Cerca Autori o Argomenti in Aforismario

Aforismi, frasi e citazioni sull'Anarchia

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sull'anarchia, sull'anarchismo e sugli anarchici. Il termine "anarchia" deriva dal greco anarkhía, da árkhō "comandare", col prefisso privativo an-, dunque, letteralmente, significa: "senza comando" o "senza governo". In senso lato l'anarchia può essere considerata come una visione del mondo e un modo di vivere fondati sull'amore per la libertà individuale, sempre però nel rispetto della libertà altrui. Si definiscono anarchici coloro che professano l’anarchia o, in senso più esteso, coloro che si mostrano insofferenti alle imposizioni esterne e si ribellano a tutto ciò che tende a limitare la loro libertà.

Dal punto di vista politico, il termine anarchia indica la dottrina che propugna l’abolizione di ogni tipo di governo sull'individuo e, soprattutto, l’abolizione dello Stato. Una prima sistematizzazione filosofica del concetto di anarchia si ha nel XIX secolo con Max Stirner, e trova un significativo sviluppo in ambito politico con Pierre-Joseph Proudhon, Michail Bakunin e Pëtr Kropotkin.

Secondo una diversa sfumatura di significato, anarchia è anche sinonimo di confusione, disordine, disorganizzazione, tutte accezioni respinte dagli anarchici come Pietro Gori, il quale affermava con disappunto: "Questa calunnia, che i dizionari hanno sanzionata, è che anarchia significhi disordine".
Sulla stessa linea anche Errico Malatesta, secondo il quale: "Anarchia è parola che viene dal greco, e significa propriamente senza governo: stato di un popolo che si regge senza autorità costituite, senza governo. Prima che tale organamento incominciasse ad essere considerato come possibile e desiderabile da tutta una categoria di pensatori, e fosse preso a scopo da un partito, che è ormai diventato uno dei più importanti fattori delle moderne lotte sociali, la parola anarchia era presa universalmente nel senso di disordine, confusione; ed è ancor oggi adoperata in tal senso dalle masse ignare e dagli avversari interessati a svisare la verità". [...] "Cambiate l’opinione, convincete il pubblico che il governo non solo non è necessario, ma è estremamente dannoso, ed allora la parola anarchia, appunto perché significa assenza di governo, vorrà dire per tutti: ordine naturale, armonia dei bisogni e degl’interessi di tutti, libertà completa nella completa solidarietà". [Il programma anarchico, 1919].

Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa contro la politica e contro il governo. [I link sono in fondo alla pagina].
L'anarchia è democrazia presa sul serio. (Edward Abbey)
L'anarchia è democrazia presa sul serio.
[Anarchism is democracy taken seriously].
Edward Abbey, Una vita alla volta, per favore, 1988

L'anarchismo si fonda sulla constatazione che dato che pochi uomini sono saggi abbastanza per governare sé stessi, ancora meno sono abbastanza saggi per governare gli altri.
Edward Abbey, Una voce che grida nel deserto, 1990

Ogni anarchia prova una debolezza.
Henri-Frédéric Amiel, Diario intimo, 1839/81 (postumo, 1976/94)

Vuoi rendere impossibile per chiunque opprimere un suo simile? Allora assicurati che nessuno possa possedere il potere. 
Michail Bakunin [1]

La libertà genera l'anarchia, l'anarchia conduce al dispotismo e il dispotismo riporta la libertà.
Honoré de Balzac, La pelle di zigrino, 1831

L'essenza dell'anarchia: la condizione in cui ognuno può scegliere nella vita qualsiasi ruolo e rappresentarlo fino in fondo.
Julian Beck [1]

La peggiore cosa al mondo subito dopo l'anarchia è il governo.
Henry Ward Beecher, XIX sec. [1]

Un nomo senza costami non può essere altro fuorché un cattivo cittadino, privo lui stesso di virtù, egli desidera che li suoi concittadini gli rassomiglino, e che la sua patria sia come il suo cuore la sede dell'anarchia e del disordine.
Matthieu Bonafous, Riflessioni filosofico-morali, 1816

Ti ordinano di rispettare la legge, e la legge protegge il capitalista che ti rapina. Ti insegnano che non bisogna uccidere, mentre il governo impicca la gente, la manda sulla sedia elettrica o la massacra in guerra. Ti impongono di obbedire alla legge e al governo, anche se legge e governo sono sinonimi di rapina e omicidio. 
Aleksandr Berkman, in Emanuele Del Medico, Aforismi dell'anarchia, 2000

Chi dice anarchia, dice negazione del governo. Chi dice negazione del governo dice affermazione del popolo; chi dice affermazione del popolo dice libertà individuale; chi dice libertà individuale dice sovranità di ciascuno. Chi dice sovranità di ciascuno dice uguaglianza. Chi dice uguaglianza dice solidarietà o fratellanza. Chi dice fratellanza, dice ordine sociale. Al contrario: chi dice governo, dice negazione del popolo; chi dice negazione del popolo dice affermazione dell'autorità politica. Chi dice affermazione dell'autorità politica dice dipendenza individuale. Chi dice dipendenza individuale dice supremazia di classe. Chi dice dice supremazia di classe dice ineguaglianza. Chi dice ineguaglianza, dice antagonismo. Chi dice antagonismo, dice guerra civile. Sì, l'anarchia è l'ordine, mentre il governo è la guerra civile.
Anselme Bellegarrigue, XIX sec. [2]

Dittatore. Capo di una nazione che preferisce la pestilenza del dispotismo alla peste dell'anarchia.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911 

Né Dio, né padrone.
Louis-Auguste Blanqui, Ni Dieu, ni maître, 1880

L'anarchia è il primo gradino del potere assoluto.
Napoleone Bonaparte, Aforismi e pensieri politici, morali e filosofici, XIX sec.

L'autorità, sotto qualunque forma essa si presenti, sarà sempre la peste del genere umano.
Carlo Cafiero, Rivoluzione: anarchia e comunismo, in Gian Carlo Maffei, Dossier Cafiero, 1974

Anarchia, al giorno d'oggi, è l'attacco, è la guerra ad ogni autorità, ad ogni potere, ad ogni Stato. Nella società futura l'anarchia sarà la difesa, l'impedimento opposto al ristabilimento di qualsiasi autorità, di qualsiasi potere, di qualsiasi Stato.
Carlo Cafiero [1]

Posso tutto confutare, in questo mondo che mi circonda, mi urta o mi trasporta, salvo questo caos, questo caso imperante e questa divina equivalenza, che nasce dall'anarchia.
Albert Camus, Il mito di Sisifo, 1942 

Penso che l'anarchia non sia altro che questo: la convinzione che le persone abbiano il diritto di essere libere, e che se ci sono limitazioni alla libertà, devono essere giustificate.
Noam Chomsky, Capire il potere, 2002

Il mondo non è che una pausa fra l’anarchia originale e l’anarchia finale.
Emil Cioran, Quaderni, 1957/72 (postumo 1997)

Società «permissiva» - ossia società senza proibizioni. Ma una società senza proibizioni alla lunga si disgrega, giacché società e proibizioni sono termini correlativi. È per questo che una società si adatta più facilmente al terrore che non all'anarchia. La mancanza di libertà è compatibile con una certa prosperità; ma la libertà totale è sterile e autodistruttiva. Questo è il dramma.
Emil Cioran, Quaderni, 1957/72 (postumo 1997)

Tra l'anarchia degli istinti e la tirannia delle norme si estende, fuggevole e puro, il territorio della perfezione umana.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

La nostra libertà non ha altra garanzia se non le barricate che il volto anarchico del mondo alza contro l'imperialismo della ragione.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

L'autorità è unità nell'uniformità! La libertà è unità nella diversità. L'asse dell'autorità è la knout-archia. L'anarchia è l'asse della libertà.
Joseph Déjacque, L’Humanisphère, 1859

La libertà anarchica ha tutte le delicatezze della buona compagnia.
Joseph Déjacque, ibidem

L'anarchia è lo stato di salute delle moltitudini.
Joseph Déjacque, L’Humanisphère, 1859

Anarchia non significa fuori controllo; significa fuori dal loro controllo.
Jim Dodge [1]

La politica è un pendolo le cui oscillazioni tra anarchia e tirannia sono alimentate da illusioni perennemente rinnovate.
Albert Einstein, Aforisma, 1937

L'anarchia, ed essa soltanto, è il modus vivendi naturale, spontaneo, ordinato, cui meglio si adatterà l'uomo, poiché essa è lo specchio fedele della vita immensa di tutto l'universo.
Luigi Fabbri, L'ideale anarchico, 1911

La scienza è un'impresa essenzialmente anarchica: l'anarchismo teorico e umanitario è più aperto a incoraggiare il progresso che non le sue alternative fondate sulla legge e sull'ordine. 
Paul Feyerabend, Contro il metodo, 1975

La violenza, sia essa politica o spirituale, svolge un ruolo importante in quasi tutte le forme di anarchismo. La violenza è necessaria per superare gli impedimenti eretti da una società ben organizzata, o dai propri modi di comportamento (percezione, pensiero ecc.) ed è benefica per l'individuo, in quanto libera le sue energie e gli consente di rendersi conto delle forze di cui dispone.
Paul Feyerabend, Contro il metodo, 1975

La follia di coloro che non comprendono l'anarchia consiste precisamente nell'impossibilità di concepire una società ragionevole.
Francisco Ferrer (Francesc Ferrer i Guàrdia), su La huelga general, 1901

L'anarchia si abbatte con l'educazione ed il lavoro.
Giovanni Gaggino, Tesoro, 1900/17

Una democrazia basata sulla nonviolenza sarebbe il più vicino approccio alla più pura anarchia.
Mohandas Gandhi, su Harijan, 1940

Potere politico vuol dire capacità di governare la vita nazionale per mezzo di rappresentanti nazionali. Se la vita nazionale diventa cosi perfetta da governarsi da sé, non occorre piú nessuna rappresentanza. Si ha allora uno stato di illuminata anarchia. In un tale stato ciascuno è governante di se stesso e si governa in modo da non molestare mai il vicino.
Mohandas Gandhi, Antiche come le montagne, 1958 (postumo)

Anarchia. Condizione per cui gli uomini sono tanto liberi che non possono fare quello che vogliono.
John Garland Pollard, A Connotary, 1932

L'anarchia è la libertà di chi non la merita.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

L'anarchia è la libertà senza fissa dimora.
Roberto Gervaso, ibidem

La grande levatrice delle dittature è l'anarchia.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

La libertà, diventata anarchia, muore d'indigestione.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

D'indipendente, in Italia, c'è solo l'anarchia.
Roberto Gervaso, Aforismi, 1994

Siamo un regime che non diventa dittatura perché corretto dall'anarchia di tutti.
Roberto Gervaso, Aforismi, 1994

L'anarchismo è l'unica filosofia che porta l'uomo alla consapevolezza di sé stesso; che sostiene che Dio, lo Stato e la società sono inesistenti, che le loro promesse sono nulle, poiché possono essere adempiute solo attraverso la subordinazione dell'uomo.
Emma Goldman [1]

Il principio fondamentale dell’anarchismo non è la libertà, bensì l’autonomia, cioè la capacità di intraprendere un compito e di farlo a modo proprio.
Paul Goodman, citato in Colin Ward, Anarchia come organizzazione, 1973

L'uomo scevro di pregiudizi, l'uomo che ragiona e opera secondo la mente ed il cuore gli suggeriscono, non sente il bisogno di avere dei pastori, dei capitani, dei direttori.
Pietro Gori [1]

Questa calunnia, che i dizionari hanno sanzionata, è che anarchia significhi disordine.
Pietro Gori, Il vostro "ordine" e il nostro "disordine", conferenza alla Bersaglieri Hall, San Francisco, 1896

I governi esistono oggi, col pretesto di garantire l'ordine, perché questo non è l'ordine vero. Se fosse veramente ordine, non avrebbe bisogno di armi e di manette, della violenza autoritaria dell'uomo sull'uomo per reggersi!
Pietro Gori, ibidem

Il desiderio è anarchia.
Julian Green, Ce qu'il faut d'amour à l'homme, 1978

Anarchia. La vittoria dell'intelligenza sulla certezza.
Georges Henein, su Il Cairo, 1936

Uno dei primi insegnamenti dell'anarchia è questo: «Sviluppa tutta la tua vita in tutte le direzioni, opponi alla ricchezza fittizia dei capitalisti, la ricchezza reale degli individui possessori di intelligenza ed energia».
Émile Henry, Pensieri, 1896 (postumo)

La fame è la madre dell'anarchia.
Herbert Hoover [1]
L'anarchia è lo stato di salute delle moltitudini.
(Joseph Déjacque)
L'uguaglianza in tutto – sinonimo di equità – è la stessa anarchia.
Pëtr Kropotkin, La morale anarchica, 1890

La storia del pensiero umano ricorda le oscillazioni del pendolo, e queste oscillazioni durano già da secoli. Dopo un lungo periodo di sonno avviene un istante di risveglio. Allora il pensiero si libera dalle catene, con cui tutti gli interessati – governanti, magistrati, clero – l'avevano accuratamente avvinto, e le spezza.
Pëtr Kropotkin, La morale anarchica, 1890

Non chinarsi davanti a nessuna autorità, per quanto rispettata; non accettare nessun principio, finché non sia stabilito dalla ragione.
Pëtr Kropotkin, La morale anarchica, 1890

L’anarchismo ha come scopo la più completa realizzazione dell’individualità, congiunta al più alto sviluppo dell’associazione volontaria in tutti i suoi aspetti, a tutti i livelli possibili, per ogni scopo immaginabile.
Pëtr Kropotkin, L’anarchia, 1897

L'anarchia è ovunque quando la responsabilità non è da nessuna parte.
Gustave Le Bon, Ieri e domani, 1918

Quando dominano leggi crudeli, il popolo anela all'anarchia.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

L’anarchia, al pari del socialismo, ha per base, per punto di partenza, per ambiente necessario l’eguaglianza di condizioni; ha per faro la solidarietà; e per metodo la libertà. Essa non è la perfezione, essa non è l’ideale assoluto che, come l’orizzonte, si allontana sempre a seconda che ci avanziamo; ma è la via aperta a tutti i progressi, a tutti i perfezionamenti, fatti nell'interesse di tutti.
Errico Malatesta, Il programma anarchico, 1919

Anarchia vuoi dire non-violenza, non-dominio dell’uomo sull'uomo, non-imposizione per forza della volontà di uno o di più su quella di altri.
Errico Malatesta, Anarchia e violenza, su Pensiero e Volontà, 1924

Governo significa diritto di fare la legge e d'imporla a tutti colla forza: senza gendarmi non v'è governo.
Errico Malatesta, Né democratici né dittatoriali: anarchici, su Pensiero e Volontà, 1926

Fare il comunismo prima dell'anarchia, cioè prima di avere conquistata la completa libertà politica ed economica, significherebbe (come è significato in Russia) stabilire la più esosa tirannia, tale da far rimpiangere il regime borghese, e ritornare poi (come purtroppo si ritornerà in Russia) al regime capitalistico.
Errico Malatesta, Scritti, 1934 (postumo)

L'anarchia si ha quando il Governo è debole, non quando non c'è Governo. 
André Malraux, I conquistatori, 1928

L'anarchismo è una tendenza naturale, che si trova nella critica delle organizzazioni gerarchiche e delle concezioni autoritarie, e nel movimento progressivo dell'umanità e perciò non può essere una utopia.
Bruno Misèfari (Furio Sbarnemi), Diario di un disertore, 1918 (postumo, 1973)

L'anarchismo è la tendenza alla perfetta felicità umana. Esso dunque è, e sarà sempre, ideale di rivolta, individuale o collettivo, oggi come domani. 
Bruno Misèfari (Furio Sbarnemi), ibidem

L'anarchia ha due facce. Quella della creazione e quella della distruzione. I distruttori abbattono gli imperi, lasciando un bel letto di macerie su cui i costruttori possono edificare un mondo migliore. Una volta presenti, le macerie rendono irrilevante ogni strumento di distruzione. E dunque, basta con gli esplosivi! Basta con i distruttori! Nel nostro mondo migliore non c'è posto per loro. Ma brindiamo però a tutti i terroristi, a tutti i bastardi, sgradevoli e imperdonabili. Beviamo alla loro salute... e poi dimentichiamoli per sempre.
Alan Moore e David Lloyd, V per Vendetta, 1982/88

Anarchia non significa «senza ordine»; significa «senza capi».
Alan Moore e David Lloyd, ibidem

Nient'altro che la anarchia si aggira per il mondo. Dall'ordine involontario nasce lo scontento, padre del disordine e progenitore della ghigliottina. Le società autoritarie sono come chi pattina sul ghiaccio: meccanicamente abili e precise, ma precarie. Sotto la fragile crosta della civiltà si agita il freddo caos... e in certi posti il ghiaccio è pericolosamente sottile.
Alan Moore e David Lloyd, V per Vendetta, 1982/88

Un insegnante, se era onesto, a quei poveri piccirilli della scuola avrebbe dovuto predicare l'anarchia, il rifiuto globale della società costituita, che li cresceva per farne carne da sfruttamento o da cannone..
Elsa Morante, La storia, 1974

L'anarchia nega lo Stato... e se il mezzo deve essere la violenza, basta. Il prezzo non paga. In questo caso, l'Anarchia non si fa
Elsa Morante, La storia, 1974

La sola rivoluzione autentica è l'ANARCHIA! A-NAR-CHIA, che significa: NESSUN potere, di NESSUN tipo, a NESSUNO, su NESSUNO! Chiunque parla di rivoluzione e, insieme, di Potere, è un baro! e un falsario! E chiunque desidera il Potere, per sé o per chiunque altro, è un reazionario.
Elsa Morante, La storia, 1974

La vera anarchia non può ammettere violenza. L'idea anarchica è la negazione del potere. E il potere e la violenza sono tutt'uno.
Elsa Morante, La storia, 1974

Nulla è più anarchico del potere, il potere fa praticamente ciò che vuole. E ciò che il potere vuole è completamente arbitrario o dettato da sue necessità di carattere economico, che sfuggono alla logica comune.
Pier Paolo Pasolini, intervista di Gidon Bachmann, 1975

L'anarchismo è un'esagerazione dell'idea di libertà.
Karl Popper [1]

L'Italia non è democratica né aristocratica. È anarchica.
Giuseppe Prezzolini, Codice della vita italiana, 1921

Tutto il male dell'Italia viene dall'anarchia. Ma anche tutto il bene.
Giuseppe Prezzolini, ibidem

Il governo dell'uomo da parte dell'uomo, sotto qualsivoglia nome si mascheri, è oppressione; la più alta perfezione della società si trova nell'unione dell'ordine e dell'anarchia.
Pierre-Joseph Proudhon, Che cos'è la proprietà, 1840 

Anarchia, assenza di signore, di sovrano, questa è la forma di governo cui ci avviciniamo sempre più e che l'abitudine inveterata di fare dell'uomo la regola e della sua volontà la legge ci fa considerare come il colmo del disordine e l'espressione del caos.
Pierre-Joseph Proudhon, Che cos'è la proprietà, 1840

L'anarchia è l'ordine senza il potere. 
Pierre-Joseph Proudhon, Le confessioni di un rivoluzionario, 1849

L'anarchia è la condizione d’esistenza delle società adulte, così come la gerarchia è la condizione d’esistenza delle società primitive: nelle società umane esiste un incessante progresso dalla gerarchia all'anarchia.
Pierre-Joseph Proudhon, Critica della proprietà e dello Stato, 1866

Il popolo, la società, la massa, può e deve governarsi autonomamente, pensare, agire, muoversi e arrestarsi come un uomo, manifestarsi insomma nella sua individualità fisica, intellettuale e morale, senza l’aiuto di quella specie di sostituti che in passato furono i despoti, adesso sono gli aristocratici, qualche altra volta sono stati i pretesi delegati, devoti o servitori della folla, che noi chiamiamo puramente e semplicemente agitatori del popolo, demagoghi.
Pierre-Joseph Proudhon, ibidem

Malgrado il potente fascino della libertà, né la democrazia né l'anarchia si sono mai in alcun luogo costituite nella pienezza e integrità della loro idea.
Pierre-Joseph Proudhon, Critica della proprietà e dello Stato, 1866

Con le parole ordine e libertà si condurrà e si riporterà sempre il genere umano dal dispotismo all'anarchia e dall'anarchia al dispotismo.
Antoine Rivarol, Massime, pensieri e paradossi, 1852 (postumo)

La libertà è il supremo bene del credo anarchico, e alla libertà si tende per la via diretta dell'abolizione di ogni controllo forzoso sull'individuo da parte della comunità.
Bertrand Russell, Strade per la libertà, 1918

L'anarchia [...] è l'ideale ultimo al quale la società dovrebbe avvicinarsi.
Bertrand Russell, Strade per la libertà, 1918 [attribuito erroneamente a Noam Chomsky]

L'anarchia è uno stato della società in cui l'unico governo è la ragione; uno stato della società in cui tutti gli esseri umani fanno il bene per il semplice motivo che è giusto.
Michael Schwab, su The Famous Speeches of the Eight Chicago Anarchists, 1886

Anarchia significa liberazione della mente umana dal dominio della religione; liberazione del corpo umano dal dominio della proprietà; liberazione dalle catene e dalle restrizioni del governo. Significa ordine sociale basato sulla libera associazione di individui. 
Jackson "Jax" Teller (Charlie Hunnam), in Sons of Anarchy, 2008/...

Se un popolo ha il governo che si merita, quando meriteremo di non averne alcuno?
Paul-Jean Toulet, Monsieur de Paur, 1898

Ho letto in un libro che l'anarchia è un male che ci coglie in generale verso i quindici anni. Segue all'età ingrata e talvolta si prolunga fino ai venticinque anni. Passata questa età, diventa incurabile. È un'ottima malattia ed è bene averla avuta.
Amadeus Voldben (Amedeo Rotondi), Pensieri per una vita serena, 2008 (postumo)

Come il dispotismo è l'abuso della monarchia, l'anarchia è l'abuso della democrazia.
Voltaire, Pensieri sull'amministrazione pubblica, ca. 1753

Tutte le istituzioni autoritarie sono organizzate come piramidi: lo Stato, la grande impresa privata o pubblica, l’esercito, la polizia, la Chiesa, l’università, l’ospedale, sono tutte strutture piramidali con al vertice un piccolo gruppo di persone che prendono le decisioni e alla base la gran massa della gente per la quale decide tutto il piccolo gruppo sovrastante. L’anarchismo non predica la sostituzione delle etichette sui vari strati della piramide, non ha alcun interesse nell'alternarsi di gente diversa al vertice. Vuole invece che noi ci si sollevi dalla base. Propone una rete estesa di individui e di gruppi, ciascuno dei quali prenda le proprie decisioni e si renda artefice del proprio destino.
Colin Ward, Anarchia come organizzazione, 1973

L’anarchismo, in tutte le sue forme, è un’affermazione della dignità e della responsabilità degli esseri umani. Non è un programma di mutamenti politici, ma un atto di auto-determinazione sociale
Colin Ward, ibidem

Una società anarchica, una società che si organizza senza autorità, esiste da sempre, come un seme sotto la neve, sepolta sotto il peso dello Stato e della burocrazia, del capitalismo e dei suoi sprechi, del privilegio e delle sue ingiustizie, del nazionalismo e delle sue lealtà suicide, delle religioni e delle loro superstizioni e separazioni.
Colin Ward, Anarchia come organizzazione, 1973

L'avidità è una cosa da dilettanti... il disordine, il caos, l'anarchia, là è la vera grandezza.
Michael Wincott, in Il corvo, 1994
Sono talmente anarchico che attraverso sulle strisce pedonali
per non avere a che fare con la gendarmeria. (Georges Brassens)
Sbriciolare la tradizione: quello in cui non doveva riuscire l'anarchico con le sue idee e gli attentati, un giorno lo avrebbe ottenuto il business-man – sovversivo insospettabile ma cento volte più letale – con le ricerche di mercato, la promozione pubblicitaria, la filosofia aziendale.
Amedeo Ansaldi, Manuale di scetticismo, 2014

Sono talmente anarchico che attraverso sulle strisce pedonali per non avere a che fare con la gendarmeria.
Georges Brassens, Le strade che non portano a Roma, 2008

L'anarchico s'immagina sia un tipo che dice "no" a tutto. Al contrario l'anarchico dice "sì" a tutto.
Georges Brassens, ibidem

Il mio individualismo di anarchico è un modo di proteggere la libertà del mio pensiero: non voglio ricevere la mia legge da un gruppo.
Georges Brassens, ibidem

Quando si è anarchici, lo si è per sempre. È congenito. Significa rimettere ogni giorno tutto in discussione.
Georges Brassens, Le strade che non portano a Roma, 2008

Siamo in molti miliardi di troppo a chiedere il Paradiso in Terra, ed è l'Inferno quello che rendiamo inevitabile, con l'aiuti della nostra scienza, sotto il bastone dei nostri pastori imbecilli. Il futuro dirà che gli unici chiaroveggenti erano gli Anarchici e i Nichilisti.
Albert Caraco, Breviario del Caos, 1982 (postumo)

Un vero amico della libertà deve essere nemico di ogni potere, di ogni autorità, di ogni comando, di ogni elevazione di uomo al di sopra di altri uomini, deve essere nemico di ogni legge, di ogni ordine prestabilito, deve essere, in una parola, un anarchista.
Carlo Cafiero, Rivoluzione, 1880

Le nostre conoscenze, come le nostre esperienze, dovrebbero paralizzarci, e renderci indulgenti verso la stessa tirannia, visto che rappresenta una costante. Siamo abbastanza chiaroveggenti da essere tentati di deporre le armi; nondimeno il riflesso della ribellione trionfa sui nostri dubbi; e benché potremmo diventare degli stoici perfetti, l'anarchico rimane desto in noi e si oppone alla nostra rassegnazione.
Emil Cioran, La tentazione di esistere, 1956

Sovversivo è solo quello spirito che mette in dubbio l'obbligo d'esistere; tutti gli altri, anarchico in testa, scendono a patti con l'autorità costituita.
Emil Cioran, Il funesto demiurgo, 1969

Ci vogliono molto coraggio e molta riflessione per non diventare anarchici.
Emil Cioran, Quaderni, 1957/72 (postumo 1997)

E pensare che quand'ero giovane l’anarchico mi sembrava il tipo umano più compiuto! Sarà progresso, sarà decadimento essere arrivato a una rassegnazione che mi fa considerare qualsiasi ribellione un segno di infantilismo?
Emil Cioran, Quaderni, 1957/72 (postumo 1997)

L'anarchia non riuscirà mai ad affermarsi se gli anarchici non riusciranno a darsi un'organizzazione. Ma per organizzarsi bisogna prima di tutto fare un po' d'ordine, mettersi in fila, fare l'appello. E l'appello gli anarchici lo odiano. Non rispondono, oppure rispondono al nome di un altro o rispondono «assente», o addirittura non ci sono. Del resto anche l'anarchico che dovesse fare l'appello si rifiuterebbe di seguire l'ordine alfabetico.
Guido Clericetti, Clericettario, 1993

Non ho abbastanza fede nella natura umana per essere anarchico.
John Dos Passos, L'iniziazione di un uomo, 1920

Chiunque neghi l'autorità e la combatta è anarchico.
Sébastien Faure, Enciclopedia anarchica, 1925/34

L'amore per la libertà, prima fisica, in seguito spirituale e politica, è la sola idea che non mi ha procurato contraddizioni. È per me un amore tanto naturale, forse biologico, che non me ne faccio un merito (o, qui, dovrei dire: una colpa). Da ragazzo ero anarchico, adesso mi accorgo che si può essere sovversivi soltanto chiedendo che le leggi dello Stato vengano rispettate da chi governa.
Ennio Flaiano, Frasario essenziale per passare inosservati in società, 1959/72 (postumo, 1986)

Siamo tutti liberali, ma fino a un certo punto. E non c'è anarchico che non sia anarchico soltanto fino a un certo punto.
Joan Fuster, Giudizi finali, 1960/68

Coloro che rifiutano di sostenere e difendere uno stato non hanno diritto alla protezione da parte di quello stato. L’uccisione di un anarchico o di un pacifista non dovrebbe essere considerala «omicidio» in senso legale.
Robert Anson Heinlein, Lazarus Long l'Immortale, 1973

Che cosa vogliono gli anarchici? L’autonomia dell’individuo, lo sviluppo della sua libera iniziativa che, soli, potranno assicurargli tutta la felicità possibile. Se l’anarchico ammette il comunismo come concezione sociale, è per semplice deduzione, perché comprende che è solo nella felicità di tutti, liberi ed autonomi come lui, che troverà la propria.
Émile Henry, Pensieri, 1896 (postumo)

Tutti gli uomini buoni sono anarchici. Tutti i colti, gli uomini gentili; tutti i gentlemen, tutti gli uomini giusti sono anarchici. Gesù era un anarchico.
Elbert Hubbard, La parte migliore, 1901

Un morto di fame che diventa anarchico è un propagandista della causa piuttosto sospetto. Infatti, se avrà da mangiare, diventerà un sostenitore dell'ordine sociale. E spesso, addirittura un socialista. Al contrario, non c'è nulla di più insensato che ridere di figli di borghesi benestanti che nutrono idee anarchiche: possono pur sempre avere delle convinzioni. In ogni caso, nessun abito lacero riuscirà a rendere sospetta l'autenticità spirituale delle loro tendenze comuniste.
Karl Kraus, Die Fackel, 1899-1936

Dichiarandoci anarchici proclamiamo innanzitutto di rinunciare a trattare gli altri come non vorremmo essere trattati noi da loro; di non tollerare più la disuguaglianza che permetterebbe ad alcuni di esercitare la propria forza, astuzia o abilità in maniera odiosa. Ma l'uguaglianza in tutto – sinonimo di equità – è la stessa anarchia.
Pëtr Kropotkin, La morale anarchica, 1890
L'uomo libero non ha bisogno né di leggi né di autorità.
(Luigi Molinari)
Gli anarchici presentano un metodo nuovo; l’iniziativa libera di tutti ed il libero patto, dopo che, abolita rivoluzionariamente la proprietà individuale, tutti sono stati messi in condizione eguale di poter disporre delle ricchezze sociali. Questo metodo, non lasciando adito alla ricostituzione della proprietà individuale, deve condurre, per la via della libera associazione, al trionfo completo del principio di solidarietà.
Errico Malatesta, Il programma anarchico, 1919

Noi vogliamo dunque abolire radicalmente la dominazione e lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo; noi vogliamo che gli uomini, affratellati da una solidarietà cosciente e voluta, cooperino tutti volontariamente al benessere di tutti; noi vogliamo che la società sia costituita allo scopo di fornire a tutti gli esseri umani i mezzi per raggiungere il medesimo benessere possibile, il massimo possibile sviluppo morale e materiale; noi vogliamo per tutti pane, libertà, amore, scienza.
Errico Malatesta, Il programma anarchico, 1919

Gli anarchici non hanno ipocrisia. La forza bisogna respingerla colla forza: oggi contro le oppressioni di oggi; domani contro le oppressioni che potrebbero tentare di sostituirsi a quelle di oggi.
Errico Malatesta, Anarchia e violenza, su Pensiero e Volontà, 1924

La libertà che vogliamo noi non è il diritto astratto di fare il proprio volere, ma il potere di farlo.
Errico Malatesta [1]

A pensarci bene, Cristo è l'unico anarchico che ha avuto veramente successo.
André Malraux, La speranza, 1937 

Togliete Dio al governante, e avrete il tiranno; togliete Dio al suddito, e avrete l'anarchico.
Henry Manning [1]

Fate in modo che le sventure dell'umanità scompaiano e io non sarò piú anarchico.
Bruno Misèfari (Furio Sbarnemi), Diario di un disertore, 1918 (postumo, 1973)

L'uomo libero non ha bisogno né di leggi né di autorità.
Luigi Molinari, Il tramonto del diritto penale, 1904 

Siano tumultuose come il mare in tempesta le vostre assemblee, ma sia permesso a tutti venire a voi! Non temete la discussione! Ascoltate e vagliate tutto e tutti. I repubblicani terranno lontani da voi i socialisti, i socialisti gli anarchici, i preti vi distorranno dagli uni e dagli altri. E voi non credete a nessuno. Ascoltate e giudicate. Fate che la vostra coscienza sappia essere una quantità, un'essenza a sé stante; la disciplina non è cosa vostra, è del militarismo e del clericalismo!
Luigi Molinari, Il tramonto del diritto penale, 1904

Chi ama la libertà e ha accettato in sé, definitivamente, l’idea che l’uomo sarà libero quando lo sarà la società, ma che la società della libertà può essere creata soltanto da uomini interiormente liberi, comincerà da se stesso e nel suo ambiente l’opera di liberazione. Egli non sarà lo schiavo di nessuno e saprà che non è schiavo soltanto colui che non vuole più essere padrone di nessuno. 
Erich Mühsam [1]

È libero l’uomo che lascia a tutti gli altri uomini la libertà e sarà libera la società che vivrà nell'uguaglianza del cameratismo e nella libertà.
Erich Mühsam [1]

In ogni anarchico sta dentro un dittatore fallito.
Benito Mussolini, in Emil Ludwig, Colloqui con Mussolini, 1932

Anarchico è colui che dopo una lunga, affannosa e disperata ricerca ha trovato sé stesso e si è posto, sdegnoso e superbo "sui margini della società" negando a qualsiasi il diritto di giudicarlo. 
Renzo Novatore (Abele Ricieri Ferrari), Fiori Selvaggi, su Cronaca Libertaria, 1917 

Colui che non sa essere all'altezza delle proprie azioni riconoscendosi, egli solo, a giudice di sé stesso, potrà magari credersi anarchico ma non lo è!
Renzo Novatore, ibidem

L’anarchico, oltre ad essere il più grande ribelle ha pure il vanto di essere un Re. Il Re di sé stesso s’intende!
Renzo Novatore (Abele Ricieri Ferrari), Fiori Selvaggi, su Cronaca Libertaria, 1917 

Solo colui che sa apprezzare con impetuosa violenza i rugginosi cancelli che chiudono la casa della gran menzogna ove si sono dati convegno i lubrici ladri dell’Io (dio, stato, società, umanità), per riprendere dalle mani viscide e rapaci – inanellate del falso oro dell’amore della pietà e della civiltà, dei biechi predatori, il suo più grande tesoro, può sentirsi padrone e signore di sé, e chiamarsi anarchico.
Renzo Novatore (Abele Ricieri Ferrari), Fiori Selvaggi, su Cronaca Libertaria, 1917

Che cos'è un anarchico? È una persona indignata nei confronti dell’ingiustizia di essere nati, noi, socialmente diversi − in fondo è solo questo. E da questo deriva la rivolta contro le convenzioni sociali che rendono possibile questa disuguaglianza.
Fernando Pessoa, Il banchiere anarchico, 1986 (postumo)

L’unico modo d’agire anarchico, ognuno deve liberarsi da sé.
Fernando Pessoa, ibidem

Cosa vuole l'anarchico? La libertà – la libertà per sé e per gli altri, per l'umanità intera. Vuole essere libero dall'influenza o dalla pressione delle finzioni sociali; vuole essere libero come quando è nato ed è comparso nel mondo, come deve essere secondo giustizia; e vuole questa libertà per sé e per tutti gli altri.
Fernando Pessoa, Il banchiere anarchico, 1986 (postumo)

Essere indipendente come un anarchico e buono come un santo.
Jules Renard, Diario, 1887/1910 (postumo, 1925/27)

Io sarei anarchico se fossi infelice. Ma non ho niente di cui lamentarmi. Come si potrebbe essere al tempo stesso anarchici e soddisfatti?
Jules Renard, Diario, 1887/1910 (postumo, 1925/27)

Non essere anarchico a sedici anni, è mancanza di cuore. Esserlo ancora a quarant'anni, è mancanza di giudizio.
George Bernard Shaw [1]

Gli anarchici hanno ragione in tutto, solo non nella violenza.
Lev Tolstoj, Diari, 1847-1910 (postumo, 1928/58).

Meglio una dittatura di ferro che un'anarchia d'oro.
Proverbio tedesco

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Citazione tratta da: Emanuele Del Medico e Andrea Dilemmi, Aforismi dell'anarchia © Demetra 2000
  3. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Contro la Politica - Contro il Governo

Nessun commento: