Cerca Autori o Argomenti in Aforismario

Aforismi, frasi e citazioni sul Vaccino

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sui vaccini e sugli antivaccinisti (o no-vax). Il vaccino è una preparazione rivolta a indurre, da parte dell’organismo, la produzione di anticorpi protettivi e a consolidare la risposta immunitaria a livello cellulare, conferendo una resistenza specifica nei confronti di una determinata malattia infettiva.  In origine, il termine (coniato nel 1796 dal medico britannico Edward Jenner) designava sia il vaiolo dei bovini (o vaiolo vaccino), sia il pus ricavato dalle pustole del vaiolo bovino impiegato per praticare l’immunizzazione attiva contro il vaiolo umano. [Cfr. Vocabolario Treccani].

"Le vaccinazioni sono un presidio preventivo fondamentale per la salute, la cui introduzione ha permesso di ridurre in pochi decenni, in modo sicuro ed estremamente rilevante, l'incidenza di malattie gravi e potenzialmente letali che erano diffuse da millenni, la mortalità infantile e varie forme di disabilità nel mondo". [Wikipedia].

Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sui virus, il contagio, l'epidemia, l'influenza e la cura. [I link sono in fondo alla pagina].
Vaccinandoci e vaccinando i nostri bambini proteggiamo noi
e loro stessi, ma anche i bambini più deboli che, proprio
per questo, non possono vaccinarsi. (Alberto Mantovani)
− Ci vorrebbe un vaccino contro la stupidità. − E gli effetti collaterali?
Altan [1]

I movimenti no vax hanno la responsabilità morale per la morte di diversi bambini". La sentenza senza appello arriva dal Commissario europeo alla Sanità, 
Vytenis Andriukaitis, intervista, 2017

Le famiglie che seguono le raccomandazioni dei movimenti no-vax sono costrette a seppellire i loro bambini.
Vytenis Andriukaitis, ibidem

Tutti sembrano concordi nel ritenere la stupidità il virus più pericoloso per la specie umana, ma nessuno vuole spendere una lira per contribuire a scoprire il vaccino, forse è un virus che fa comodo.
Carl William Brown, Aforismi contro il potere e l'autorità della stupidità, 2015

Ho fatto il vaccino per la polio e gli orecchioni... E poi... vediamo... cos'ho fatto dopo? Ah, sì, poi ho fatto quello per la scarlattina, la pertosse e il morbillo... Poi sono caduto dalle scale! 
Charlie Brown, in Charles M. Schulz, Peanuts, 1950-2000

Vaccinarsi non è solo un atto che ci protegge individualmente: se ci vacciniamo tutti, rendiamo immuni non solo le nostre singole persone, ma tutta la nostra comunità. E in questo modo proteggiamo i più deboli. Perciò non vaccinarsi è molto grave, perché tutta la comunità viene indebolita e diventa più vulnerabile a pericolose infezioni.
Roberto Burioni, Il vaccino non è un'opinione, 2016

Il vaccino, in pratica, mostra al sistema immunitario il virus (o le parti più pericolose del batterio) in anticipo e in un momento di calma assoluta, dicendogli: “Attenzione, questo è pericoloso: preparati a sistemarlo se dovesse passare di qui”.
Roberto Burioni, ibidem

Dopo la vaccinazione ci si trova nelle condizioni di chi ha avuto la malattia ed è guarito: però senza aver subito la malattia.
Roberto Burioni, ibidem

I vaccini sono sicuri. È un fatto. Non hanno sostanzialmente effetti collaterali di rilievo. Quindi vaccinate in assoluta tranquillità. Le conseguenze gravi derivanti dalla vaccinazione sono rarissime (meno di un caso su un milione di vaccinati, e spesso si risolvono solo con uno spavento), immensamente più rare di quelle dovute alle infezioni che vengono evitate vaccinando i bambini.
Roberto Burioni, ibidem

Chi non vaccina consente ai virus di diffondersi nella comunità e quindi mette in pericolo tutti i bambini (anche i figli dei genitori che vorrebbero vaccinare), esponendoli al rischio di contrarre le infezioni in un periodo in cui potrebbero subire conseguenze molto serie. Questo è bene saperlo, in quanto un bambino (e in generale un individuo) non vaccinato è oggettivamente un pericolo non solo per se stesso, ma anche per tutta la società.
Roberto Burioni, ibidem

A sentire gli antivaccinisti sono davvero poche le malattie e le catastrofi che non vengono causate dai vaccini. State pure tranquilli che se uno di questi giorni il Vesuvio si decidesse a eruttare, troveremmo un qualche mediconzolo a dirci che è colpa dei napoletani che si sono vaccinati irritando il dio Vulcano.
Roberto Burioni, ibidem

Centinaia di studi hanno indicato in modo inconfutabile come non ci sia alcuna correlazione tra le vaccinazioni pediatriche attualmente in uso e qualunque disturbo nervoso, tanto che oggi chiunque affermi che le vaccinazioni causano autismo si trova nella stessa condizione di chi sostiene che la terra è ferma al centro dell’universo e il sole le gira attorno.
Roberto Burioni, ibidem

Altra convinzione è che si vaccini troppo presto, tanto che i “genitori informati” sovente decidono di aspettare che i figli siano più forti. Questa è proprio una cretinata, perché non è troppo presto: ritardando le vaccinazioni, senza avere alcun beneficio, lasceremmo solo aperta la porta a patogeni pericolosissimi proprio nel momento in cui i bambini sono più vulnerabili.
Roberto Burioni, ibidem

I vaccini sono strumenti fondamentali per proteggere in tutta sicurezza i bimbi vostri e degli altri da malattie molto pericolose. Se tutti i bambini in tutto il mondo venissero vaccinati, potremmo far scomparire dalla faccia della terra diversi virus e potremmo davvero smettere di vaccinarci per sempre contro di loro, come abbiamo fatto con il vaiolo.
Roberto Burioni, ibidem

Vaccinare è un grande segno di amore nei confronti del proprio figlio. Ma è anche un rilevante atto di responsabilità sociale, perché vaccinando i nostri bambini rendiamo la nostra comunità più forte e soprattutto, proteggendo loro, proteggiamo anche i più deboli e i più sfortunati.
Roberto Burioni, ibidem

Se tutti si vaccinassero, gli agenti infettivi non riuscirebbero a diffondersi nella comunità grazie all'immunità di gregge. A causa delle mancate vaccinazioni, invece, i virus continuano a circolare costituendo un pericolo
Roberto Burioni, ibidem

Rifiutare le vaccinazioni è un comportamento che mette in pericolo non solo se stessi (o i propri figli), ma anche gli altri, ed è particolarmente odioso in quanto mette in pericolo i più deboli e i più sfortunati.
Roberto Burioni, ibidem

Se gli individui vaccinati sono in percentuale sufficiente nella popolazione, si ottiene quella fantastica cosa che viene chiamata immunità di gregge. Sembra incredibile, ma se il numero di soggetti immuni all'interno di una comunità è molto alto, il virus non riesce più a circolare: quando arriva – dall'esterno – non riesce a infettare nessuno e il suo destino è quello del vaiolo. Rimane nell'ambiente qualche giorno (o anche solo qualche ora, i virus sono in generale molto labili) e poi non esiste più.
Roberto Burioni, Il vaccino non è un'opinione, 2016

Che i vaccini causino autismo è una menzogna. Pura e semplice. Dimostrata come menzogna da centinaia di studi scientifici, dal fatto che le lesioni cerebrali dimostrate negli autistici indicano una insorgenza prenatale della malattia, dal fatto che i segni dell'autismo sono già apparenti ad un occhio esperto che osserva i filmini dei bambini precedenti alla diagnosi (e alla vaccinazione) e da mille altre inoppugnabili evidenze scientifiche. Dire che i vaccini causano l'autismo è insomma una bugia, particolarmente schifosa perché genera in genitori già sfortunati e sofferenti il senso di colpa derivante dal pensare di avere causato, con la vaccinazione, questa malattia che secondo i bugiardi si sarebbe potuta evitare.
Roberto Burioni, su Facebook, 2016

I vaccini sono un gesto di amore per i propri figli e per i più deboli. Chi li omette senza motivo è un pericoloso irresponsabile.
Roberto Burioni, su Twitter, 2018

Non si va in bici senza casco, non si va all'asilo senza vaccini.
Roberto Burioni, su Twitter, 2019

Desidererei che si trovasse immediatamente un vaccino contro il coronavirus per due motivi. Il primo perché salverebbe tante vite umane, il secondo per il piacere di vedere gli antivaccinisti implorare la vaccinazione in ginocchio sui ceci.
Roberto Burioni, su Facebook, 2020

Chi si proponga di diffondere la salute su ampia scala eliminando dal mondo tutte le "malattie dell'infanzia" attraverso le vaccinazioni, otterrà bambini malaticci e cagionevoli anziché sani. Da tempo la medicina accademica ce ne fornisce riprova, benché le sfuggano le ammirevoli conseguenze delle sue azioni intese a fin di bene.
Ruediger Dahlke, Le leggi del destino, 2012

I vaccini per l'infanzia sono uno dei grandi trionfi della medicina moderna. In effetti, i genitori i cui figli sono vaccinati non devono più preoccuparsi della morte o della disabilità dei loro bambini a causa della pertosse, della poliomielite, della difterite, dell'epatite e di  una miriade di altre infezioni.
Ezekiel Emanuel [1]

I vaccini sono gli interventi sanitari più convenienti che ci siano. Un dollaro speso per una vaccinazione infantile non solo aiuta a salvare una vita, ma riduce notevolmente la spesa per l'assistenza sanitaria futura.
Ezekiel Emanuel [1]

I vaccini sono i rimorchiatori della prevenzione sanitaria.
William Foege [1]

I vaccini rimborsati dal Servizio sanitario nazionale sono con ogni probabilità i migliori farmaci disponibili, perché la loro efficacia dura a lungo dopo una singola somministrazione. E a un costo assai basso.
Silvio Garattini, Lunga vita, 2017

Perché molti genitori non vaccinano i propri bambini? Perché pensano che il vaccino sia tossico. È vero che, come per tutti i medicinali, anche il vaccino può generare qualche disturbo, ma rispetto a tutti gli altri farmaci si tratta di casi rarissimi e spesso, come per le risposte allergiche, prevenibili.
Silvio Garattini, ibidem

Si può dire che il rifiuto delle vaccinazioni è sintomo di uno scarso senso di responsabilità e solidarietà sociale. Se non vogliamo tornare alle «pestilenze», è urgente un rapido ed efficace intervento da parte del ministero della Salute affinché rinvigorisca il fronte dell’informazione chiara e corretta con campagne pubblicitarie che coinvolgano mass media e social network.
Silvio Garattini, ibidem

Naturalmente, esiste la libertà di non vaccinarsi. Ma aggiungo: la responsabilità dei genitori che non proteggono i propri figli ed espongono altri bambini alla possibilità di un contagio è grave, anzi gravissima.
Silvio Garattini, ibidem

La libertà di non vaccinarsi finisce quando lede la salute degli altri, perciò vaccinarsi non comporta solo un vantaggio personale, ma è anche un atto di attenzione verso i più deboli.
Silvio Garattini, Lunga vita, 2017

Se ci fosse un'epidemia, ciò indurrebbe sicuramente le persone ad accettare i vaccini. Non lo spero, ovviamente, ma se volessi che le persone fossero favorevoli ai vaccini, un'epidemia ricorderebbe loro quanto sono miracolosi.
Bill Gates [1]

Abbiamo completamente debellato il vaiolo e abbiamo quasi eradicato la polio. Questo è il miracolo dei vaccini, che è perfino maggiore di quello degli antibiotici.
Bill Gates [1]

I vaccini sono testati molto attentamente; la loro sicurezza è ben compresa. Le false accuse sui vaccini che causerebbero l'autismo sono state smentite. Ma ci sono ancora echi là fuori che confondono le persone.
Bill Gates [1]

Puoi avere i migliori vaccini per una madre o per suo figlio, ma se non riesci a convincerla a farli, allora non funzioneranno.
Melinda Gates [1]

Un genitore va su internet per informarsi sulle vaccinazioni per i propri figli e trova una serie di notizie terrificanti, che talvolta sono più numerose di quelle positive, e non può certo mettersi a leggere articoli di immunologia per valutare l’affidabilità delle fonti. È così che il tarlo del rischio entra nella sua testa, e non ne uscirà facilmente.
Andrea Grignolio, Chi ha paura dei vaccini?, 2016

Fino a prova contraria è dimostrato che la terra è sferica, che l’Italia è il secondo paese con l’aspettativa di vita più alta, e che i vaccini sono tra i farmaci più efficaci e con il miglior rapporto rischi/benefici al mondo. Chi vuole provare che la terra è piatta, che esistano scie chimiche dannose per la salute umana o che un vaccino è inefficace o dannoso è, naturalmente, libero di farlo, ma ha l’obbligo di portare prove, non opinioni sui blog.
Andrea Grignolio, ibidem

I vaccini salvano vite umane; la paura le mette in pericolo. È un semplice messaggio che i genitori devono continuare a ricevere.
Jeffrey Kluger [1]

I nemici delle vaccinazioni – anche questa è una professione – hanno detto che a Vienna non è scoppiato il vaiolo, ma un'epidemia da vaccino. Ora, anche loro sanno valutare il valore della profilassi, ma la loro prudenza è un po' esagerata: si prendono il vaiolo per proteggersi dal vaccino. 
Karl Kraus, Die Fackel, 1899-1936

I vaccini sono il più potente strumento di prevenzione delle malattie a nostra disposizione. Agiscono stimolando le nostre difese naturali, il sistema immunitario, a reagire contro un agente infettivo – virus o batterio – responsabile di una determinata malattia e a ricordarlo.
Alberto Mantovani, Immunità e vaccini, 2016

Vaccinandoci e vaccinando i nostri bambini proteggiamo noi e loro stessi, ma anche i bambini più deboli che, proprio per questo, non possono vaccinarsi.
Alberto Mantovani, ibidem

Le vaccinazioni sono importanti non solo per il singolo che le effettua, ma anche indirettamente per tutta la comunità. Viene definita «immunità di gregge» (herd immunity): vaccinare contro una determinata malattia un’elevata percentuale di persone per un lungo arco di tempo significa impedire al virus o al batterio di trasmettersi.
Alberto Mantovani, ibidem

In una comunità chi si vaccina, impedendo o limitando la diffusione di un germe patogeno, protegge anche chi non può o decide di non vaccinarsi.
Alberto Mantovani, ibidem

Nel valutare il rapporto rischi-benefici, tuttavia, non deve trarre in inganno il fatto che alcune malattie sembrino apparentemente scomparse. I casi di cronaca [...] ci ricordano continuamente che queste patologie non sono affatto debellate: sono semplicemente dietro l’angolo, e lo sono proprio grazie alla copertura vaccinale.
Alberto Mantovani, ibidem

I vaccini sono uno dei contributi più importanti che la medicina ha dato alla salute dell’uomo
Alberto Mantovani, ibidem

L’impatto sulla salute umana della diffusione della vaccinazione contro il vaiolo è stato straordinario, a tal punto che oggi stentiamo quasi a ricordare cosa sia questa malattia che nel XVIII secolo in Europa mieteva 600.000 morti l’anno, in una popolazione decisamente inferiore a quella odierna.
Alberto Mantovani, ibidem

Il presupposto del vaccino è dato dal fatto che le nostre difese ricordano l’incontro con un virus o un batterio responsabile di una determinata malattia: così, quando vengono nuovamente in contatto con lo stesso patogeno, reagiscono rapidamente in modo da neutralizzarlo.
Alberto Mantovani, ibidem

Esistono vaccini salvavita, considerati «di base», e altri comunque raccomandati: ormai abbiamo vaccini che coprono le diverse fasce di età e i differenti contesti sociali in cui viviamo. In generale, l’essenzialità di questa potente arma di prevenzione è determinata dal luogo e dalle circostanze in cui ci si trova.
Alberto Mantovani, ibidem

Le vaccinazioni nella prima infanzia sono uno strumento non solo salvavita, ma anche di lotta alle disuguaglianze.
Alberto Mantovani, ibidem

La vaccinazione contro l’influenza è raccomandata nelle persone oltre i 50 anni, indipendentemente dalle condizioni di rischio. L’influenza è infatti ben più di un semplice «male di stagione». Ogni anno causa circa 500.000 morti in tutto il mondo. Molto contagiosa, non deve essere sottovalutata: può rappresentare una seria minaccia per le persone fragili e più a rischio, come gli anziani o chi soffre di patologie croniche che compromettono il funzionamento del sistema immunitario, rendendolo meno reattivo e dunque meno capace di contrastare da solo le infezioni.
Alberto Mantovani, ibidem

Vaccinarsi è più di una scelta personale, è un atto di responsabilità sociale: limitando la diffusione del virus, chi si vaccina protegge anche chi non lo fa.
Alberto Mantovani, ibidem

I vaccini sono estremamente sicuri. La loro sicurezza è documentata da milioni di dosi somministrate, dalla costante attività di sorveglianza sui possibili eventi avversi e dagli studi effettuati sia prima dell’autorizzazione sia dopo l’entrata in commercio di ciascun vaccino. Tuttavia, come qualsiasi altro intervento medico, comportano dei rischi e dei benefici che vanno attentamente valutati e bilanciati.
Alberto Mantovani, ibidem

È la ridotta percezione del rischio il motivo principale per cui alcuni genitori sono restii a fare vaccinare i figli. In un certo senso, i vaccini sono vittime del proprio successo: grazie a loro, malattie che in passato hanno causato milioni di morti e di gravi disabilità sono diventate rare o sono state eliminate. Si è così dimenticato quanto siano pericolose alcune di queste, come la difterite e la poliomielite.
Alberto Mantovani, ibidem

Senza i vaccini, tornerebbero a colpirci virus e batteri da tempo debellati, come quelli responsabili di poliomielite e difterite, e non avremmo un efficace scudo contro quelli che, prima o poi, ci troveremo a combattere in futuro. Eppure, ogni giorno questi dati incontrovertibili si scontrano con le numerose leggende metropolitane che vorrebbero legare l’utilizzo dei vaccini all'insorgenza di malattie gravi, come l’autismo o la sclerosi multipla: falsi miti che aumentano la diffidenza delle persone nei confronti delle vaccinazioni, mettendo seriamente a rischio la salute di tutti. Perché il nostro benessere dipende anche dalle scelte degli altri.
Alberto Mantovani, Immunità e vaccini, 2016

Attenzione! Gli uomini vaccinati sono mortali per i bacilli del tifo. 
Marcello Marchesi, Il malloppo, 1971

Non vaccinarsi e non vaccinare i propri figli è una sciocchezza. L'uomo l'ha sempre fatto, anche inconsapevolmente prima che la scienza scoprisse i vaccini veri e propri. 
Michele Mirabella [1]

L'istruzione è un vaccino contro la violenza.
Edward James Olmos [1]

L'amore è l'unico vaccino contro l'amore.
[El amor es la única vacuna contra el amor].
Enrique Jardiel Poncela, Massime minime, 1937

I vaccini hanno salvato miliardi di vite, eppure negli Stati Uniti, e anche altrove, ci sono persone famose che se ne escono dicendo che causano l’autismo. Non è vero, non lo fanno. E la loro sicurezza è andata aumentando nel tempo. Temo che andremo incontro a un’epidemia di morbillo per colpa delle tante celebrità male informate che parlano di queste cose e per l’ingenuità del pubblico che le ascolta. James Randi, intervista a Wired.it, 2015

I vaccini costituiscono la migliore assicurazione sulla vita dell’umanità, 
Rino Rappuoli [1]

Il migliore, in effetti l'unico, metodo di promuovere la salute pubblica e personale è quello di insegnare alla gente le leggi della natura e come conservare la loro salute. I programmi di immunizzazione sono futili e basati sull'assurda presunzione che la legge di causa ed effetto possa essere annullata. I vaccini e i sieri sono impiegati come sostituti di un vivere corretto e pretenderebbero sostituirsi all'obbedienza che si deve alle leggi della vita.
Herbert Shelton [1]

Il solo scopo di questa propaganda [dei vaccini] non è quello di rendere sicura la salute e il benessere dei bambini, ma garantire il regolare flusso di profitti ai medici e alle case farmaceutiche.
Herbert Shelton [1]

I bambini sofferenti del Terzo Mondo hanno carenze nutrizionali, non carenze vaccinali.
Lendon Smith [1]

Quando i vaccini per la polio e il morbillo furono disponibili, i genitori si misero in fila per assicurarsi che i propri figli fossero protetti. Avevano vissuto in un mondo in cui le malattie infettive avevano distrutto il futuro dei bambini e volevano disperatamente lasciarsi quel mondo alle spalle. Questi vaccini funzionarono così bene che la memoria che noi abbiamo di queste malattie è svanita e l'importanza della vaccinazione è diventata meno ovvia. 
Elizabeth Warren [1]

– Siamo in guai seri. Non ci resta che dare un taglio alle cose superflue.
– Be', sai, compriamo sempre vaccini per Maggie per delle malattie che neanche ha...
Marge e Homer Simpson, in Matt Groening, I Simpson, 1989/...

Tutti parlano di vaccini, ma secondo me è giunto il momento di rendere obbligatoria anche la doccia.
Anonimo

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Virus - Contagio - Epidemia - Raffreddore e Influenza - Cura

Nessun commento: