Cerca Autori o Argomenti in Aforismario

Frasi e citazioni di Marie Kondo

Selezione di frasi e citazioni di Marie Kondo (Tokyo, 1984), saggista giapponese, autrice di best seller in cui illustra il suo metodo (chiamato KonMari) per riordinare al meglio gli spazi abitativi con lo scopo di migliorare la qualità della propria vita:
"Quando una persona sperimenta almeno una volta «l’ordine perfetto», prova la sensazione che la propria esistenza abbia subito una metamorfosi. In tal modo, non tornerà mai più alla situazione iniziale di disordine. Questo è ciò che chiamo «il magico potere del riordino»".
Le seguenti citazioni di Marie Kondo sono tratte dai libri: Il magico potere del riordino (2011), 96 lezioni di felicità (2012), Lavorare con gioia (2020).
Riordinando si mette in ordine il passato; di conseguenza,
si prende  coscienza di ciò che conta davvero nella nostra vita
e di ciò che invece non serve; di ciò che bisogna fare e di ciò
che invece bisogna lasciarsi alle spalle. (Marie Kondo)
Il magico potere del riordino
Jinsei ga tokimeku katazuke no maho, 2011 - Selezione Aforismario

C’è una cosa che posso affermare con certezza: facendo ordine in casa in modo radicale, cambiano drasticamente anche la propria forma mentis, il proprio modo di vivere e la propria esistenza.

Riordinando si mette in ordine il passato; di conseguenza, si prende coscienza di ciò che conta davvero nella nostra vita e di ciò che invece non serve; di ciò che bisogna fare e di ciò che invece bisogna lasciarsi alle spalle.

L’atto di riordinare in sé non è che la ripetizione di semplici operazioni, come spostare una cosa qui, un’altra su uno scaffale ecc. Se consideriamo solo l’aspetto pratico, sono azioni che persino un bambino di prima elementare è in grado di compiere. Perciò non saper riordinare o non riuscire a tenere la casa in ordine sono comportamenti che affondano le radici in una dimensione psicologica.

Una persona non potrà mai cambiare le proprie abitudini prima di cambiare la propria mentalità.

Se dovessimo dividere il riordino in due fasi, la prima riguarderebbe il valutare se buttare un oggetto oppure no, la seconda il decidere la collocazione di quell’oggetto. Se siete in grado di compiere queste due azioni, avete raggiunto la perfezione in questo campo.

Nel caso in cui non riusciate a sentirvi a vostro agio in un ambiente pulito e ordinato, cercate di confrontarvi seriamente con le vostre ansie e, molto probabilmente, emergeranno i veri problemi che turbano il vostro cuore.

Trovarsi in una stanza pulita e ordinata ci obbliga a confrontarci con le nostre emozioni e la nostra interiorità. Ci fa notare quei problemi che abbiamo sempre cercato di eludere e ci costringe, volenti o nolenti, ad affrontarli.

Nel momento stesso in cui inizierete a riordinare, sarete costretti a resettare la vostra vita e di conseguenza questa comincerà a cambiare radicalmente.

Il riordino non è il fine, ma solo il mezzo, il vostro vero obiettivo dovrebbe essere quello di realizzare lo stile di vita che desiderate una volta riordinata la vostra casa.

Esistono tre categorie di «disordinati»: «quelli che non sanno liberarsi delle cose», «quelli che non sanno dove metterle», e in ultimo un mix di entrambi, ovvero «quelli che oltre a non sapersi liberare delle cose non sanno dove metterle». 

Rior­dinare è un evento speciale, non una cosa da fare tutti i giorni

Maneggiate le vostre cose una per una: conservate quelle che vi evocano una qualche emozione e buttate via le altre.

Conservate solo ciò che vi emoziona, il resto buttatelo via senza ripensamenti. Così facendo, da quel momento la vostra vita verrà resettata e comincerà il nuovo corso della vostra esistenza.

Le operazioni di riordino devono sempre cominciare dal buttar via.

Quando trovate degli oggetti che non vi piacciono più ma non riuscite a eliminarli, esaminateli uno per uno e pensate al vero ruolo che svolgono nella vostra vita. Così facendo, vi accorgerete, com’è giusto che sia, di quante cose abbiano già inaspettatamente fatto il loro corso. Riconoscendo il loro contributo e lasciandole andare con gratitudine, sarete in grado finalmente di mettere in ordine le vostre cose e la vostra vita. In questo modo resterà solo ciò che vi sta davvero a cuore.

Riordinare è quella magia che ridesta la vostra esistenza, e la rende viva.

Mettendo in ordine la casa e diminuendo le cose in vostro possesso, capirete a che cosa dare importanza nella vostra vita e riuscirete a distinguere chiaramente i veri valori. 

Conservate solo ciò che vi rende felici. Fatelo in una volta sola, in breve tempo, completamente. Poi, che cosa pensate che succederà? Innanzitutto, ciò che possedete diminuirà notevolmente. Poi, cosa più importante, assaporerete una sensazione di freschezza che non avete mai provato e acquisterete piena fiducia nella vita che vi aspetta.

Concentratevi sulla scelta delle cose da conservare in base a ciò che vi fa stare bene, e godetevi la vita secondo le vostre regole. Non è questo il vero piacere del riordino?

Attraverso la selezione delle sole cose che vi emozionano riuscirete a identificare nei dettagli quello che amate e quello di cui avete bisogno.

Decidete il posto definitivo per ogni cosa che possedete, nessuna esclusa: l’essenza dell’organizzazione è proprio questa.

Stabilite un posto fisso per le vostre cose una volta per tutte e ne scaturiranno effetti incredibili: non solo non comprerete più cose inutili, ma sarete anche motivati a ridurre le scorte di oggetti superflui.

Se imparerete a scegliere in maniera corretta le cose da conservare, vi resterà solo la quantità che si adatta perfettamente allo spazio che avete a disposizione. È questo il magico potere del riordino.

La ragione per cui possediamo troppe cose, nella maggior parte dei casi, è che noi stessi non siamo consapevoli di tutto ciò che possediamo. E proprio questo rende difficile organizzarle. 

Attaccamento al passato e ansie per il futuro non solo determinano il modo in cui selezionate le cose che possedete, ma rappresentano anche i criteri in base ai quali prendete le decisioni in ogni sfera della vostra vita, incluse quella affettiva e quella lavorativa.

Il modo migliore per scoprire di che cosa avete realmente bisogno consiste nello sbarazzarvi di ciò che non vi serve.

Accumuliamo le cose materiali per lo stesso motivo per cui mangiamo: per soddisfare un desiderio. Comprare in maniera compulsiva e mangiare e bere in eccesso sono tentativi di alleviare l’ansia.

In sostanza, il riordino dovrebbe occuparsi di ristabilire un equilibrio tra le persone, le loro cose e la casa in cui vivono.

Non mi viene in mente nessuna gioia più grande dell’essere circondati dalle cose che amiamo.

Tutto quello che dovete fare è sbarazzarvi di ciò che non vi tocca le corde dell’anima. Non c’è nessun modo più semplice per soddisfare il vostro cuore.

Il filo conduttore del mio metodo di riordino è sicuramente lo spirito di trasformare i propri spazi in un luogo sacro, un luogo mistico in cui si respiri un’atmosfera di purezza.

96 lezioni di felicità
Irasuto de Tokimeku Katazuke no Maho, 2012 - Selezione Aforismario

Solo quando imparerete a circondarvi di oggetti che vi trasmettono felicità riuscirete a mettere in atto il vostro stile di vita ideale.

Se siete sicuri che qualcosa vi fa battere il cuore, conservatelo, senza curarvi di ciò che dicono gli altri.

Se imparate a prendervi cura delle vostre cose, saprete prendervi cura anche di voi stessi.

Nel riordino l’importante non è scegliere cosa buttare, ma cosa tenere. 

Se vi sentite sempre in preda all’ansia ma non sapete perché, provate a riordinare. 

Prendetevi cura di ciò che decidete di conservare, proprio come vi prendete cura di voi stessi, affinché ogni giorno sia pieno di felicità.

Mettere ordine in casa vostra significa mettere ordine nella vostra vita e prepararvi per il passo successivo.

Lavorare con gioia
Joy at Work, 2020

In mezzo al caos ci sentiamo distratti, stressati, ansiosi, e la nostra capacità di prendere decisioni si riduce. Il disordine, a quanto pare, è una calamita per l’infelicità.

Una scrivania ordinata equivale a una valutazione migliore del nostro carattere e delle nostre capacità; valutazione che a sua volta aumenta autostima e motivazione. Di conseguenza, lavoriamo con più impegno e otteniamo risultati migliori. Visto in quest’ottica, riordinare la scrivania sembra un buon affare, non credete?

Note
Leggi anche le citazioni degli autori giapponesi: Keisuke MatsumotoBanana Yoshimoto

Nessun commento: