Cerca Autori o Argomenti in Aforismario

Aforismi, frasi e citazioni sulla Canaglia

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sulle canaglie. Il termine "canaglia" deriva dal latino canalia, collettivo di canis "cane", letteralmente: "branco di cani", e indica un insieme di gente abietta, malvagia e disonesta. In alcuni casi, il termine "canaglia" è utilizzato come sinonimo spregiativo di plebe.
Alcune delle seguenti riflessioni fanno riferimento anche ai sinonimi di canaglia, come: gentaglia, marmaglia, plebaglia e feccia.
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sui furfanti, i mascalzoni, gli stronzi e le persone false. [I link sono in fondo alla pagina].
Le più grandi canagliate della storia non sono state commesse dalle
più grandi canaglie, ma dai vigliacchi e dagli incapaci. (Georges Bernanos)
Un avvocato è professionalmente al servizio della canaglia.
Élisabeth Barbier, Les Gens de Mogador, 1972

Chiamiamo plebaglia un assembramento di gente quando è di opinione diversa dalla nostra. Se questa plebe invece condivide il nostro punto di vista, allora diciamo: dietro di noi sta la parte illuminata dell'opinione pubblica.
Kazimierz Bartoszewicz, XIX-XX sec.

Lunga vita alle persone oneste! Sono ancora meno canaglie delle altre.
[Vivent les honnêtes gens! ils sont encore moins canailles que les autres].
Henry Becque, Giovane Belgio, 1884/85

L'élite è la canaglia.
Henry Becque, Note d'album, 1926 (postumo)

Le più grandi canagliate della storia non sono state commesse dalle più grandi canaglie, ma dai vigliacchi e dagli incapaci. 
Georges Bernanos, La Via Crucis delle anime, 1943/45

La crema sale in cima. Anche la feccia.
Arthur Bloch, Legge di Wellington sul potere, 1980

L'ottimismo nei riguardi degli uomini è giustificato dalla presenza di una mezza dozzina di anime dabbene nella folla di pecore, di volpi e di iene che è stata finora il nostro prossimo. Ma anche il pessimismo nei riguardi degli uomini si fonda soltanto su una mezza dozzina di canaglie che abbiamo incontrato sulla nostra strada.
Francesco Burdin, Un milione di giorni, 2001

Molti ospiti, molta canaglia.
Guido Ceronetti, Pensieri del tè, 1987 [cfr. citazione di Arthur Schopenhauer].

Non esiste una saggia minoranza. Ogni aristocrazia mai esistita si è comportata, su tutte le questioni fondamentali, esattamente come una piccola plebaglia.
Gilbert Keith Chesterton, Eretici, 1905

Ogni fede esercita una forma di terrore, tanto più spaventosa quando ne sono fautori i «puri». Si diffida dei furbi, delle canaglie, dei cialtroni; tuttavia non si può imputar loro nessuna delle grandi convulsioni della storia; non credendo in nulla, essi non frugano nei vostri cuori, e neanche nei vostri pensieri riposti; vi abbandonano alla vostra indifferenza, alla vostra disperazione o alla vostra inutilità; l'umanità deve loro i pochi momenti di prosperità che ha conosciuto: sono loro a salvare i popoli che i fanatici torturano e gli «idealisti» rovinano.
Emil Cioran, Sommario di decomposizione, 1949

Il meglio di me stesso, quel poco di luce che mi allontana da tutto, lo devo ai miei rari incontri con certe canaglie piene di amarezza, con certe canaglie sconsolate che, vittime del rigore del loro cinismo, non potevano più dedicarsi a nessun vizio.
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

Quando la feccia sposa un mito, preparatevi a un massacro o, peggio ancora, a una nuova religione.
Emil Cioran, ibidem

Mi basta pensare alle strade di campagna, la domenica, perché l'immagine di quella marmaglia motorizzata mi rafforzi nei miei disgusti o nei miei raccapricci.
Emil Cioran, La caduta nel tempo, 1964

Ci sono al mondo più canaglie che non si creda, più brave persone che non si creda.
Giorgio Colarizi, Zibaldone aforistico, 2001 (postumo)

Il patriottismo non è soltanto l'ultimo rifugio della canaglia, è anche il primo piedistallo degli sciocchi e l'altare preferito degli imbecilli.
Georges Darien, Belle France, 1900 [cfr. citazione di Samuel Johnson].

Cinque o sei canaglie si dividono la parte del mondo migliore e più ricca. Ciò basta per farci intendere che razza di bene sia, di fronte a Dio, la ricchezza.
Jean Domat, Pensieri, XVII sec.

In tempi in cui la canaglia veste come i principi, credo che questi diano prova di buon gusto vestendosi, per distinguersi, come la canaglia.
Alexandre Dumas (padre), La dama di Monsoreau, 1846

Qualcuno ha detto che il patriottismo è l'ultimo rifugio delle canaglie: chi non ha principi morali si avvolge di solito in una bandiera.
Umberto Eco, Il cimitero di Praga, 2010 [cfr. citazione di Samuel Johnson].

La plebe, che intende esser contata per qualche cosa, canaglia.
Pietro Ellero, La tirannide borghese, 1879

Cominciando da Gesù Cristo, e venendo giù giù noverando i grandi uomini di 19 secoli, tutti hanno predicato che gli ipòcriti sono la peggior canaglia che viva sotto la cappa del sole: e sono da reputare benefattori dell'uman genere coloro che gli scherniscono, o qualche volta riescono a strappar loro la maschera, scoprendo la loro furfanteria.
Pietro Fanfani, L'ipocrita còlto al laccio, Novelle e ghiribizzi, 1879

Le donne amano gli stronzi (le "simpatiche canaglie" ma, in definitiva, anche quelle antipatiche). Lo stesso vale - e probabilmente a maggior ragione - per l'uomo. Tanto più lei è arrogante, scostante, con la puzzetta sotto il naso tanto più - se, naturalmente, è anche bella, ma in genere le cose vanno di pari passo - eccita l'uomo.
Massimo Fini, Dizionario erotico, 2000

La massima catastrofe di tutte le dittature consiste nel successo della feccia dell'umanità, che non potrebbe mai riuscire a nulla in condizioni sociali stabili, e può quindi maltrattare a volontà le sue vittime inermi.
Franz Fischer, Aforismi, 1979

L’uomo medio è antipatico. (Io sono antipatico. Mi si sopporta). Per diventare simpatico bisogna comportarsi da canaglia.
Ennio Flaiano, Diario degli errori, 1976 (postumo)

Ti piaccio perché sono una canaglia: non ci sono canaglie nella tua vita.
Harrison Ford, in George Lucas, L'Impero colpisce ancora, 1980

Canaglia alta, o canaglia bassa, il mondo è, di regola, in potestà della canaglia; ma poiché, nonostante ciò, il mondo non va in precipizio, bisogna credere che ci sia, al disopra d'ogni canaglia, un potere che lo sorregge e lo tutela.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

La canaglia non milita mai sotto un'insegna sola.
Arturo Graf, ibidem

La canaglia passiva o neghittosa rendo possibile, anzi inevitabile, la canaglia attiva o turbolenta.
Arturo Graf, ibidem

Nulla più facile che farsi applaudire dalla canaglia.
Arturo Graf, ibidem

Non è da credere come la canaglia muti nome e vestito e sempre rimanga la medesima canaglia.
Arturo Graf, ibidem

Non tutta la marmaglia veste di cenci.
Arturo Graf, ibidem

Tra rivoluzionari e conservatori non c'è, molto spesso, se non quest'unica differenza, che gli uni sono canaglia turbolenta, e gli altri canaglia pacifica. 
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908
Lunga vita alle persone oneste! Sono ancora
meno canaglie delle altre. (Henry Becque)
Il patriottismo è l'ultimo rifugio di una canaglia.
[Patriotism is the last refuge of a scoundrel].
Samuel Johnson, in James Boswell, Vita di Samuel Johnson, 1791 (postumo)

Un colpevole punito è un esempio per la canaglia; un innocente condannato è cosa che riguarda tutti gli uomini onesti.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Anche la gentaglia è capace di buoni sentimenti; appunto per questo è gentaglia: è capace di tutto!
Gertrud von Le Fort, XX sec. [1]

Come non essere ottimista! I miei avversari si sono rivelati finora esattamente quelle canaglie che avevo sospettato.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

È buio in quello stato in cui brillano le canaglie.
Stanisław Jerzy Lec, ibidem

Se un uomo a 40 anni va in discoteca con gli amici a cuccare le ragazzine è una simpatica canaglia. Se lo fa una donna o è una mignotta o una sfigata. La vita da single per una donna è un campo minato.
Giovanna Mezzogiorno, su Corriere della sera, 2001

Un avvocato di vaglia dev'essere pure un po' canaglia.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Molti che si allontanarono dalla vita, volevano solo allontanarsi dalla canaglia: non volevano condividere la fonte e la fiamma e il frutto con la canaglia.
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85 

La nausea per l'uomo, per la «canaglia» è stato sempre il mio più grande pericolo.
Friedrich Nietzsche, Ecce homo, 1888

Dove si trovano molti ospiti, vi è molta canaglia, anche se tutti quanti avessero delle decorazioni sul petto.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Che io debba essere governato: ecco da dove inizia lo scandalo della politica. Solo per canaglie e miserabili, incapaci di autogovernarsi e decidere, c’è la politica come unica via di scampo.
Manlio Sgalambro, Dell'indifferenza in materia di società, 1994

Un uomo può sorridere e sorridere, ed essere una canaglia.
William Shakespeare, Amleto, 1602

Le persone che il mondo onora non sono che delle canaglie che hanno avuto la fortuna di non essere colte in flagrante.  
Stendhal, Il rosso e il nero, 1830 

[Gli italiani], gentaglia che mette al mondo e manda in giro soprattutto tipacci come Cagliostro e Casanova.
Lev Tolstoj, colloquio con Maksim Gor'kij (citato in Enzo Biagi, "I" come Italiani, 1993)

È più facile essere una canaglia che una persona onesta.
Fausto Tozzi, in Vittorio Cottafavi, Nel gorgo del peccato, 1954

Purtroppo, quando si finisce in prigione, si scopre che ci sono canaglie anche lì, come dappertutto.
Mark Twain [1]

Di solito sono le canaglie a guidare i fanatici e a mettere loro in mano il pugnale.
Voltaire, Dizionario filosofico, 1764

All'epoca nostra i mascalzoni hanno l'apparenza così onesta che i galantuomini, per distinguersi, debbono assumere l'aspetto di canaglie.
Anonimo

Col tempo e con la paglia maturano le sorbe e la canaglia.
Proverbio [2]

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Il proverbio chiama direttamente in causa coloro ai quali il detto si riferisce. La pena piega anche i malvagi, che cambiano vita scontando la prigione, nella quale un tempo si dormiva sulla paglia. Anche le sorbe, come le nespole, vengono tenute sulla paglia per maturare prima d’essere mangiate. [Carlo Lapucci, Dizionario dei proverbi italiani © Mondadori 2007].
  3. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Mascalzoni - Furfanti e Farabutti - Stronzi - Bastardi

Nessun commento: