Cerca Autori o Argomenti in Aforismario

Aforismi, frasi e citazioni sul Consenso Politico

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sul consenso politico e, in particolare, sul consenso elettorale. Nel linguaggio politico, il consenso indica appoggio, favore, gradimento espresso da gruppi e strati sociali alla politica di un partito o di un leader. Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sul consenso considerato in generale, sulle elezioni, i candidati, la demagogia e il populismo. [I link sono in fondo alla pagina].
Il consenso si conquista promettendo moltissimo e mantenendo sempre,
ma con il contagocce. (Paolo Cirino Pomicino)
Oggi la classe politica in Italia è completamente sbilanciata sul versante della distribuzione (alla ricerca di consensi), ed è questo squilibrio a essere all'origine di tanti guai che sono oggi sotto gli occhi di tutti (a cominciare dall'immenso debito pubblico); mentre è estremamente carente sul versante della produzione di ricchezza, quella che è all'origine della crescita. Ma se i politici distribuiscono più ricchezza di quella prodotta, è evidente che si va in rosso, in profondo rosso.
Piero Angela, A cosa serve la politica?, 2011

Per rimettere in ordine i conti, un governo, come si sa, può agire su due leve principali: tagliare le spese e aumentare le tasse. Quale che sia il “mix” che intende adottare, in definitiva deve comunque chiedere dei sacrifici ai suoi cittadini, cosa che i governi per evidenti ragioni di “consenso” cercano il più possibile di evitare. E infatti questo riordino dei conti è stato continuamente rinviato, in Italia, sperando in una buona stella.
Piero Angela, A cosa serve la politica?, 2011

Non è solo la (cattiva) politica a sabotare la democrazia ma anche una parte consistente dei cittadini. D'altra parte se non ci fosse una base di consenso piuttosto ampia, la politica non si permetterebbe di fare ciò che spesso fa.
Corrado Augias, Il disagio della libertà, 2012

La furberia dei democratici attuali consiste essenzialmente nel persuadere che, in un governo che oltrepassi i limiti di un Comune, si possa legiferare secondo la volontà del popolo, il consenso delle masse, quando in realtà è il denaro che fa l'opinione comprando la stampa, sono i gruppi finanziari che fanno pressione sull'economia, sono gli agitatori politici e sindacali che beffano il popolo e gli fanno credere che è l'espressione della sua volontà a comandare.
Alexandre Barivault, Aforismi di un credente, 1966

Non è il seggio che fa un leader, ma è il consenso popolare.
Silvio Berlusconi [1]

La perversione della politica è quella di fregare spesso il cittadino, sempre però con il suo consenso.
Carl William Brown, Aforismi contro il potere e l'autorità della stupidità, 2015

Il sofisma che le grandi azioni politiche sono sempre opera di minoranze intelligenti, non regge: può darsi che l'iniziativa appartenga ai pochi, ma viene sempre il momento in cui il consenso dei più è indispensabile.
Arrigo Cajumi, Pensieri di un libertino, 1947-1950

In uno Stato – che sia democratico oppure totalitario – i governanti devono fare affidamento sul consenso. Si devono assicurare che i governati non comprendano che sono loro, in realtà, ad avere il potere. Si tratta del principio fondamentale del governo.
Noam Chomsky, America: il nuovo tiranno 2006

Il consenso popolare è indizio di legittimità, non la causa. Nel dibattito sulla legittimità del potere non conta se essa abbia origine dal voto o dalla forza. Legittimo è quel potere che esegue il mandato che le necessità vitali ed etiche di una società gli conferiscono.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Agli estorsori di consensi convengono i disagi sociali degli uomini: gli uomini disagiati, senza lavoro, senza soldi, sono facilmente orientabili, sono facilissime fonti di consensi (anche elettorali).
Fabrizio De André, in Guido Harari, Una goccia di splendore, 2007

Il consenso è ciò che molte persone affermano in coro ma che nessuno crede individualmente.
Abba Eban [1]

In politica l'appello alla volontà popolare ha soltanto valore legale ("Ho diritto a governare perché ho ricevuto più voti") ma non permette che da questo dato quantitativo si traggano conseguenze teoriche ed etiche ("Ho la maggioranza dei consensi e dunque sono il migliore").
Umberto Eco, su L'espresso, 2010

Non le lotte o le discussioni devono impaurire, ma la concordia ignava e l'unanimità dei consensi.
Luigi Einaudi, Lo scrittoio del Presidente, Einaudi, 1956

Il politico democratico, che deve tener d'occhio il consenso, o piuttosto manipolarlo, è fatalmente indotto a prendere decisioni demagogiche che solo all'apparenza soddisfano gli interessi della comunità.
Massimo Fini, Sudditi, 2004

Il consenso può esistere anche nelle dittature, come insegnano nazismo e fascismo, spesso anzi è assai più ampio di quello che i governanti possono ottenere in un regime democratico.
Massimo Fini, Sudditi, 2004

La democrazia non è un regime diverso da altri. È solo una delle tante forme, forse la più subdola, che nella Storia ha preso il potere oligarchico. Quelli si erano inventati i diritti del sangue, questi il consenso democratico.
Massimo Fini, Sudditi, 2004

Democrazia può essere allora una parola che «tira», ma cosa vuol dire? Forse più nulla, però è bene usarla perché attira voti, adesioni, consensi. I politici hanno qualcosa in comune con i pubblicitari: invece di vendere lavatrici, devono convincere di una certa idea, ma le due cose non sono poi tanto diverse.
Giorgio Gaber, in Guido Harari, Quando parla Gaber, 2011

Nella democrazia tutti possono dire la loro, cioè fare la loro descrizione del mondo. Ed è in questo senso che un tempo i partiti rappresentavano le diverse opinioni della gente, i sindacati rappresentavano i lavoratori, la Confindustria rappresentava gli imprenditori; ora è la televisione a rappresentare tutte queste rappresentazioni; ed è in questa rappresentazione di secondo grado che si descrive il mondo e si costruisce il consenso.
Umberto Galimberti, Parole nomadi, 1994

Il potere non sta tanto nell'esercizio della sua forza, ma nel consenso dei dominati alla propria subordinazione.
Umberto Galimberti, I miti del nostro tempo, 2009

Il culto della razionalità tende a promuovere nei posti di comando personalità narcisistiche, costrette a comparire e a farsi vedere per riscuotere consenso, seguito e approvazione, nel tentativo di compensare con il potere e il successo quella scarsa stima di sé, tipica di chi non sa trovare la propria identità se non nel riconoscimento esterno.
Umberto Galimberti, I miti del nostro tempo, 2009

Anche il governo piú dispotico non può reggersi senza il consenso dei sudditi, e questo consenso è spesso ottenuto dal despota con la forza. Non appena il suddito cessa di temere la forza del despota, il potere di costui scompare.
Mohandas Gandhi, Antiche come le montagne, 1958 (postumo)

Il nazismo e il fascismo seppero imporsi anche grazie al consenso passivo. Non occorreva che la gran maggioranza fosse politicamente mobilitata; poteva bastare un'adesione di massima, generica e di buon senso. Quello che ispira il quieto vivere, l'abitudine di ogni giorno, il miope attaccamento alle convenienze private.
Pietro Iotti, Sono dov'è il mio corpo, 1997

Un vero leader non è un ricercatore di consenso, ma un modellatore di consenso.
Martin Luther King [1]

Un leader non è tenuto a correre dietro ai sondaggi d'opinione, ma a preoccuparsi delle conseguenze delle sue azioni. Gli chiederanno conto dei disastri anche se la decisione che li ha provocati aveva riscosso, quando è stata presa, il consenso generale.
Henry Kissinger, Gli anni alla Casa Bianca, 1980

Nessuno è in grado di governare un altro senza il suo consenso.
[No man is good enough to govern another man without the other's consent].
Abraham Lincoln, Discorso a Peoria, Illinois, 1854

Abuso di potere, mitigato dal consenso popolare: ecco l'ideale della nostra democrazia.
Leo Longanesi, La sua signora, 1957

Le ideologie sono la maschera con cui si fa la politica, per celarne le asprezze e inseguire il consenso.
Gianfranco Miglio, Lezioni di politica, 2011 (postumo)

Quando mancasse il consenso, c'è la forza.
Benito Mussolini, Scritti e discorsi, 1914/39

In politica quelli che tengono il piede in due staffe rischiano molto: rischiano di essere considerati da chi li osserva «né carne né pesce». È la condizione peggiore che si possa immaginare quando si tratta di andare a chiedere ai cittadini consensi e voti.
Angelo Panebianco, su Corriere della sera, 2009

Oggi, dopo le tristi esperienze subite, noi tutti sappiamo che la società contemporanea rimane sempre esposta al virus totalitario: l'arco dei mezzi di persuasione e di dominio del consenso a disposizione del potere è amplissimo, le possibilità di corruzione delle libere coscienze sono infinite, la tecnologia più raffinata consente ora l'uso della violenza dolce e silenziosa, laddove nell'evo antico e nell'età più prossima funzionava la violenza bruta e l'annientamento fisico del dissidente.
Sandro Pertini (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

I leader privi di carisma devono lottare e imporsi sugli altri facendo leva sulla loro autorità, sul loro potere legalmente riconosciuto, sulle intimidazioni e sulle minacce per ricevere ubbidienza, ascolto e approvazione. I leader che, viceversa, hanno carisma anziché autorità esprimono autorevolezza e fondano il loro potere attraverso il consenso che deriva dal saper comunicare efficacemente.
Massimo Piovano, su Leadership e Management, 2012

Il consenso si conquista promettendo moltissimo e mantenendo sempre, ma con il contagocce.
Paolo Cirino Pomicino [1]

La paura è il mezzo di persuasione delle dittature per ottenere il consenso di massa. Come lo è delle democrazie.
Guido Rojetti, L'amore è un terno (che ti lascia) secco, 2014

Se l'elettorato è bene informato, perché c'è libertà di parola e di dibattito, il consenso espresso con le schede non rappresenta una somma, ma il risultato di opinioni illuminate.
Arthur Schlesinger Jr., in Enzo Biagi, E tu lo sai?, 1978

Il consenso causa il potere, questo è vero, ma il potere procura anche il consenso.
Carl Schmitt, Dialogo sul potere, 1954

Darsi alla politica – piú o meno disonestamente come accade di solito – significa essere sempre alla ricerca del consenso come il maiale della ghianda; significa sfruttare ogni occasione – buona o meno buona – per cercare di accaparrarsi, con ignobili trucchi da demagogo, qualche misero voto; significa vivere di continui compromessi, interessarsi, ipocritamente, alle beghe del prossimo, farsi carico dei suoi mille problemi e cercare, alla bene meglio, di soddisfare le sue incessanti richieste. Darsi alla politica, insomma, significa prostituirsi nel modo piú scandaloso, piú volgare e piú ignobile che esista.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Lo straordinario consenso e la grande fiducia di cui godono certi politici, che in una parola potrebbero essere definiti “impresentabili”, sono la migliore testimonianza di quanta poca fiducia sia degno l’elettorato e di quanto scarso sia il valore del suo consenso.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Il consenso è la negazione della leadership.
[Consensus is the negation of leadership].
Margaret Thatcher [1]

La mia non è una politica del consenso, ma del convincimento.
Margaret Thatcher [1]

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Consenso - Populismo - Elezioni - Candidatura Politica

Nessun commento: