Aforismi, frasi e citazioni sull'Epidemia

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sull'epidemia, termine che deriva dal greco ἐπιδημία, letteralmente: che è nel popolo o sopra le persone. L'epidemia è la "manifestazione collettiva di una malattia (colera, tifo, vaiolo, influenza, ecc.) che rapidamente si diffonde, per contagio diretto o indiretto, fino a colpire un gran numero di persone in un territorio più o meno vasto, e si estingue dopo una durata più o meno lunga". Il termine "epidemia" è usato spesso anche in senso figurato per indicare qualsiasi fenomeno, per lo più negativo, che si diffonde largamente, o di altra cosa che si manifesti con molta frequenza. [cfr. Vocabolario Treccani].
Alcune delle seguenti citazioni fanno riferimento anche alla pandemia, termine che deriva dal greco pan-demos, "tutto il popolo", e che indica una malattia epidemica che si diffonde rapidamente in varie parti del mondo, coinvolgendo numerose persone.

Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sui virus, l'influenza, il contagio e la peste. [I link sono in fondo alla pagina].
In un'epidemia non ci sono colpevoli, ci sono soltanto vittime.
(José Saramago)
Contro il dilagare dell'epidemia influenzale il ministro della Sanità ha aperto un'inchiesta, affidandola a una commissione di probi-virus.
Amurri & Verde [1]

Epidemia. Malattia a tendenza sociale e assolutamente sgombra da pregiudizi.
[Epidemic: A disease having a sociable turn and few prejudices].
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Non credo nel male, credo solo nell'orrore. In natura non esiste alcun male, ma soltanto orrore in abbondanza: le epidemie, i flagelli, le formiche, i vermi.
Karen Blixen [1]

Le grandi epidemie mortali sono scomparse. Sono state tutte rimpiazzate da una sola: la proliferazione degli esseri umani.
[Les grandes épidémies meurtrières ont disparu. Elles ont toutes été remplacées par une seule: la prolifération des êtres humains eux-mêmes.
Jean Baudrillard, Cool Memories, 1980/85

I sorci morivano per la strada e gli uomini nella loro camera; e i giornali non si occupano che della strada. Ma la prefettura e il municipio cominciarono a consultarsi. Per tutto il tempo che ogni medico non aveva avuto conoscenza di più di due o tre casi, nessuno aveva pensato di muoversi. Ma infine, bastò che qualcuno pensasse a far la somma. La somma era paurosa. In pochi giorni appena i casi mortali si moltiplicarono, e fu palese a quelli che si preoccupavano dello strano morbo che si trattava d'una vera epidemia.
Albert Camus, La peste, 1947

L'epidemia è una faccenda di ciascuno e ciascuno deve compiere il suo dovere.
Albert Camus, ibidem

Le misure decretate erano insufficienti, era ben chiaro; quanto alle sale «particolarmente attrezzate», egli sapeva come fossero: due padiglioni sgombrati in fretta da altri malati, con le finestre tappate e isolati da una cintura sanitaria. Se l'epidemia non si fermava da sola, non sarebbe stata vinta dalle misure escogitate dall'amministrazione.
Albert Camus, La peste, 1947

Fra tutte le sciagure subite fino ad oggi dall'umanità le grandi epidemie hanno lasciato di sé un ricordo singolarmente vivo. Esse agiscono con la fulmineità delle catastrofi naturali; ma mentre un terremoto si compie in poche e brevi scosse, l'epidemia ha una durata che può estendersi per mesi e perfino per un anno intero.
Elias Canetti, Massa e potere, 1960

Alla fine, il risultato di un'epidemia può essere pari a quello di un terremoto; ma, nell'epidemia, gli uomini sono "testimoni" del massiccio progresso della morte che ha luogo sotto i loro occhi. Essi si trovano nella condizione di partecipanti a una battaglia che dura più a lungo di tutte le battaglie conosciute. Il nemico però è nascosto, sempre invisibile; non lo si può colpire. Ci si può aspettare soltanto di esserne colpiti. La battaglia è diretta unicamente dalla schiera avversaria, la quale colpisce chi vuole e colpisce con tale frequenza che si deve ben presto temere d'essere tutti sopraffatti.
Elias Canetti, Massa e potere, 1960

Nell'istante in cui è stata riconosciuta, l'epidemia non può sfociare altro che nella morte collettiva, di tutti. Coloro che ne vengono aggrediti attendono - poiché non vi sono mezzi di difesa - l'esecuzione della sentenza pendente su di essi.
Elias Canetti, Massa e potere, 1960

L'amore è come le malattie epidemiche: più uno le teme, più è esposto al contagio.
[L'amour est comme les maladies épidémiques. Plus on les craint, plus on y est exposé].
Nicolas de Chamfort, Massime e pensieri, 1795 (postumo)

L'influenza pandemica è per sua natura un problema internazionale;, e in quanto tale richiede una soluzione internazionale.
Margaret Chan [1]

Sia sbarrata la strada alla carne, si tenti di paralizzare la sua temibile spinta. Stiamo assistendo a una vera e propria epidemia di vita, a un brulicare di visi. Dove e come potremo restare ancora faccia a faccia con Dio?
Emil Cioran, Il funesto demiurgo, 1969

Il quadro più incantevole offerto dall'umanità è, fra 1'orrore di una epidemia, di una sommossa, di un incendio, di un cataclisma, qualche prova di oscuro e tranquillo coraggio, che rimarrà ignorato. Eppure 1'autore dell'atto ha provato da solo la vera voluttà di compierlo.
Deprez [1]

Quando si diffonde un’epidemia di parole, il silenzio è l’unica forma possibile di salute.
Joseph Dinouart, L'arte di tacere, 1771

Si ha motivo di ritenere che l'incremento demografico aumenti le probabilità di epidemie letali a diffusione mondiale oltre che di conflitti nucleari. Sia le une che gli altri comporterebbero un'assai poco desiderabile « soluzione » del problema della popolazione mediante aumento del tasso di mortalità; sia le une che le altre sono potenzialmente in grado di distruggere la civiltà e anche di provocare l'estinzione dell' Homo sapiens.
Erich Fromm, Avere o essere?, 1976

Le cose buone non fanno epidemia, è un fatto biologico, niente da fare.
Giorgio Gaber, in Guido Harari, Quando parla Gaber, 2011

Dobbiamo cooperare a livello globale sulla preparazione e la prevenzione delle epidemie nello stesso modo in cui cooperiamo a livello globale per impedire ai popoli di possedere armi nucleari.
[We need to cooperate globally on epidemic preparedness and prevention in the same way we are cooperating globally to stop people from getting nuclear weapons].
Bill Gates [1]

Le epidemie naturali possono essere molto grandi, ma le epidemie causate intenzionalmente, il bioterrorismo, sarebbero le più grandi di tutte.
Bill Gates [1]

Il fatto che non ci sia stata una pandemia catastrofica nella storia recente non significa che non ce ne possa essere una. Di sicuro non siamo preparati per la prossima pandemia.
Bill Gates [1]

La guerra è un'epidemia volontaria.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Difendere la Natura? Che sciocchezza, la Natura si difende ferocemente da sé, pareggia i conti con terremoti, maremoti, eruzioni vulcaniche, cicloni, epidemie, devastante diffusione della droga (un prodotto naturale). Non di rado, dunque, bisogna difendersi dalla Natura.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

Ci sono epidemie di ogni tipo; il gusto dello sport è un’epidemia di salute.
[Il y a des épidémies de tout ordre le goût du sport est une épidémie de santé].
Jean Giraudoux, Lo sport, 1924

Quel preciso momento di un'epidemia, quando tutto può cambiare all'improvviso, è il Punto Critico.
Malcolm Gladwell, Il punto critico. 2000

Le epidemie dilagano secondo una progressione geometrica [...] In quanto essere umani, ci troviamo a disagio con questo genere di progressione, perché il risultato finale, l'effetto, sembra assolutamente sproporzionato rispetto alla causa. Per comprendere il potere delle epidemie, dobbiamo abbandonare questa visione della proporzionalità e prepararci alla possibilità che, a volte, i grandi cambiamenti derivino da eventi di poco conto e che spesso queste trasformazioni possano verificarsi con grande rapidità.
Malcolm Gladwell, Il punto critico. 2000

In caso di epidemia, io prendo l'acqua, la faccio bollire, e la sottopongo ad accuratissima sterilizzazione. Poi bevo Chianti.
Olindo Guerrini [1]

Se anche il mondo dovesse esplodere, mi troverai qui. Anche se dovesse scoppiare una guerra mondiale, tu mi troverai qui. Anche se dovesse diffondersi dappertutto un'epidemia mortale, tu mi troverai qui a portare sfiga.
Corrado Guzzanti [1]

Alcune persone sono così sensibili che si sentono snobbate se un'epidemia le trascura.
Kin Hubbard [1]

Studiando l'evoluzione della struttura della morbosità si ha la prova che durante l'ultimo secolo i medici hanno influito sulle epidemie in misura non maggiore di quanto influivano i preti nelle epoche precedenti. Le epidemie venivano e se ne andavano, esorcizzate da entrambi ma non impressionate né dagli uni né dagli altri. Esse non vengono modificate dai riti celebrati nelle cliniche mediche più di quanto lo fossero dai tradizionali scongiuri ai piedi degli altari. Una discussione sul futuro dell'istituzione sanitaria potrebbe utilmente partire dal riconoscimento di questo fatto.
Ivan Illich, Nemesi medica, 1976

Le messe sono sempre terreno fertile di epidemie psichiche.
Carl Gustav Jung [1]

Favorita dai vorticosi contatti del mondo d'oggi, l'infelicità dilaga come un'epidemia, con untori consapevoli e inconsapevoli portatori sani.
Nunzio La Fauci, Questo quasi nulla, 2008

Le epidemie seguono schemi perché le malattie seguono schemi. I virus si diffondono, si riproducono e muoiono.
Jill Lepore [1]

Come avviene che la sanità non sia cosi contagiosa come la malattia - in genere, e specialmente nel gusto? O ci sono epidemie di salute?
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

Le epidemie dall'altra parte del mondo sono una minaccia per tutti noi. Nessuna epidemia è soltanto locale.
[Epidemics on the other side of the world are a threat to us all. No epidemic is just local].
Peter Piot [1]

In un'epidemia non ci sono colpevoli, ci sono soltanto vittime.
[Numa epidemia não há culpados, todos são vítimas],
José Saramago, Cecità, 1995

Come di fronte a un’epidemia a nulla giova la robustezza fisica e una scrupolosa cura della salute (infatti sono colpiti alla rinfusa deboli e forti), così l’ira rappresenta un pericolo sia per i temperamenti inquieti sia per quelli disciplinati e tranquilli.
Lucio Anneo Seneca, L'ira, I sec.

Qualunque vizio venga rimproverato a un altro, ciascuno se lo ritroverà in seno. Perché ti impressiona il pallore di Tizio e la malinconia di Caio? È un’epidemia che tocca a tutti. Siamo dunque più benevoli l’un l’altro.
Lucio Anneo Seneca, L'ira, I sec.

I notiziari sono sempre abbastanza deludenti: corruzione, stupri, omicidi, terrorismo, guerre, epidemie, carestia, disoccupazione, inquinamento, alluvioni, terremoti e via dicendo; ma niente che lasci mai presagire un’imminente fine del mondo che ci liberi per sempre da quest’immane orrore e, soprattutto, dai notiziari.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

L'uomo sopravvive a terremoti, epidemie, orrori di malattie e agonie dell'anima, ma tutto il tempo la sua tragedia più tormentosa è stata, è, e sarà sempre, la tragedia della camera da letto.
Lev Tolstoj, Anna Karenina, 1877

L'epidemia è la forza della natura che più di tutte costringe l'essere umano a interrogarsi sul senso e sul valore della vita.
Alex Tonelli, introduzione a Carlo Bordini, Epidemia, 2015

Alle notizie una valanga di guerre, massacri, carestie, epidemie. Che guscio di egoismo e d’incoscienza ci occorre per continuare a vivere con l’animo in pace! Il più piccolo barlume di carità o di solidarietà umana ci ucciderebbe immediatamente, come se un fulmine ci cadesse sul cuore.
Michel Tournier, Diario estimo, 1993-2000

Qualcosa di molto importante e rivoluzionario per la società può scaturire dall'epidemia di ebola e sarebbe un'idea molto buona: niente più strette di mano!
Donald Trump [1]

Seguendo il corso normale delle cose, le epidemie sono speciali. Quelle che colpiscono l'uomo risparmiano gli animali, quelle che colpiscono gli animali risparmiano i vegetali. Non si è mai visto un cavallo assalito dal vaiolo, né un uomo dalla peste bovina. Le pecore non contraggono la malattia delle patate.
Jules Verne, Il dottor Oss, 1872

Io penso che la Cina abbia pagato un grande conto di questa epidemia [di coronavirus] che ha avuto, perché comunque li abbiamo visti tutti mangiare i topi vivi o altre robe del genere.
Luca Zaia, su Antenna 3-Nord Est, 2020

In tempo d'epidemia, dottori in allegria.
Proverbio

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Virus - Raffreddore - Contagio - Peste

Nessun commento: