1989

Ci sono teologi che vorrebbero che al mondo ci fosse stato un uomo solo, il quale Dio avrebbe redento; giacché allora non ci sarebbero potuti essere degli eretici.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Un'eresia, se ottenga la vittoria, cambia nome e si chiama ortodossia. 
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

L'eresia non si può annientare se non distruggendo gli eretici; gli eretici non si possono sopprimere senza sopprimere con essi i difensori e i fautori dell'eresia, e ciò può avverarsi in due modi: con la loro conversione alla vera fede cattolica, oppure quando, abbandonati al braccio secolare, vengono corporalmente bruciati.
Bernardo Gui, Practica officii inquisitionis hareticæ pravitatis, XIV sec.

Quelli che approvano un'opinione privata la chiamano opinione; ma quelli che la disapprovano la chiamano eresia; eppure eresia non significa altro che opinione privata.
Thomas Hobbes, Leviatano, 1651

Il consueto destino delle nuove verità è di cominciare come eresie e di finire come superstizioni.
[It is the customary fate of new truths, to begin as heresies, and to end as superstitions].
Thomas Henry Huxley, Scienza e cultura, 1881

L'eresia è ciò che crede la minoranza; è il nome dato dai potenti alle dottrine dei deboli.
[Heresy is what the minority believe; it is the name given by the powerful to the doctrines of the weak].
Robert Green Ingersoll [1]

L'eresia è una culla; l'ortodossia una bara.
[Heresy is a cradle; orthodoxy a coffin].
Robert Green Ingersoll [1]

L'eresia di un'epoca diventa l'ortodossia di quella seguente.
[The heresy of one age becomes the orthodoxy of the next].
Helen Keller, Ottimismo, 1903

Non lasciate che il fuoco si spenga, continuate ad aggiungere nuovi eretici.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Gli eretici si infiammano facilmente. Attenzione ai roghi.
Stanisław Jerzy Lec, Nuovi pensieri spettinati, 1964

Nelle epoche delle eresie fa più caldo. Per via dei roghi.
Stanisław Jerzy Lec, ibidem

Un eretico è uno che vede con i propri occhi.
[A heretic is a man who sees with his own eyes].
Gotthold Ephraim Lessing [1]

Eresia è aver fede nel progresso.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

L'eresia di oggi è il luogo comune di domani.
Ralph Nader [1]

Pensare altrimenti di come è costume − questo non è, di gran lunga, tanto l’effetto di un intelletto migliore quanto l’effetto di inclinazioni forti, cattive, di inclinazioni dissolventi, isolatrici, dispettose, maligne e perverse. L’eresia è il pendant della stregoneria e certamente non è più di questa qualcosa di innocuo o addirittura di venerabile in sé. Gli eretici e le streghe sono due generi di esseri cattivi: hanno in comune che si sentono anche cattivi, ma che il loro piacere incoercibile è di scatenarsi distruttivamente contro ciò che domina (persone o opinioni).
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

Invano la Chiesa ha stabilito termini quali anatema, eresie ecc.: vengono usati contro di essa.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

Il mezzo più semplice di evitare le eresie è quello d'istruire intorno a tutte le verità della fede; e il mezzo più sicuro di confutarle è di proclamarle tutte quante.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

Ci sono stati anche falsi profeti tra il popolo, come pure ci saranno in mezzo a voi falsi maestri che introdurranno eresie perniciose, rinnegando il Signore che li ha riscattati e attirandosi una pronta rovina. Molti seguiranno le loro dissolutezze e per colpa loro la via della verità sarà coperta di impropèri. Nella loro cupidigia vi sfrutteranno con parole false; ma la loro condanna è già da tempo all'opera e la loro rovina è in agguato.
Pietro, Prima lettera, Nuovo Testamento, I sec.

L'autorità nella scienza esiste per essere messa in discussione, poiché l'eresia è la sorgente da cui scaturiscono nuove idee.
John Charles Polanyi [1]

Una religione è dannata e confessa la sua estrema impotenza il giorno in cui brucia il primo eretico.
Ezra Pound, Selected Prose 1909-1965, 1973

Eretico sarà chi accenda il rogo, non già colei che vi brucerà dentro!
William Shakespeare, Il racconto d'inverno, 1611

Tutte le grandi verità iniziano come eresie.
[All great truths begin as blasphemies].
George Bernard Shaw, Annajanska, 1919

Ho per le religioni lo stesso rispetto che le religioni hanno sempre avuto per i loro eretici.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Com'è noto, il cristianesimo divenne religione unica e obbligatoria dell’Impero Romano nel 380 con la promulgazione dell’Editto di Tessalonica, voluto dall'augusto Teodosio detto – anche per questo suo straordinario merito – “il Grande”. Nel 385, il vescovo Priscilliano e alcuni suoi seguaci furono le prime vittime dell’intolleranza manifestata dai rappresentanti della nuova religione di Stato, i quali – passando disinvoltamente dal ruolo di perseguitati a quello di persecutori – inaugurarono col sangue una spietata lotta contro ogni forma di eresia, che – fra torture, roghi e decapitazioni – si protrarrà fino alla fine del XVIII secolo. Dall'aureo giorno del suo riconoscimento ufficiale, sono dunque cinque gli anni senza macchia e senza vergogna di cui la Chiesa cattolica può farsi vanto in circa quattordici secoli di persecuzioni in difesa dell’ortodossia. Ciò mi pare un particolare degno di nota per una comunità religiosa fondata sull'agape.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

L'eresia è la vita della religione. È la fede che fa gli eretici. Non ci sono più eresie in una religione morta.
[L'hérésie est la vie de la religion. C'est la foi qui fait les hérétiques. Dans une religion morte, il n'y a plus d'hérésies].
André Suarès, Péguy, 1915

Tutta la saggezza del mondo fu in passato la contrastata eresia di un uomo saggio.
Henry David Thoreau [1]

La chiesa è una società di uomini che pretendono di possedere la verità assoluta; l'eresia è l'opinione di coloro che non riconoscono l'indiscutibilità di questa verità. L'eresia è [...] una rivolta contro l'inerzia dei principî della Chiesa, un tentativo di concezione vivente della dottrina. Ogni passo avanti verso l'intelligenza e l'effettuazione della dottrina è stato fatto da eretici.
Lev Tolstoj, Il regno di Dio è in voi, 1893

L'eresia è il frutto di un po' di scienza e d'ozio.
Voltaire, Saggio sui costumi e sullo spirito delle nazioni, 1756

Le eresie sono esperimenti nell'affannosa ricerca della verità da parte dell'uomo.
H. G. Wells [1]

L'opposto della fede non è l'eresia ma l'indifferenza.
[The opposite of faith is not heresy but indifference].
Elie Wiesel [1]

Il mondo è tenuto in vita solo dagli eretici: l'eretico Cristo, l'eretico Copernico, l'eretico Tolstoj. Il nostro simbolo di fede è l'eresia.
Evgenij Zamjatin [1]

Se non ci fossero gli eretici, dovremmo inventarli, perché l'eresia è essenziale per la salute e la crescita.
Yevgeny Zamyatin [1]
Solo negli empi sopravvive oggigiorno la passione per il divino.
Nessun altro si salverà. (Gesualdo Bufalino)
L'idolatria nasce dall'amore per le creature. Da qui scaturisce ogni empietà.
Agostino d'Ippona, La vera religione, 389-391

Empietà. L'altrui irriverenza nei confronti del mio dio personale.
Ambrose Bierce, Il dizionario del diavolo, 1911

Irresistibile attrazione che esercita su certi spiriti pii l'empietà.
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

Solo negli empi sopravvive oggigiorno la passione per il divino. Nessun altro si salverà.
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

Gli adepti dei diversi culti si accusano reciprocamente di superstizione e di empietà. I cristiani hanno orrore della superstizione pagana, cinese, maomettana. I cattolici romani trattano da empi i cristiani protestanti; questi a loro volta declamano senza posa contro la superstizione cattolica. Hanno tutti ragione. Essere empio significa avere opinioni ingiuriose verso il proprio dio; essere superstizioso significa averne idee errate. Accusandosi volta a volta di superstizione, i diversi religionisti somigliano a dei gobbi che si rinfacciano l'un l'altro la loro deformità. 
Paul-Henri Thiry d’Holbach, Il buon senso, 1772

L'incredulità è solo una maniera d'essere dello spirito; ma l'empietà è un vero vizio del cuore. Entra in tal sentimento quasi l'orrore per il divino, il disprezzo per gli uomini e la ripugnanza per l'amabile semplicità.
Joseph Joubert, Pensieri, 1838 (postumo)

La preghiera è un'empietà.
Charles Lemesle, Misophilanthropopanutopies, 1833

Gl'ignoranti hanno questo di comune con gli empi: quando sono nel profondo, disprezzano.
Lorenzo Magalotti, Lettere odorose, 1693-1705

Missionario laico. Va ad insegnare | l'empietà ai negri | convertiti da un povero frate. | Ha con sé | "La Storia | delle Grandi Bestemmie | Illustrate" | in fascicoli | e a rate.
Marcello Marchesi, Il sadico del villaggio, 1964

Non esiste nessun termine per qualificare positivamente colui che non si sottomette alle chimere se non questa costruzione linguistica che inasprisce l'amputazione: a-teo, dunque, ma anche mis-credente, a-gnostico, non-credente, ir-religioso, in-credulo, a-religioso, empio e tutti i termini che da essi derivano: irreligione, miscredenza, empietà ecc. Niente per indicare l'aspetto solare, affermativo, positivo, libero, forte, dell'individuo che si colloca oltre il pensiero magico e le favole. 
Michel Onfray, Trattato di Ateologia, 2005

Se esiste un Dio non dobbiamo amare che lui e non le creature effimere. Il ragionamento degli empi nella Sapienza è fondato sulla non esistenza di Dio: "Accertato questo", dice, "godiamo dunque le creature".
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

La felicità degli empi è sempre agitata; vaga in balia della propria incostanza.
Jean Racine, Ester, 1689

Per i popoli monoteisti, ateismo o empietà è diventato sinonimo di assenza di ogni moralità. Per i preti tali confusioni di concetti sono benvenute, e solo in seguito a esse poté nascere quel terribile mostro che è il fanatismo.
Arthur Schopenhauer, Il mondo come volontà e rappresentazione, 1819

Se crederanno nelle stesse cose in cui voi avete creduto, saranno sulla retta via; se invece volgeranno le spalle, saranno nell'eresia.
Corano, VII sec. a.e.c.

Se l'empio desiste dall'empietà e compie ciò che è retto e giusto, per questo vivrà.
Ezechiele, Antico Testamento, V sec a.e.c.

Sulla terra si ha questa delusione: vi sono giusti ai quali tocca la sorte meritata dagli empi con le loro opere, e vi sono empi ai quali tocca la sorte meritata dai giusti con le loro opere.
Ecclesiaste, Antico Testamento, sec. IV-III a.e.c.

Il giusto defunto condanna gli empi ancora in vita; una giovinezza, giunta in breve alla perfezione, condanna la lunga vecchiaia dell'ingiusto.
Libro della Sapienza, Antico Testamento, I sec. a.e.c.

Poiché sono ugualmente in odio a Dio l'empio e la sua empietà; l'opera e l'artefice saranno ugualmente puniti.
Libro della Sapienza, Antico Testamento, I sec. a.e.c.
Gl'ignoranti hanno questo di comune con gli empi:
quando sono nel profondo, disprezzano. (Lorenzo Magalotti)
Salmi
Antico Testamento, III sec. a.e.c.
  • Beato l'uomo che non segue il consiglio degli empi, non indugia nella via dei peccatori e non siede in compagnia degli stolti.
  • Il poco del giusto è cosa migliore dell'abbondanza degli empi.
  • Il Signore scruta giusti ed empi, egli odia chi ama la violenza. Farà piovere sugli empi brace, fuoco e zolfo, vento bruciante toccherà loro in sorte.
  • L'empio prende in prestito e non restituisce, ma il giusto ha compassione e dà in dono.
  • L'empio trama contro il giusto, contro di lui digrigna i denti. Ma il Signore ride dell'empio, perché vede arrivare il suo giorno.
  • Osserva il giusto e vedi l’uomo retto, l’uomo di pace avrà una discendenza. Ma tutti i peccatori saranno distrutti, la discendenza degli empi sarà sterminata. 
Libro dei Proverbi
Antico Testamento, V sec. a.e.c.
  • Al giusto non può capitare alcun danno, gli empi saranno pieni di mali.
  • Al passaggio della bufera l'empio cessa di essere, ma il giusto resterà saldo per sempre.
  • Argento pregiato è la lingua del giusto, il cuore degli empi vale ben poco.
  • Con l'empietà viene il disprezzo, con il disonore anche l'ignominia.
  • Con la benedizione degli uomini retti si innalza una città, la bocca degli empi la demolisce.
  • Con la bocca l'empio rovina il suo prossimo, ma i giusti si salvano con la scienza.
  • Con la morte dell'empio svanisce ogni sua speranza, la fiducia dei malvagi scompare.
  • Dalla propria malvagità è travolto l'empio, il giusto ha un rifugio nella propria integrità.
  • Della prosperità dei giusti la città si rallegra, per la scomparsa degli empi si fa festa.
  • Fonte di vita è la bocca del giusto, la bocca degli empi nasconde violenza.
  • Gli empi, una volta abbattuti, più non sono, ma la casa dei giusti sta salda.
  • I malvagi si inchinano davanti ai buoni, gli empi davanti alle porte del giusto.
  • I pensieri dei giusti sono equità, i propositi degli empi sono frode.
  • Il giusto è guida per il suo prossimo, ma la via degli empi fa smarrire.
  • Il giusto ha cura del suo bestiame, ma i sentimenti degli empi sono spietati.
  • Il giusto mangia a sazietà, ma il ventre degli empi soffre la fame.
  • Il giusto non vacillerà mai, ma gli empi non dureranno sulla terra.
  • Il giusto odia la parola falsa, l'empio calunnia e disonora.
  • Il giusto sfugge all'angoscia, al suo posto subentra l'empio.
  • Il sacrificio degli empi è in abominio al Signore, la supplica degli uomini retti gli è gradita.
  • Il sacrificio degli empi è un abominio, tanto più se offerto con cattiva intenzione.
  • Il salario del giusto serve per la vita, il guadagno dell'empio è per i vizi.
  • Il Signore è lontano dagli empi, ma egli ascolta la preghiera dei giusti.
  • Il Signore ha fatto tutto per un fine, anche l'empio per il giorno della sventura.
  • Il Signore non lascia patir la fame al giusto, ma delude la cupidigia degli empi.
  • Il testimone iniquo si beffa della giustizia e la bocca degli empi ingoia l'iniquità.
  • La brama dei giusti è solo il bene, la speranza degli empi svanisce.
  • La casa degli empi rovinerà, ma la tenda degli uomini retti avrà successo.
  • La giustizia custodisce chi ha una condotta integra, il peccato manda in rovina l'empio.
  • La giustizia dell'uomo onesto gli spiana la via; per la sua empietà cade l'empio.
  • La luce dei giusti allieta, la lucerna degli empi si spegne.
  • La memoria del giusto è in benedizione, il nome degli empi svanisce.
  • La mente del giusto medita prima di rispondere, la bocca degli empi esprime malvagità.
  • L'attesa dei giusti finirà in gioia, ma la speranza degli empi svanirà.
  • Le benedizioni del Signore sul capo del giusto, la bocca degli empi nasconde il sopruso.
  • Le brame dell'empio sono una rete di mali, la radice dei giusti produce frutti.
  • Le labbra del giusto stillano benevolenza, la bocca degli empi perversità.
  • Le parole degli empi sono agguati sanguinari, ma la bocca degli uomini retti vi si sottrarrà.
  • L'empio assume un'aria sfrontata, l'uomo retto controlla la propria condotta.
  • L'empio realizza profitti fallaci, ma per chi semina la giustizia il salario è sicuro.
  • Nella casa del giusto c'è abbondanza di beni, sulla rendita dell'empio incombe il dissesto.
  • Non è bene usar riguardi all'empio per far torto al giusto in un giudizio.
  • Non battere la strada degli empi e non procedere per la via dei malvagi. Evita quella strada, non passarvi, sta' lontano e passa oltre. Essi non dormono, se non fanno del male; non si lasciano prendere dal sonno, se non fanno cadere qualcuno; mangiano il pane dell'empietà e bevono il vino della violenza.
  • Non insidiare, o malvagio, la dimora del giusto, non distruggere la sua abitazione, perché se il giusto cade sette volte, egli si rialza, ma gli empi soccombono nella sventura.
  • Non irritarti per i malvagi e non invidiare gli empi, perché non ci sarà avvenire per il malvagio e la lucerna degli empi si estinguerà.
  • Non resta saldo l'uomo con l'empietà, ma la radice dei giusti non sarà smossa.
  • Se il giusto cade sette volte, egli si rialza, ma gli empi soccombono nella sventura.
  • Tutta la vita l'empio indulge alla cupidigia, mentre il giusto dona senza risparmiare.
L'iniquità deriva dagli empi.
Proverbio ebraico

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Ateismo - Bestemmia - Rogo - Contro Dio

Nessun commento: