Cerca Autori o Argomenti in Aforismario

Frasi e citazioni sul Sofisma e sui Sofisti

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sui sofismi e sui sofisti. Il termine "sofisma" deriva dal latino sophisma, a sua volta dal greco σόϕισμα -ατος, derivazione di σοϕίξεσϑαι «fare ragionamenti cavillosi; usare argomenti sofistici». In filosofia, un sofisma è un ragionamento apparentemente valido ma inconcludente perché contrario alle leggi stesse del ragionamento; o anche un ragionamento che, pur partendo da premesse vere o verosimili e rispettando le leggi del ragionamento, giunge a una conclusione inammissibile, assurda. Nell’uso corrente, si chiama "sofisma" qualsiasi ragionamento cavilloso, capzioso e falso, anche se in apparenza coerente. [Cfr. Vocabolario Treccani].

Il sofista è un filosofo appartenente alla scuola sofistica presocratica, diffusasi soprattutto in Atene tra il V e il IV sec. a.e.c. e rappresentata da Protagora, Gorgia, Prodico e Ippia. La sofistica è caratterizzata dal predominio del soggettivismo e dei valori pratici, e dal rilievo dato alla retorica come strumento di successo nella vita politica. In senso lato, si definisce sofista chi fa ragionamenti cavillosi, spesso inconcludenti o falsi.

Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla retorica, l'eloquenza, la persuasione e la demagogia. [I link sono in fondo alla pagina].
Solo di rado un sofisma è una falsità bell'e buona; di solito
è una robusta pozione di menzogna, ma avvelenata
da una goccia di verità. (Arthur Schnitzler)
Sono sempre stato convinto che l'abuso delle parole sia stato il grande strumento della sofistica e della cavillosità, del partito, della faziosità e della divisione nella società.
John Adams, Lettere, XIX sec.

O insensata cura de' mortali, quanto son difettivi silogismi quei che ti fanno in basso batter l'ali! Chi dietro a iura e chi ad amforismi sen giva, e chi seguendo sacerdozio, e chi regnar per forza o per sofismi.
Dante Alighieri, Paradiso, Divina Commedia, 1304-1321

Quando si oscura la visione della legge, del dovere, tutto si offusca e si fa il male senza saperlo, quasi senza sospettarlo. Lo scetticismo lascia ogni possibilità al sofisma.
Henri-Frédéric Amiel, Diario intimo, 1839-1881 (postumo)

Sembra, a voler credere a Platone, che gli antichi sofisti si accontentassero di una vittoria temporanea dei loro argomenti a spese della verità. Gli ideologi moderni vogliono invece conseguire a spese della realtà una vittoria permanente. In altre parole, i primi hanno demolito la dignità del pensiero umano, mentre i secondi tentano di distruggere la dignità dell'azione umana e della sua realtà storica.
Hannah Arendt, Le origini del totalitarismo, 1951

Il regno della ragione? Come potrà trionfare, se mai finora, in secoli ben più virtuosi, ha potuto affermarsi; se finora la ragione non è stata su questa terra che una straniera, una fuggitiva, di cui gli uomini hanno preso sempre pretesto per ingannarsi con la speculazione e coi sofismi, per rendere plausibili gli atti che le sono più opposti, e lasciar corso alle maggiori infamie!
Achim von Arnim, Il manichino tragico, 1812

Il sofisma è la fallacia dell'argomentazione.
Henry Ward Beecher [1]

L'esperienza del presente secolo dimostra che è bastato relegare in soffitta dogmi e sofismi per mettere piede sulla luna.
Francesco Burdin, Un milione di giorni, 2001

L'età della cavalleria è finita. Quella dei sofisti, degli economisti e dei contabili è giunta; e la gloria dell'Europa giace estinta per sempre.
Edmund Burke, Riflessioni sulla rivoluzione in Francia, 1790

I nostri padroni sono o burloni o sofisti, sono o esorcisti o ipnotizzatori, cercano di guadagnar tempo sul caos e sulla morte, ma non possono più impedire l'irreparabile, e noi andiamo dritti alla catastrofe.
Albert Caraco, Breviario del Caos, 1982 (postumo)

I sofisti sono i fondatori della retorica. Questa è una parola con una cattiva reputazione, oggi. La si associa all'idea di fare discorsi vuoti, ingannevoli e pomposi. Quando oggi si pensa alla retorica si evoca un'idea di menzogna e doppiezza ma, nella corretta accezione del termine, la retorica è la tecnica di concepire discorsi persuasivi e di perseguire la verità con il mezzo dell'argomentazione.
Gianrico Carofiglio, Il bordo vertiginoso delle cose, 2013

Il sofisma è per definizione il discorso ingannevole basato sulla forza di suggestione del discorso retorico. Un nemico della verità. 
Gianrico Carofiglio, ibidem

Esaminate gli ingegni che riescono a interessarci: lungi dal tener conto delle contingenze, difendono posizioni insostenibili. Se sono vivi è proprio grazie al loro lato "limitato", alla passionalità dei loro sofismi: le concessioni che hanno fatto alla «ragione» ci deludono e ci infastidiscono. La saggezza è nefasta per il genio; mortale per il talento.
Emil Cioran, La tentazione di esistere, 1956

Esperti in un'arte del pensiero puramente verbale, i sofisti si dedicarono per primi a riflettere sulle parole, sul loro valore e proprietà, sulla funzione che competeva loro nello svolgersi del ragionamento: il passo capitale verso la scoperta dello stile, concepito come scopo in sé, come fine intrinseco, era compiuto. Non restava che trasporre questa ricerca verbale, attribuirle come oggetto l'armonia della frase, sostituire al gioco dell'astrazione il gioco dell'espressione. L'artista che riflette sui propri mezzi è dunque debitore al sofista, è legato a lui da una parentela organica.
Emil Cioran, La tentazione di esistere, 1956

Quando pensa, il sofista domina a tal punto il suo pensiero da poterne fare ciò che vuole; poiché non ne è trascinato, lo dirige secondo i propri capricci o calcoli. Nei riguardi della propria mente si comporta da stratega; egli non medita ma, seguendo un piano tanto astratto quanto artificiale, concepisce delle operazioni intellettuali, apre delle brecce nei concetti, fiero di rivelarne la debolezza o di accordare loro arbitrariamente una solidità o un senso. Della «realtà» non si cura affatto: sa che dipende dai segni che la esprimono e che di questi segni è importante essere padrone.
Emil Cioran, La tentazione di esistere, 1956

Stamattina alla radio un professore, parlando degli antichi sofisti, li accusava, seguendo l’esempio di Socrate, di aver venduto il loro insegnamento, di essersi fatti pagare dagli allievi, di aver fatto delle «tournée» nelle città più importanti per guadagnare denaro con le «conferenze», ecc. ... E Lei, avrei detto a quel pedante, certamente le fa gratis, ogni settimana, queste trasmissioni dotte e insulse...
Emil Cioran, Quaderni, 1957-1972 (postumo 1997)

Come l'edera rampicante si aggrappa al legno o alla pietra e nasconde la rovina di cui si nutre, così il sofisma si attacca e protegge il tronco marcio del peccato, nascondendone i difetti.
William Cowper [1]

Il sofisma [...] è in fondo ad ogni piacere e ad ogni dolore umano. Acuire e moltiplicare i sofismi equivale dunque ad acuire e moltiplicare il proprio piacere o il proprio dolore. Forse, la scienza della vita sta nell'oscurare la verità. La parola è una cosa profonda, in cui per l'uomo d'intelletto son nascoste inesauribili ricchezze. I Greci, artefici della parola, sono in fatti i più squisiti goditori dell'antichità. I sofismi fioriscono in maggior numero al secolo di Pericle, al secolo gaudioso.
Gabriele D'Annunzio, Il piacere, 1889

Si deve esigere da me che io cerchi la verità, non pretendere che la trovi. Forse un sofisma non può colpirmi più vivamente di una solida prova? Sono necessitato ad acconsentire al falso che prendo per vero e a respingere il vero che prendo per falso: ma che cosa debbo temere se sbaglio innocentemente? Nell'altro mondo non riceviamo una ricompensa per aver avuto un acuto ingegno su questa terra; perché mai vi dovremmo essere puniti per averne difettato?
Denis Diderot, Pensieri filosofici, 1746

L'amore supremo sfida tutti i sofismi.
[Love supreme defies all sophistry].
George Eliot, Poesie, XIX sec.

Il bisogno è il sofista più grande del pianeta.
Mihai Eminescu [1]

Accanto ai giuristi collochiamo i dialettici e i sofisti, una genìa più loquace dei bronzi di Dodona: uno qualunque di loro potrebbe gareggiare in fatto di chiacchiera con venti donne di prima scelta. Meglio per loro sarebbe, se fossero soltanto chiacchieroni, e non anche litigiosi al punto di polemizzare con estrema tenacia per questioni di lana caprina e da trascurare spesso, nella foga della contesa, i diritti della verità. Pieni di sé come sono, godono ugualmente quando, armati di tre sillogismi, non esitano ad attaccare lite con chiunque, a qualunque proposito. Del resto la loro pertinacia li rende invincibili, anche se il loro avversario è uno Stentore.
Erasmo da Rotterdam, Elogio della follia, 1509

La verità è abbastanza potente da vincere tutti i sofismi umani.
Eschine, IV sec. a.e.c.

Alla scuola di retori e sofisti le parole diventano cose. Si guadagna cioè quell’autonomia linguistica che, abolendo la distanza tra significante e significato, fa del discorso non uno strumento per conoscere il reale, ma una tecnica per ottenere consenso.
Umberto Galimberti, Gli equivoci dell'anima, 1987

Ognuno vive dentro ai suoi egoismi vestiti di sofismi | ognuno costruisce il suo sistema | di piccoli rancori irrazionali, di cosmi personali | scordando che poi infine tutti avremo due metri di terreno...
Francesco Guccini, Canzone di notte, 1976

Sofisma, la menzogna della logica.
[Sophisme, le mensonge de la logique].
Victor Hugo, Oceano, XIX sec. (postumo)

Se prendiamo in mano un qualsiasi volume, per esempio, di teologia o di metafisica scolastica, domandiamoci: contiene qualche ragionamento astratto sulle quantità o sui numeri? No. Contiene qualche ragionamento sperimentale su questioni di fatto o di esistenza? No. Allora affidiamo alle fiamme, poiché non può contenere altro che sofismi e illusioni. 
[If we take in our hand any volume; of divinity or school metaphysics, for instance; let us ask, Does it contain any abstract reasoning concerning quantity or number? No. Does it contain any experimental reasoning concerning matter of fact and existence? No. Commit it then to the flames: for it can contain nothing but sophistry and illusion].
David Hume, Ricerche sull’intelletto umano e sui princìpi della morale, 1748

Gli effetti della propaganda falsa e perniciosa si neutralizzano solo con un completo addestramento all'arte di analizzarne le tecniche e smascherarne i sofismi.
Aldous Huxley, Ritorno al mondo nuovo, 1958

Il sofisma è un fantasma, un'apparenza di buon ragionamento e di ragione. 
[Le sophisme est un fantôme, une apparence de bon raisonnement et de raison].
Joseph Joubert, Pensieri, 1838 (postumo)

L'eloquenza è in buona parte sofistica per natura; il sofisma sta nel fatto che, invece di agire, si faccia posto all'eloquenza.
Søren Kierkegaard, Diario, 1834-1855 (postumo)

Se vuoi premunirti dal cadere nelle mani dei sofisti, comportati secondo le parole di Cristo: «Li conoscerete dai loro frutti».
Søren Kierkegaard, ibidem

Ragione è una parola dolce per sofisma.
Deepak Kripal, Sense of a quiet, 2022

Spesso, nella vita, si compie il male soltanto perché non si vede chiaramente il bene, o perché si è riusciti a nasconderlo sotto qualche sofisma.
Ernest Legouvé, Padri e figli nel XIX secolo, 1867

Nessuno è sofista quando parla di se stesso e per se stesso, e in un’occasione che mette in vero movimento l’animo suo.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Gli individui con grande capacità di conversazione praticano quasi universalmente una sorta di vivace sofistica ed esagerazione, che inganna momentaneamente sia sé stessi che i loro ascoltatori.
Thomas B. Macaulay [1]

Il sofisma è un falso discorso che prova tutt'altro fuor di quel che trattasi nella disputa. Esso suole condurre all'errore facendo perdere di vista il punto principale e congiungendo insieme delle ragioni che non convengono al soggetto.
Didier-Pierre Chicaneau de Neuvillé, Dizionario filosofico, 1756

C'è qualcosa di più vile al mondo dello schiavo di un tiranno, è l'inganno di un sofisma.
[Il y a quelque chose de plus vil au monde que l'esclave d'un tyran, c'est la dupe d'un sophisme].
Charles Nodier, Jean Sbogar, 1818

Sofista è colui il quale, tesi che ci sono sommamente antipatiche, sostiene con argomenti che non sappiamo confutare.
Giuseppe Rensi, Schegge, 1930

È più soddisfacente, più liberatorio, affrontare una brutta verità piuttosto che cercare di eluderla attraverso i sofismi e l'autoinganno.
Marty Rubin [1]

Solo di rado un sofisma è una falsità bell'e buona; di solito è una robusta pozione di menzogna, ma avvelenata da una goccia di verità.
Arthur Schnitzler, Il libro dei motti e delle riflessioni, 1927

È un cattivo auspicio per la filosofia quando, pretendendo di partire alla ricerca della verità, si comincia con il dire addio a ogni sincerità, onestà e schiettezza, e ci si preoccupa soltanto di farsi valere per quello che non si è. Si assume allora, proprio come quei tre sofisti [Fichte, Schelling ed Hegel], ora un falso pathos, ora un'alta e artificiosa serietà, ora l'atteggiamento di un'infinita superiorità, per imporsi quando si dispera di poter convincere; si scrive senza riflettere, poiché, pensando soltanto allo scopo di scrivere, si era risparmiato il pensiero sino all'atto di scrivere: si cerca di far passare come dimostrazioni dei sofismi palpabili, di spacciare per profondi pensieri delle ciarle vuote e prive di senso.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Sofismi o ciò che i maestri di scherma chiamano colpi bassi.
Arthur Schopenhauer, ibidem

Un sofisma è nella teoria ciò che nella pratica è un sopruso.
Arthur Schopenhauer, ibidem

L’aforisma dovrebbe dire la verità, tutta la verità e nient’altro che la verità, ma deve farlo in maniera concisa ed incisiva così da convincere la mente e paralizzare le “difese” dei sofismi.
Mario Vassalle, Conchiglie, 2009

Quando un'argomentazione falsa assume l'aspetto di una vera, allora è propriamente chiamata sofisma o fallacia.
Isaac Watts [1]

Un sofisma, come un veleno, è allo stesso tempo rilevato e rigettato quando ci viene presentato in forma concentrata; ma una fallacia che, espressa in poche frasi appena, non ingannerebbe un bambino, può ingannare mezzo mondo se diluita in un volume intero.
Richard Whately [1]

Un filosofo opera con deduzioni. Un sofista opera con paradossi. Un "intellettuale pubblico" opera con frasi a effetto.
Jakub Bożydar Wiśniewski [1]

Il confronto, che è l’essenza della democrazia, per essere onesto deve essere paritario. Se uno solo sa parlare, o conosce la parola meglio di altri, la vittoria non andrà all’argomento migliore, ma al sofista piú abile a giocare con le parole, per intimidire piuttosto che per ragionare insieme.
Gustavo Zagrebelsky, La lezione, 2022

Un gatto ha una coda più di nessun gatto. Ma nessun gatto ha due code. Dunque un gatto ha tre code.
Sofisma medioevale

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Retorica - Persuasione - Eloquenza - Demagogia - Frammenti di Presocratici e Sofisti