Cerca Autori o Argomenti in Aforismario

Aforismi, frasi e proverbi sulla Tigre

Raccolta di aforismi, frasi e proverbi sulla tigre (nome scientifico: Panthera tigris), grosso carnivoro asiatico, appartenente alla famiglia dei felidi, che oggi sopravvive con popolazioni isolate, in alcune foreste dell’India, di Giava, della Siberia e del Caucaso. La tigre è il felino selvatico più grande che esista in natura, ed è anche uno dei più grandi predatori terrestri. Come si noterà, alcune delle seguenti citazioni fanno riferimento all'espressione "cavalcare la tigre", usata per indicare la volontà di assumere la guida, con l’intento di trarne vantaggio, di una situazione instabile e rischiosa, con un’azione decisa e aggressiva dalla quale risulta difficile tirarsi indietro. [Vocabolario Treccani].

Come introduzione a questa raccolta, riportiamo un brano dell'etologo Danilo Mainardi: "Chi lo sa com'è, la tigre vera? Certo non è quella di Salgari, che a quanto pare si inventava tutto (mica male, però), e nemmeno quella suscitata nell'immaginario di viandanti e cacciatori dalla vera celata nella foresta, dilatata e deformata dalla loro paura, progressivamente snaturata dal fatale passaggio da bocca a bocca, da penna a penna col formarsi di tradizioni orali e scritte. E questa tigre mezza vera e mezza immaginata la troviamo purtroppo anche sui vecchi testi della zoologia, perché lei è animale elusivo, poco studiabile e poco studiato, almeno fino a poco fa. Ma c'è dell'altro, perché il grande felino per lunghissimo tempo è stato soprattutto oggetto di persecuzione e di caccia sportiva. Era più importante, era anche più divertente, ucciderlo che non conoscerlo. Finché, ma questa è storia recentissima, non ci si è resi conto che anche la tigre era specie minacciata di estinzione. Ne erano rimaste poche migliaia, decimate sia da cacciatori e bracconieri che dalla scomparsa dell'habitat adatto. Così, per proteggerle, è risultato essenziale conoscerle, e finalmente si è cominciato a studiarle seriamente, sia in cattività che in natura. Il primo a fare una ricerca sistematica fu George B. Schaller, che nei primi anni Sessanta fu incaricato dall'Università John Hopkins di compiere in natura un'indagine di carattere ecoetologico. E dopo di lui qualcun altro, e insomma qualche contorno del ritratto del misterioso predatore si va ora delineando, ma la tigre come esattamente è di preciso ancora non lo sappiamo né, forse, lo sapremo mai. Mi rendo conto del pessimismo di quest'asserzione, ma c'è un motivo che mi spinge a farla. Si tratta delle contraddizioni che si rilevano soprattutto riguardo alle capacità sociali del grande predatore. Ogni ricercatore produce informazioni differenti: l'impressione è che la tigre non rientri bene in nessuno schema definito, che ci sia una grande variabilità di comportamento, frutto magari di differenti esperienze individuali (vivono anche fino a venticinque anni: fanno in tempo, colla loro capacità di apprendimento, a costruirsi ciascuna una sua differente personalità). Certo è che sono cacciatrici solitarie, che vivono sole in territori individuali, che i loro momenti di socialità sono legati al breve turbolento periodo della sessualità e a quello, lungo e didatticamente impegnato, delle cure parentali. Ma quante eccezioni si conoscono!". [Animali famosi e altri animali, Giorgio Mondadori © 1992].

Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sul leone, il gatto, il lupo e la volpe. [I link sono in fondo alla pagina].
La tigre siberiana, il predatore piú intelligente e letale
del pianeta. Dopo l'uomo. (John Vaillant)
Un metodo infallibile per amicarsi una tigre è quello di lasciarsi divorare.
Konrad Adenauer [1]

− Le vie della storia sono infinite, oggi sei un pavido, ma forse un giorno sarai una tigre. 
− Sì, sì, forse, un giorno, ma per ora non vi serve un coniglietto?
Woody Allen, Il dittatore dello Stato libero di Bananas, 1971

L'atto sessuale è nel tempo ciò che la tigre è nello spazio.
Georges Bataille, La parte maledetta, 1949

Le tigri dell'ira sono son più sagge dei cavalli della sapienza.
[The tigers of wrath are wiser than the horses of instruction].
Saul Bellow, Il re della pioggia, 1984

Tigre! Tigre! Divampante fulgore / Nelle foreste della notte, / Quale fu l'immortale mano o l'occhio / Ch'ebbe la forza di formare la tua agghiacciante simmetria? / In quali abissi o in quali cieli / Accese il fuoco dei tuoi occhi? / Sopra quali ali osa slanciarsi? / E quale mano afferra il fuoco? / Quali spalle, quale arte / Poté torcerti i tendini del cuore? / E quando il tuo cuore ebbe il primo palpito, / Quale tremenda mano? Quale tremendo piede? / Quale mazza e quale catena? / Il tuo cervello fu in quale fornace? / E quale incudine? / Quale morsa robusta osò serrarne i terrori funesti? / Mentre gli astri perdevano le lance tirandole alla terra / e il paradiso empivano di pianti? / Fu nel sorriso che ebbe osservando compiuto il suo lavoro, / Chi l'Agnello creò, creò anche te? / Tigre! Tigre! Divampante fulgore / Nelle foreste della notte, / Quale mano, quale immortale spia / Osa formare la tua agghiacciante simmetria?
William Blake, The Tyger (La tigre), in Songs of Experience, 1794 [Traduzione di Giuseppe Ungaretti]. [2]

Il tempo è un fiume che mi trascina, ma sono io quel fiume; / è un tigre che mi divora, ma sono io quella tigre; / è un fuoco che mi consuma, ma sono io quel fuoco. 
Jorge Luis Borges [1]

Si può cavalcare una tigre ma smontarvi è fatale.
Ernest Bramah [1]

Più di una bestiolina sarebbe fin troppo felice se riuscisse a leccare il culo a una tigre. Lì, sotto la coda, starebbe relativamente al sicuro; ma è difficile arrivarci.
Bertolt Brecht, Schweyk nella seconda guerra mondiale, 1943/47

Bisogna imparare a trasformare la paura in coraggio, l'energia negativa in forza buona. [...] Tutto questo si chiama "Fu Hu", che vuol dire "cavalcare la tigre".
Irina Brigenti, in A cavallo della tigre, 2002

Puoi mettere in gabbia una tigre, ma non puoi essere sicuro di averla domata. Con gli uomini è più semplice.
[You can cage a tiger but you're never sure he's broken. Men are easier].
Charles Bukowski, Taccuino di un vecchio sporcaccione, 1969

Che cosa sia una tigre, lo so veramente solo da quando ho letto la poesia di Blake.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973 [cfr. poesia di William Blake]

Ininterrotti movimenti della tigre lungo le sbarre della gabbia per non lasciarsi sfuggire quell'unico piccolo attimo che serve per la salvezza.
Elias Canetti, ibidem

C’è chi pensa che la natura sia buona / e finisce nelle fauci della tigre / c’è chi pensa che la natura sia malvagia / e abbatte a colpi di fucile la tigre / c’è chi pensa che la natura sia bella / e mette nella gabbia dello zoo la tigre / c’è chi pensa che la natura sia utile / e si fa una pelliccia con la tigre / c’è chi pensa che la natura pensi / e seziona il cervello della tigre / c’è chi pensa che la natura sia in pericolo / e fa un’oasi di protezione per la tigre / c’è chi pensa che la natura sia Dio / e trova l’uomo nella tigre / c’è chi pensa che la natura sia opera di Dio / e dissocia l’uomo dalla tigre / c’è chi pensa che la natura sia natura / e diventa parente della tigre / c’è chi pensa che la tigre sia la tigre / e lascia in pace la tigre.
Giorgio Celli, La tigre, Nuovo bestiario postmoderno, 2011

Lievi mani su sterminate voragini ordiscono lunghi lunghi ponti. Hai paura ma dietro di te c’è la famosa tigre che ti obbliga a percorrere il ponte che ti è apparso per salvarti. Sul lato opposto ti aspetta un’altra tigre, più cattiva e antropofaga della prima. Cominci a sperare di non arrivarci, che la vita finisca a metà del ponte.
Guido Ceronetti, Insetti senza frontiere, 2009

Per intrattenersi - sia pure in modo infruttuoso, ma almeno con minor pericolo - con una tigre che si è abituata all'odore del sangue umano versato e bevuto, bisogna prima cavarne i denti e fame sparire gli unghioni. Ci saranno formule magiche per rendere questo possibile?
Guido Ceronetti, Insetti senza frontiere, 2009

Anche il moscerino rischia di essere morso se riposa nella lingua della tigre...
Chuckie Chan, in Polli Kung Fu, 2008-2009

Il serpente, il re, la tigre, la vespa, il bambino piccolo, il cane degli altri e il pazzo: questi sette non dovrebbero essere svegliati durante il sonno. 
Chanakya, III sec. a.e.c.

Una tigre non teme la iena perché è consapevole della propria forza.
Paulo Coelho, Manuale del guerriero della luce, 1997

Sono una tigre braccata, senza via di fuga, e ho un’unica chance: attaccare con furore.
Paulo Coelho, Adulterio, 2014

Nulla è paragonabile al brivido di camminare nella giungla alla ricerca di una tigre e sapere che probabilmente ti sta già osservando. 
Ashlan Gorse Cousteau [1]

Le tigri normali non sbranano le persone. Se vieni divorato da una tigre puoi star certo che non era normale.
Will Cuppy [1]

Dio fece il gatto perché l'uomo potesse avere il piacere di coccolare la tigre.
[God made cats so that man might have the pleasure of fondling the tiger].
Robertson Davies, Il diario di Samuel Marchbanks, 1947

Se vi è un solo Creatore che ha fatto la tigre e l'agnello, il ghepardo e la gazzella, qual è il Suo gioco? È un sadico che si diverte ad assistere a spettacoli cruenti? Cerca di scongiurare la sovrappopolazione tra i mammiferi africani? Oppure ha interesse a mantenere alta l'audience dei documentari naturalistici di David Attenborough? Tutte queste supposizioni sono funzioni di utilità del tutto plausibili. All'atto pratico, ovviamente, sono del tutto false.
Richard Dawkins, Il fiume della vita, 1995

La tigre azzanna e dilania, ma sa fare solo quello. Non le verrebbe mai in mente di prendere le persone e farle restare inchiodate per le orecchie per un'intera nottata, nemmeno se fosse in grado di fare una cosa simile.
Fëdor Dostoevskij, I fratelli Karamazov, 1878/80

Le paure sono tigri di carta. Puoi fare qualsiasi cosa tu decida di fare.
Amelia Earhart [1]

Non bisogna fissarsi al presente e alle cose vicine, ma aver anche in vista le condizioni che potranno delinearsi in un tempo futuro. Allora il principio da seguire può essere quello di lasciar libero corso alle forze e ai processi dell'epoca, mantenendosi però saldi e pronti ad intervenire quando «la tigre, che non può avventarsi contro chi la cavalca, sarà stanca di correre».
Julius Evola, Cavalcare la tigre, 1961

La tigre è un predatore superbo. Non fa prigionieri. Non perdona. A differenza del leone, non ha bisogno del branco e non lascia il compito di reperire il cibo alle femmine. Vive e caccia in solitudine, ed è la sua totale indipendenza a darle un aspetto così fiero.
Vito Franchini [1]

Ogni donna dovrebbe avere quattro animali nella sua vita. Un visone nell'armadio, una Jaguar in garage, una tigre nel letto, e un asino che paghi per ogni cosa.
Zsa Zsa Gabor (attribuita anche a Mae West - vedi "Citazioni errate" su Aforismario)

Le nostre più nobili speranze mostrano i denti e ci inseguono come tigri.
John Gardner [1]

La paura è una tigre in agguato nella nostra stessa ombra, sempre pronta a ghermirci. E ci insegue per tutta la vita.
Giulio Cesare Giacobbe, La paura è una sega mentale, 2010

Una tigre ferita è una bestia pericolosa.
Arthur Golden [1]

Gli occhi della tigre sono come i miei, ma lei ha attraversato un mare profondo e agitato. 
Katsumoto (Ken Watanabe), in L’ultimo samurai, 2003

In passato, chi ha cercato stupidamente di conquistare il potere cavalcando la tigre ha finito per esserne divorato.
John Fitzgerald Kennedy [1]

Meglio vivere un anno da tigre che cento da pecora.
Madonna [1]

Che la tigre sia davvero, come voleva Salgari, buona e cattiva insieme? Certo è che tra i misteri della jungla nera ancora bene si piazza il meraviglioso felino, e speriamo che ci rimanga a lungo. Che sopravvivano per sempre, lui e l'indispensabile jungla.
Danilo Mainardi, Animali famosi e altri animali, 1992

La tigre come esattamente è di preciso ancora non lo sappiamo né, forse, lo sapremo mai.
Danilo Mainardi, ibidem

La tecnologia è un invisibile tiranno che porta i suoi effetti distruttivi nei più profondi recessi della psiche, più di quanto possano fare i denti a sciabola della tigre o dell'orso.
Marshall McLuhan, La sposa meccanica, 1951
Quando un uomo vuole uccidere una tigre, lo chiama sport;
quando una tigre vuole uccidere lui, la chiama ferocia.
George Bernard Shaw - Foto: Hemingway con leopardo
È meglio vivere 50 anni da tigre che 100 anni da pollo
Edgerrin James [1]

Qualsiasi imbecille svelto di mano può prendere una tigre per i coglioni, ma ci vuole un eroe per continuare a stringere.
[Any fool with fast hands can take a tiger by the balls, but it takes a hero to keep on squeezing].
Stephen King [1]

Per svegliare una tigre, usa un lungo bastone.
Mao Tse-tung [1]

Nel Siam ci si serve della docilità della tigre ascoltando i suoi istinti crudeli per attirarla su un agnello belante dentro una fossa profonda in cui perirà in seguito, schiumante di rabbia per essersi così stupidamente lasciata subodorare da minuscoli esseri, farabutti e vigliacchi, buoni a nulla.
Henri Michaux, Face aux verrous, 1954

È apparentemente più facile alla tigre essere interamente, degnamente tigre di quanto lo sia per l’uomo essere uomo.
Henri Michaux, ibidem

Bisogna imparare a trasformare la paura in coraggio, l'energia negativa in forza buona. [...] Tutto questo si chiama "Fu Hu", che vuol dire "cavalcare la tigre".
Nina (Irina Brigenti), in A cavallo della tigre, 2002

Le carezze non hanno mai trasformato una tigre in un gattino.
Franklin Delano Roosevelt [1]

È pericoloso svegliare il leone, il dente della tigre è fatale, ma la cosa più spaventosa di tutte è l’uomo nella sua follia.
Friedrich Schiller [1]

Le tigri e i leoni non perdono mai la loro ferocia; talvolta si mostrano quieti, ma, quando meno te lo aspetti, il loro istinto, che sembrava sopito, ha terribili risvegli. Così le passioni degli uomini.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

Nella pace nulla di meglio per diventare un uomo che la tranquillità e l'umiltà, ma se tu senti il soffio della guerra allora imita la tigre, indurisci i tuoi muscoli, eccita il tuo sangue, nascondi la tua lealtà sotto la fredda rabbia e infine dà al tuo sguardo l'orribile splendore.
William Shakespeare, Enrico V, ca. 1599

Quando un uomo vuole uccidere una tigre, lo chiama sport; quando una tigre vuole uccidere lui, la chiama ferocia.
[When a man wants to murder a tiger he calls it sport; when a tiger wants to murder him he calls it ferocity].
George Bernard Shaw, Uomo e superuomo, 1903

Il gatto dà l’idea di fingersi un animale domestico per trarre vantaggio da questa comoda posizione; ma il suo atteggiamento sornione tradisce spesso tutta la diffidenza della tigre nei confronti dell’umano, e se avesse le sue stesse dimensioni, probabilmente, all'occasione, non esiterebbe ad azzannarlo.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Non fa parte di una vera cultura domare le tigri, non più di quanto sia rendere feroci le pecore.
Henry David Thoreau [1]

Le prospettive di sopravvivenza dell'umanità erano notevolmente migliori quando era indifesa contro le tigri di quanto lo sia oggi che è diventata indifesa contro sé stessa.
Arnold J. Toynbee [1]

Dio è nella tigre e nell'agnello.
[God is in the tiger as well as in the lamb].
John Updike [1]

Ti uccide prima ancora di toccarti. Il suo ruggito è come un terremoto che sembra provenire da ogni direzione, un suono forgiato dall'evoluzione per stroncare il sistema nervoso delle vittime. Ma quando vuole può essere silenziosa come la neve che cade: un proverbio della taiga dice che «quando tu riesci a vederla, lei ti ha già visto cento volte». È la tigre siberiana, il predatore piú intelligente e letale del pianeta. Dopo l'uomo.
John Vaillant, La tigre, 2012

Una tigre è il prodotto che si ottiene accoppiando l’agilità e gli appetiti di un gatto con la massa di un frigorifero industriale.
John Vaillant, ibidem

Alla tigre tocca cacciare. All'uccello tocca volare. All'uomo tocca chiedersi: "Perché? Perché? Perché?".
Kurt Vonnegut, Ghiaccio-nove, 1963

Una volta hanno incrociato un pappagallo con una tigre. Non sanno cosa sia diventato, ma quando parla tutti lo ascoltano.
Henny Youngman [1]
Puoi mettere in gabbia una tigre, ma non puoi essere
sicuro di averla domata. (Charles Bukowski)
Un uomo camminava nella foresta quando vide una volpe ferita. “Come può nutrirsi?”, pensò. In quel momento, si avvicinò una tigre, con un animale fra i denti. Saziò la sua fame e lasciò alla volpe quanto era avanzato. “Se Dio aiuta la volpe, aiuterà anche me”, rifletté l’uomo. Quindi tornò a casa, si chiuse dentro e rimase ad aspettare che i Cieli gli dessero da mangiare. Non accadde nulla. Quando ormai era troppo debole per uscire e lavorare, comparve un angelo. “Perché hai deciso di imitare la volpe ferita? – domandò l’angelo – Alzati, prendi i tuoi attrezzi e imbocca il cammino della tigre”.
Anonimo (attribuito a Paulo Coelho)

Dove non c'è tigre, anche la lepre spadroneggia.
Anonimo

Prima che tu la veda una volta sola, la tigre ti ha visto cento volte.
Anonimo (cacciatore della taiga)

Una tigre non perde il sonno per l'opinione di una pecora. 
Anonimo

Tre tigri contro tre tigri, tre tigri contro tre tigri, tre tigri contro tre tigri...
Scioglilingua

Un uomo che camminava per un campo si imbatté in una tigre. Si mise a correre, tallonato dalla tigre. Giunto a un precipizio, si afferrò alla radice di una vite selvatica e si lasciò penzolare oltre l'orlo. La tigre lo fiutava dall'alto. Tremando, l'uomo guardò giù, dove, in fondo all'abisso, un'altra tigre lo aspettava per divorarlo. Soltanto la vite lo reggeva. Due topi, uno bianco e uno nero, cominciarono a rosicchiare pian piano la vite. L'uomo scorse accanto a sé una bellissima fragola. Afferrandosi alla vite con una mano sola, con l'altra spiccò la fragola. Com'era dolce!
Koan Zen

Facile è cavalcare la tigre, difficile è scendere.
Proverbio

Ognuno di noi va a dormire ogni notte con una tigre accanto. Non puoi sapere se questa al risveglio vorrà leccarti o sbranarti.
Proverbio cinese

Chi cavalca una tigre ha timore di scendere.
Proverbio cinese

Frequentare i potenti è come dormire con una tigre.
Proverbio cinese

Quando la tigre è morta, i cervi scherzano con le sue unghie.
Proverbio cinese

Si uccide la mosca per spaventare la tigre.
Proverbio cinese

Non tirare la coda al gatto, potresti trovare i denti di una tigre.
Proverbio giapponese

Non accuso Dio per aver creato la tigre, ma lo ringrazio per non averle dato le ali.
Proverbio indù

Quando la tigre serve da tappeto, nessuno la teme più.
Proverbio malese

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Tyger! Tyger! Burning bright / In the forests of the night: / What immortal hand or eye / Could frame thy fearful symmetry? / In what distant deeps or skies / Burnt the fire of thine eyes? / On what wings dare he aspire? / What the hand dare seize the fire? / And what shoulder, and what art, / Could twist the sinews of thy heart? / And when thy heart began to beat, / What dread hand? And what dread feet? / What the hammer? What the chain? / In what furnace was thy brain? / What the anvil? What dread grasp / Dare its deadly terrors clasp? / When the stars threw down their spears, / And water'd heaven with their tears: / Did He smile His work to see? / Did He who made the Lamb make thee? / Tyger! Tyger! Burning bright / In the forests of the night: / What immortal hand or eye / Dare frame thy fearful symmetry? [William Blake, The Tyger, in Songs of Experience, 1794].
  3. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Leone - Gatto - Lupo - Volpe

Nessun commento: