Cerca Autori o Argomenti in Aforismario

Aforismi, frasi e citazioni sulle Pulsioni

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sulle pulsioni. In psicologia, col termine "pulsione" si indica una spinta che deriva da processi psichici che comportano bisogno, appetizione, volizione. In psicoanalisi, si intende un processo dinamico traspostosi nella psiche da un’origine somatica, vitale, esistenziale, ma, quanto alla meta, e a differenza dell’istinto, non rigidamente e univocamente determinato. [Vocabolario Treccani].

Scrive Umberto Galimberti: Il termine pulsione (inglese Drive; tedesco Trieb; francese Pulsion) è impiegato: 1) in psicologia sperimentale dove nomina la componente psicologica di quello stato fisiologico che è il bisogno; in ambito psicoanalitico dove è usato sistematicamente da Sigmund Freud e tenuto opportunamente separato dal concetto di istinto e da quello di stimolo. L'istinto è concepito da Freud come un comportamento animale fissato dall'ereditarietà, caratteristico della specie, preformato nel suo svolgimento e adattato al suo oggetto; la pulsione invece è una costituente psichica che produce uno stato di eccitazione che spinge l'organismo all'attività, anch'essa geneticamente determinata ma suscettibile di essere modificata dall'esperienza individuale. [Dizionario di psicologia, UTET, 1992].

Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sull'istinto, la rimozione, la sublimazione e sulla contrapposizione tra pulsioni di vita (Eros) e pulsioni di morte (Thanatos). [I link sono in fondo alla pagina].
L'uomo primordiale stava meglio perché ignorava qualsiasi
restrizione pulsionale. In compenso la sua sicurezza
di godere a lungo di tale felicità era molto esigua.
L'uomo civile ha barattato una parte della sua felicità
per un po' di sicurezza. (Sigmund Freud)
La nostra psiche è, in primo luogo, un organo di difesa e di attacco (Verteidigungs und Angriffsorgan), generato dall'angoscia per i limiti in cui, fin dall'inizio, è costretta e ostacolata la gratificazione delle nostre pulsioni.
Alfred Adler, Il carattere dei nevrotici, 1912

Quando le condizioni si fanno lotta per la sopravvivenza allora la distanza dell'uomo da ogni altro animale si riduce fino a farne uno dei più coerenti seguaci degli istinti e delle pulsioni
Vittorino Andreoli, Le nostre paure, 2010

Le pulsioni sono spinte per continuare a vivere, superando eventuali difficoltà. Devono però essere moderate, per consentire la presenza dell’altro; il singolo deve «piegare» le proprie pulsioni di fronte alle dinamiche del vivere comune. La società è come un’orchestra: ciascun musicista sa suonare il proprio strumento, ma per arrivare alla sinfonia i suoni di tutti gli strumenti si devono integrare. Solo nell’insieme nasce la sinfonia.
Vittorino Andreoli, I segreti della mente, 2013

Il meccanismo dell’adattamento all’ambiente si fonda sulle pulsioni, meccanismi istintivi in inglese definiti drives: guide inconsapevoli alle nostre azioni, direzioni obbligate che ci derivano dalla nostra natura di esseri umani, in lotta per la sopravvivenza.
Vittorino Andreoli, ibidem

Il neonato certamente non ha la percezione di sé e, almeno fino a un certo grado di sviluppo, è una macchina pulsionale.
Vittorino Andreoli, La gioia di vivere, 2016

Se uno cerca di capire le cose, capire anche gli altri, la diversità, le ragioni degli altri, allora riesce anche a gestire meglio le proprie pulsioni.
Piero Angela [1]

Siamo immersi in una società nella quale il benessere si costituisce come criterio decisivo in ordine alla valutazione del senso, e del prestigio, di una esistenza; in una società che non valorizza le qualità culturali ed etiche di una persona, e che è affascinata dalla febbrile aspirazione a disponibilità economiche sempre più vaste, e alla realizzazione istantanea di ogni desiderio e di ogni pulsione.
Eugenio Borgna, La solitudine dell'anima, 2010

La partecipazione alla società umana, al di fuori della quale un individuo non può sopravvivere, impone di soddisfare le pulsioni in modo indiretto e socialmente meno disturbante.
Aldo Carotenuto, Le lacrime del male, 1996

Non ho mai sentito una pulsione verso qualcosa senza provare quasi contemporaneamente quella contraria. Tanto grande è in me lo scrupolo di obiettività.
Emil Cioran, Quaderni, 1957/72 (postumo 1997)

Nessun'altra pulsione è stata tanto repressa sin dall'infanzia quanto quella sessuale nelle sue numerose componenti, di nessun'altra rimangono desideri inconsci così numerosi e così forti, che ora agiscono durante il sonno provocando dei sogni.
Sigmund Freud, L'interpretazione dei sogni, 1900
 
Se ci volgiamo a considerare la vita psichica dal punto di vista biologico, la “pulsione” ci appare come un concetto limite tra lo psichico e il somatico, come il rappresentante psichico degli stimoli che traggono origine dall’interno del corpo e pervengono alla psiche, come una misura delle operazioni che vengono richieste alla sfera psichica in forza della sua connessione con quella corporea.
Sigmund Freud, Metapsicologia, 1915

Il carattere dell’esercitare una spinta è una proprietà generale delle pulsioni, è addirittura la loro essenza. Ogni pulsione è un frammento di attività.
Sigmund Freud, Metapsicologia, 1915

Per fonte della pulsione si intende quel processo somatico che si svolge in un organo o parte del corpo il cui stimolo è rappresentato nella vita psichica dalla pulsione.
Sigmund Freud, Metapsicologia, 1915

Lo studio delle fonti pulsionali non appartiene più alla psicologia: benché la sua provenienza dalla fonte somatica la condizioni certamente in modo decisivo, la pulsione non ci è nota nella vita psichica che attraverso le sue mete.
Sigmund Freud, Metapsicologia, 1915

La meta di una pulsione è in ogni caso il soddisfacimento che può esser raggiunto soltanto sopprimendo lo stato di stimolazione alla fonte della pulsione. Ma, seppure questa meta finale di ogni pulsione rimane invariata, più vie possono condurre alla stessa meta finale; perciò per una pulsione possono darsi molteplici mete prossime o intermedie le quali si combinano o si scambiano tra loro.
Sigmund Freud, Metapsicologia, 1915

Oggetto della pulsione è ciò in relazione a cui, o mediante cui, la pulsione può raggiungere la sua meta. È l’elemento più variabile della pulsione, non è originariamente collegato ad essa, ma le è assegnato soltanto in forza della sua proprietà di rendere possibile il soddisfacimento.
Sigmund Freud, Metapsicologia, 1915

È possibile caratterizzare le pulsioni come tendenze inerenti alla sostanza vivente e miranti al ripristino di una condizione precedente; tendenze quindi storicamente condizionate, di natura conservatrice, espressione per così dire di un’inerzia o di un’elasticità dell’elemento organico.
Sigmund Freud, Due voci di enciclopedia: “Psicoanalisi” e “Teoria della libido”, 1922

L'uomo primordiale stava meglio perché ignorava qualsiasi restrizione pulsionale. In compenso la sua sicurezza di godere a lungo di tale felicità era molto esigua. L'uomo civile ha barattato una parte della sua felicità per un po' di sicurezza.
Sigmund Freud, Il disagio della civiltà, 1929
 
Riteniamo che la civiltà si sia formata sotto l'urgenza delle necessità vitali a spese del soddisfacimento delle pulsioni, e che essa venga in gran parte continuamente ricreata "ex novo", quando il singolo, che fa il suo primo ingresso nella comunità umana, ripete il sacrificio del soddisfacimento delle pulsioni a favore della società.
Sigmund Freud, Introduzione alla psicoanalisi, 1915/32
 
La vita contemporanea nelle società industriali opera quasi completamente con stimoli semplici. Vengono sollecitate pulsioni come desiderio sessuale, avidità, sadismo, distruttività, narcisismo; questi stimoli sono mediati da cinema, televisione, radio, giornali, riviste e dalle esigenze di mercato. Complessivamente la pubblicità si basa sulla stimolazione di desideri prodotti socialmente. Il meccanismo è sempre lo stesso: stimolazione semplice verso risposta immediata e passiva. Ecco il motivo per cui gli stimoli devono essere cambiati costantemente, per non perdere efficacia.
Erich Fromm, Anatomia della distruttività umana, 1973

La vendetta resta una pulsione orribile anche quando si gonfia di ragioni.
Massimo Gramellini, su LaStampa.it, 2011
 
Perché le pulsioni dei sensi dell’uomo superiore non sono mai dirette alla pura bellezza? Perché nella voluttà è insita una certa voglia di distruzione, della quale essa è comunque consapevole, e perché l’uomo non può distruggere la perfezione come essa si riflette nella bellezza.
Friedrich Hebbel, Diari, 1835/63 (postumo 1885/87)

È incredibile fino a che punto si possano ricondurre tutte le pulsioni umane ad un’unica.
Friedrich Hebbel, ibidem

La pulsione sessuale isolata è rivelatrice dell'incompletezza umana.
Jean Josipovici, Citera, 1989

Io non dubito che le pulsioni naturali – si tratti dell’Eros о della volontà di potenza – si dispieghino potenti nella sfera psichica, ma non dubito nemmeno che queste pulsioni si scontrino con lo “spirito”, giacché si scontrano sempre con qualcosa; e perché mai questo qualcosa non dovrebbe venire chiamato “spirito”? Io so ben poco che cosa sia lo spirito in sé e per sé, ma so altrettanto poco che cosa siano gli “istinti”. L’uno mi riesce altrettanto misterioso quanto gli altri, e non posso neanche spiegare l’una cosa come un “malinteso” dell’altra; poiché non è un malinteso che la terra abbia solo “una” luna: i malintesi non esistono in natura, esistono solo nell’ambito di ciò che l’uomo chiama “ragione”. Istinti e spirito sono comunque al di là della mia capacità di comprendere, sono concetti che poniamo in luogo di qualcosa di sconosciuto ma potentemente attivo.
Carl Gustav Jung, Il contrasto tra Freud e Jung, 1929

Io ho riassunto nel concetto di energia tutte le pulsioni о forze psichiche costruite più о meno ad hoc, per escludere i quasi inevitabili fattori arbitrari di una pura psicologia delle forze. Perciò io non parlo più di forze о di singole pulsioni, ma di “intensità di valore”.
Carl Gustav Jung, ibidem

Quando io parlo di pulsione mi riferisco a ciò che è comunemente inteso con questa parola e cioè una costrizione perentoria ad agire in un certo modo. Questa costrizione perentoria può derivare da uno stimolo esterno o interno che mette in moto per via psichica il meccanismo della pulsione, oppure da cause organiche che risiedono fuori della sfera dei rapporti psichici causali.
Carl Gustav Jung, Tipi psicologici, 1921

Nel concetto di pulsione rientrano a mio avviso tutti quei processi psichici della cui energia la coscienza non dispone.
Carl Gustav Jung, ibidem

Pulsionale è ogni fenomeno psichico che non risulta da una causa stabilita da un’intenzione volontaria, ma da una sollecitazione dinamica, sia che questa sollecitazione provenga direttamente da fonti organiche e quindi extrapsichiche, sia che essa sia essenzialmente condizionata da energie messe semplicemente in moto dall’intenzione volontaria; con la riserva, in quest’ultimo caso, che il risultato prodotto sia maggiore dell’effetto cui mirava l’intenzione volontaria. 
Carl Gustav Jung, Tipi psicologici, 1921

L'imbonimento consumistico e il mito della bella vita hanno legittimato la gratificazione delle pulsioni e l'Es non deve più scusarsi. dei suoi desideri, o dissimularne la portata. Ma questo stesso condizionamento ha reso intollerabili il fallimento e la sconfitta.
Christopher Lasch, La cultura del narcisismo, 1979
 
Odio quelli che si vergognano delle proprie, legittime, pulsioni; ad esempio quelli che entrano nei pornoshop facendo la scena del tipo che ha sbagliato negozio. - Oh? Non è un alimentari? -
Daniele Luttazzi, Bollito misto con mostarda, 2005
 
L'etica della conoscenza è anche, in un certo senso, conoscenza dell'etica, delle pulsioni, delle passioni, delle esigenze e dei limiti dell'essere biologico. Nell'uomo essa sa riconoscere l'animale, non assurdo ma strano, prezioso per la sua stessa stranezza; un essere che, appartenendo contemporaneamente ai due regni – la biosfera e il regno delle idee – è al tempo stesso torturato e arricchito da questo dualismo lacerante che si esprime nell'arte, nella poesia e nell'amore umano.
Jacques Monod, Il caso e la necessità, 1970

Nella strutturazione di una propria personalità e nell'edificazione di sé come soggetto umano maturo e adulto, la legge, le norme, le regole che ispirano la buona educazione hanno un ruolo ineliminabile: insegnano a non rimanere prigionieri delle proprie pulsioni e dei bisogni immediati e danno, così, accesso alla vera libertà.
Domenico Sigalini, su Messaggero di Sant'Antonio, 2009

Secondo un’elementare legge della psicologia umana, non è possibile reprimere troppo a lungo una pulsione senza che questa, per una via o per un’altra, a un certo punto non reclami i propri diritti. Ciò si osserva in modo evidente presso gli appartenenti al clero cattolico, i quali, obbligati al celibato e severamente indirizzati alla castità, nel migliore dei casi, si abbandonano a un irrefrenabile e frustrante onanismo, nel peggiore, diventano facile preda di gravi perversioni sessuali. Molti, poi, con l’età inacidiscono, trasformandosi in viscidi e astiosi moralisti.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Quando le fantasie della religione e la loro perversione affine toccano le pulsioni dell'inconscio, il mostruoso non è distante. 
George Steiner, Nessuna passione spenta, 1996

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Istinto - InconscioRimozioneSublimazioneEros e Thanatos