Aforismi, frasi e battute divertenti di Roberto Benigni

Selezione di aforismi, frasi e battute divertenti di Roberto Benigni (Manciano La Misericordia 1952), attore, comico, regista e sceneggiatore italiano. Su Aforismario trovi anche una raccolta di frasi che circolano su internet attribuite a Roberto Benigni, ma che questi ha solamente ripreso da altri autori. [Il link è in fondo alla pagina].
La furberia è una qualità italiana potente, però ci ha rovinato. Sarà meglio
magari diventare scaltri: è una cosina un pochino più nobile...
(Roberto Benigni)
E l'alluce fu
© Einaudi 1996 - Selezione Aforismario

Certe volte faccio veramente schifo, altre volte faccio godere come delle vipere chiunque mi si avvicini.

Questi politici sono tutti, come si dice in Scozia, figli di mignotta.

A me mi hanno rovinato le donne: troppo poche!

Perché non ho scritto La Divina Commedia? Perché non ci ho pensato.

Quelli che ci governavano prima erano cattivi, quelli di adesso sono scemi. Io preferisco i cattivi perché almeno ogni tanto si riposano.

Le donne possono fare l'amore solo se sono già incinte e non c'è pericolo, ma per rimanere incinte bisogna che facciano l'amore senza essere incinte, ma allora hanno paura di rimanere incinte... Non lo potranno fare mai!

Un giorno Dio inventò la superbia. Ma chi c’è più superbo di lui che si è fatto chiamare Dio? Metti caso che si fosse chiamato Guido, insomma, fosse stato un po’ più umile, sarebbe andata diversamente.

Il cervello non è lo strumento adatto per dimostrare l'esistenza di Dio. E come voler sentire il sapore del sale col naso. Non c'è riuscito Lui stesso mandando Suo figlio in terra, figurati noi che non siamo neanche parenti alla lontana!

Quando dai poesia non fa differenza se è attraverso il riso o il pianto.

Per me il cinema è parola. Dire che è immagine è una scemenza. L'intervento sul cinema Si fa con la parola. Dio come intervenne sul mondo? Col verbo. Mica disse:" Il mondo è immagine". E Michelangelo quando fece Mosè non gli disse: "Perché non vedi?", gli disse: "Perché non parli"? Dire che il cinema è immagine è banale come dire che la radio è un mezzo che si ascolta. Ci sono tante cose da vedere nella radio, come ci sono tante cose da ascoltare nel cinema.
Sono condannato alla lucidità. Astemio totale: devo smettere di non bere.
(Roberto Benigni)
Frasi e battute varie
Selezione Aforismario

Almeno una volta al giorno bisognerebbe dire: grazie Maria. Non si sa perché, però qualcosa ce l'ha data.

Furbi o scaltri? La furberia è una qualità italiana potente, però ci ha rovinato. Sarà meglio magari diventare scaltri: è una cosina un pochino più nobile...

Le mogli dei politici fanno tutte beneficenza. Per forza! Hanno il senso di colpa per quello che rubano i mariti.

Scegliere se stessi al posto del bene o del male è un cammino senza ritorno: bisogna sempre scegliere. Quando si sa che il giusto sta da una parte non è bello mantenersi neutrali.

La Bibbia è l'unico caso in cui l'autore del libro è anche l'autore dei lettori.

La poesia è parola, il contrario della politica, che dovrebbe essere "fatti, non parole".

La felicità non sta nell'assenza dei contrasti, ma nell'armonia dei contrasti. È questa armonia a essere costruttiva.

Quando un uomo con la pistola incontra un uomo con la biro, l'uomo con la pistola è un uomo morto; perché la biro dà l'eternità.

Il mistero svelato è svilito.

Quando ci si innamora di una donna, non è che quando si fa all'amore con quella donna si fa all'amore con quella, si fa all'amore con tutte le donne del mondo.

L'Italia è l'unico Paese al mondo dove è nata prima la cultura e poi la nazione, non esiste nessun altro luogo al mondo.

L'amore è come la morte: o sei innamorato o non sei innamorato, o sei morto o non sei morto... non sei mai troppo morto.

Il cinema è composto da due cose: uno schermo e delle sedie. Il segreto sta nel riempirle entrambe.

Per il fanatico ci sono sempre due opinioni: la sua e quella sbagliata!

Un Paese che non difende i suoi valori con forza è pronto per l'oppressione e la servitù.

La furbizia è la prostituzione dell'intelligenza.

Quelle che noi giudichiamo debolezze, agli occhi di Dio sono grandezze.

Se ci chiudono la porta dei sogni, siamo già morti.

"Onora il padre e la madre". Un comandamento solenne, dolce... Oggi però dovrebbe essere esteso anche alla nonna e al nonno.

Cos'è che arde e non consuma? L'amore. Quando siamo innamorati si brucia, si arde, ma non si consuma.
A me mi hanno rovinato le donne: troppo poche!
(Roberto Benigni - foto con Nicoletta Braschi)
Frasi da Film
Selezione Aforismario

Non scrivete subito poesie d'amore ché sono le più difficili, aspettate almeno almeno un'ottantina d'anni... Scrivetele su un altro argomento, che ne so, su... su... il mare, il vento, un termosifone, un tram in ritardo, ecco, che non esiste una cosa più poetica di un'altra.
La tigre e la neve, 2005

Innamoratevi! Se non vi innamorate è tutto morto!
ibidem

Se muore lei, per me tutta questa messa in scena del mondo che gira, possono anche smontare, portare via, schiodare tutto, arrotolare tutto il cielo e caricarlo su un camion col rimorchio.
La tigre e la neve, 2005

Libro di Roberto Benigni
E l'alluce fu... 
Monologhi e gag
Curatore Marco Giusti
Editore Einaudi, 1996

Marco Giusti ha scelto e montato dagli spettacoli di Benigni degli ultimi dieci anni il meglio della sua scatenata comicità, quell'inconfondibile misto di allegra ferocia giullaresca, irriverenti provocazioni, estri linguistici, gusto del nonsense, che è arrivato ad una surreale riscrittura della Bibbia. È la prima volta che Benigni accetta di raccogliere in volume il meglio del suo lavoro teatrale e televisivo, in cui ha dato voce satirica alle rabbie e alle frustrazioni degli italiani, prendendo di mira il lungo crepuscolo della prima repubblica, con la sua fauna di incredibili personaggi.

Note
Vedi anche: Frasi Fatte e Rifatte di Roberto Benigni

Nessun commento: