Ultime Parole di Suicidi

Raccolta delle ultime parole scritte da diversi personaggi prima di commettere suicidio, e alle ultime parole pronunciate in punto di morte da personaggi letterari. Su Aforismario trovi anche una raccolta delle ultime parole prima di morire pronunciate da personaggi celebri. [Il link è in fondo alla pagina].
Perdono tutti e a tutti chiedo perdono. Va bene?Non fate troppi pettegolezzi.
(Cesare Pavese)
Viva il Cile! Viva il popolo! Viva i lavoratori! Queste sono le mie ultime parole e ho la certezza che il mio sacrificio non sarà vano. Ho la certezza che, per lo meno, ci sarà una lezione morale che castigherà la vigliaccheria, la codardia e il tradimento.
[Viva Chile! ¡Viva el pueblo! ¡Vivan los trabajadores! Estas son mis últimas palabras y tengo la certeza que por lo menos será una lección moral que castigará la felonía, la cobardía y la traición].
Salvador Allende
(1908-1973) uomo politico cileno.
Ultimo discorso di Salvador Allende pronunciato prima di morire e trasmesso da Radio Magallanes. Pare che il presidente del Cile abbia poi preferito uccidersi pur di non arrendersi al generale Augusto Pinochet, che instaurò una dittatura militare.

Vi amo. Vi Amo.
[I love You. I Love You].
Kurt Cobain
(1967-1994) cantautore e chitarrista statunitense del gruppo musicale Nirvana.
Ultime parole scritte da Cobain in una sua lunga lettera prima di compiere suicidio. L'intero brano finale è il seguente: "Non ho più nessuna emozione, e ricordate, è meglio bruciare in fretta che spegnersi lentamente. Pace, amore, empatia. Kurt Cobain. Frances e Courtney, io sarò al vostro altare. Ti prego Courtney continua così, per Frances. Perché la sua vita sarà molto più felice senza di me. VI AMO. VI AMO".
"I don't have the passion anymore, and so remember, it's better to burn out than to fade away. Peace, love, empathy. Kurt Cobain. Frances and Courtney, I'll be at your altar. Please keep going Courtney, for Frances. For her life will be so much happier without me. I LOVE YOU. I LOVE YOU".

Il mio lavoro è compiuto, perché aspettare?
[My work is done. Why wait?].
George Eastman 
(1854-1932) imprenditore e inventore statunitense.
Da un ultimo messaggio rivolto ai propri amici prima del suicidio.

La vita e io siamo pari. Inutile elencare offese, dolori, torti reciproci. A voi che restate, buona permanenza.
Vladimir Majakovskij 
(1893-1930) poeta e drammaturgo sovietico.
Ultime parole scritte in una sua lettera prima di compiere suicidio.

La vita umana è breve, ma io vorrei vivere per sempre.
Yukio Mishima
(1925-1970) scrittore, drammaturgo e poeta giapponese.
Frase riportata sul biglietto di addio, prima del suicidio rituale. Prima di morire, Mishima pronunciò anche un discorso di fronte a un migliaio di soldati: "Dobbiamo morire per restituire al Giappone il suo vero volto! È bene avere così cara la vita da lasciare morire lo spirito? Che esercito è mai questo che non ha valori più nobili della vita? Ora testimonieremo l'esistenza di un valore superiore all'attaccamento alla vita. Questo valore non è la libertà! Non è la democrazia! È il Giappone! È il Giappone, il Paese della storia e delle tradizioni che amiamo." [Fonte Wikipedia].

Perdono tutti e a tutti chiedo perdono. Va bene? Non fate troppi pettegolezzi.
Cesare Pavese 
(1908-1950) scrittore e poeta italiano.
Parole scritte prima del suicidio sulla prima pagina del suo libro Dialoghi con Leucò, lasciato su un comodino dell’Hotel Roma di Torino il 27 agosto del 1950. 

Caro Mondo, ti lascio perché sono annoiato. Sento di aver vissuto abbastanza a lungo. Ti lascio con le tue preoccupazioni in questa dolce fogna. Buona fortuna.
[Dear World, I am leaving because I am bored. I feel I have lived long enough. I am leaving you with your worries in this sweet cesspool. Good luck]. 
George Sanders 
(1906 - 1972) attore inglese. 
Ultime parole scritte prima del suicidio.

Io ho voluto bene al pubblico italiano e gli ho dedicato inutilmente cinque anni della mia vita. Faccio questo non perché sono stanco della vita (tutt'altro) ma come atto di protesta contro un pubblico che manda "Io tu e le rose" in finale e una commissione che seleziona "La rivoluzione". Spero che serva a chiarire le idee a qualcuno. Ciao. Luigi.
Luigi Tenco
(1938-1967) cantautore italiano.
Frase scritta su un biglietto ritrovato accanto al corpo del cantautore nella sua camera d'albergo a Sanremo, dopo il suicidio.

Grazie per le patate di montagna del tre gennaio. Erano buonissime.
Kōkichi Tsuburaya
(1940-1968) atleta giapponese, medaglia di bronzo nella maratona ai Giochi olimpici di Tokyo del 1964.
Frase riportata sul biglietto di addio lasciato ai familiari prima di compiere suicidio.

Carissimo, sono certa di stare impazzendo di nuovo. Sento che non possiamo affrontare un altro di quei terribili momenti. E questa volta non guarirò. Inizio a sentire voci, e non riesco a concentrarmi. Perciò sto facendo quella che sembra la cosa migliore da fare. Tu mi hai dato la maggiore felicità possibile. Sei stato in ogni modo tutto ciò che nessuno avrebbe mai potuto essere. Non penso che due persone abbiano potuto essere più felici fino a quando è arrivata questa terribile malattia. Non posso più combattere. So che ti sto rovinando la vita, che senza di me potresti andare avanti. E lo farai lo so. Vedi non riesco neanche a scrivere questo come si deve. Non riesco a leggere. Quello che voglio dirti è che devo tutta la felicità della mia vita a te. Sei stato completamente paziente con me, e incredibilmente buono. Voglio dirlo – tutti lo sanno. Se qualcuno avesse potuto salvarmi saresti stato tu. Tutto se n'è andato da me tranne la certezza della tua bontà. Non posso continuare a rovinarti la vita. Non credo che due persone possano essere state più felici di quanto lo siamo stati noi.
Virginia Woolf
(1882-1941) scrittrice britannica.
Brano tratto dalla lettera di addio al marito scritta da Virginia Woolf prima di compiere suicidio in preda a forti crisi depressive [fonte del brano: Wikipedia].
Oh, pugnale felice, questa è la tua guaina! Arrugginisci qui dentro
e fammi morire.  (Giulietta)  - Foto: Olivia Hussey e Leonard Whiting
in Romeo e Giulietta © Franco Zeffirelli, 1968)
Oh, pugnale felice, questa è la tua guaina! Arrugginisci qui dentro e fammi morire.
[Oh, happy dagger, this is thy sheath; there rust and let me die].
Giulietta
Personaggio letterario in Romeo e Giulietta, William Shakespeare, 1594-1596

Dolce come balsamo, leggero come l'aria, delicato...
Oh, Antonio!... Bene, via, prendo anche te! 
Perché dovrei restare...
As sweet as balm, as soft as air, as gentle,−
O Antony! − Nay, I will take thee too. 
[Applying another asp to her arm
What should I stay]
Cleopatra
Personaggio storico-letterario in Antonio e Cleopatra, William Shakespeare, 1607-1608

Note

Nessun commento: