Le frasi più belle di Charles Bukowski tratte dai Racconti

Selezione delle frasi più belle e significative di Charles Bukowski (Andernach 1920 - San Pedro 1994), poeta e scrittore statunitense di origine tedesca, tratte dai suoi numerosi racconti. Autore assai prolifico, tra romanzi, racconti e poesie, "Hank" Bukowski ha scritto una sessantina di libri, molti dei quali con riferimenti autobiografici più o meno espliciti, che vedono come protagonista il suo alter ego letterario Henry Chinaski.

Sin dai primi successi letterari, si è cercato d'incasellare Bukowski in qualche corrente letteraria (beat generation, realismo sporco, ecc.), o di considerarlo affine ad altri scrittori, come Hemingway o Henri Miller, ma Bukowski rimane refrattario a qualunque tentativo di assimilazione: fa parte a sé. Lo stesso Bukowski non si riteneva un grande scrittore, ma uno scrittore "diverso"; noi aggiungiamo che proprio in questa "diversità" sta buona parte della sua grandezza. Ha scritto Beniamino Placido nella prefazione all'edizione italiana di Storie di ordinaria follia: ‟Rispetto alla tradizione letteraria americana si sente che Bukowski realizza uno scarto, ed è uno scarto significativo".

Le frasi di Charles Bukowski riportate in questa pagina sono tratte dalle sue raccolte di racconti: Taccuino di un vecchio porco (1969); Storie di ordinaria follia (1972); Compagno di sbronze (1972); A Sud di nessun Nord (1973); Musica per organi caldi (1983); Niente canzoni d'amore (1990).

Su Aforismario trovi anche una raccolta di citazioni di Bukowski tratte dai suoi romanzi; una selezione di suoi aforismi mai tradotti prima in italiano; un'antologia di alcune delle sue più belle poesie. [I link sono in fondo alla pagina].
Lo stile è importante. tanta gente urla la verità,
ma senza stile è inutile, non serve. (Charles Bukowski)
Taccuino di un vecchio porco
Notes of a Dirty Old Man, 1969 (con aforismi inediti)
© Feltrinelli - Guanda - Selezione Aforismario

Il mondo fa di noi uomini (e donne) dei pazzi, e perfino i santi sono dei dementi, non si salva niente. Così vaffanculo.

Il sesso è una cosa interessante ma non ha un'importanza decisiva. Cioè è meno importante, dal punto di vista fisiologico, della defecazione. Un uomo può tirare avanti per 70 anni senza una figa ma può morire in una settimana se le budella non gli si muovono.

Le donne sono animali fondamentalmente stupidi ma si concentrano sul maschio con un impegno così totale da riuscire spesso a sconfiggerlo quando lui pensa ad altro.

L'incertezza della conoscenza non era diversa dalla sicurezza dell'ignoranza.

Il culo è la faccia dell'anima del sesso.

La faccia è la prima cosa che si butta via quando la fortuna ti abbandona, il resto della decadenza segue in tempi più lunghi.

È questo il senso dell'amicizia: condividere i pregiudizi nati dall'esperienza.

Un intellettuale è un uomo che dice una cosa semplice in modo difficile, un artista è un uomo che dice una cosa difficile in maniera semplice.

"È possibile amare un essere umano?"
"Naturalmente, soprattutto se non lo si conosce troppo bene".

"La poesia coincide con la follia?"
"La non-poesia è la follia".

"Che differenza c'è tra un galeotto e l'uomo della strada?"
"Il galeotto è un perdente che ci ha provato".
La gente è il più grande spettacolo del mondo. E non si paga il biglietto.
(Charles Bukowski)
Storie di ordinaria follia
Erections, Ejaculations, Exhibitions and General Tales of Ordinary Madness, 1972
Comprende anche Compagno di sbronze, che nell'edizione originale inglese  fa parte di Storie di ordinaria follia.
© Feltrinelli - Selezione Aforismario

Accavallò le gambe e si tirò su la gonna. Si può andare in paradiso anche prima di morire.

Arriva il momento, nella vita di ogni uomo, in cui questi deve scegliere tra resistere o scappare. Io scelgo di resistere.

Per poco che abbia, un uomo, s'accorge che potrebbe avere anche di meno.

Anche un pochino di vita ti è cara, quando sei alla fine della vita.

L'AMORE NON ESISTE! È UN MIRAGGIO, È UNA FAVOLA, COME IL NATALE!

Che significa sposarsi? il matrimonio è solo la SCOPATA santificata, e una scopata santificata finisce sempre, immancabilmente, per venire a NOIA, per essere un LAVORO. ma è ben questo che il mondo vuole: che un povero figlio di puttana, in trappola e infelice, abbia il suo lavoro da svolgere.

La poesia dice troppo in pochissimo tempo, la prosa dice poco e ci mette un bel po'.

Solo i poveri conoscono il significato della vita; chi ha soldi e sicurezza può soltanto tirare a indovinare.

Qualsiasi cosa è una perdita e spreco di tempo: tranne fottere di gusto o creare qualcosa di buono o guarire o correr dietro a una specie di fantasma-amore-felicità. Tanto tutti finiamo nel mondezzaio della sconfitta: chiamala morte, chiamala errore.

Lo stile è importante. tanta gente urla la verità, ma senza stile è inutile, non serve.

La gente è il più grande spettacolo del mondo. E non si paga il biglietto.

L'esperienza insegna che, se bevi da per te, fra quattro mura, mica duri: non solo, quelle quattro pareti ti opprimono e, quindi, danno una mano agli oppressori tuoi, e invece, non bisogna dar LORO una vittoria troppa facile. ci vuole un certo dosaggio, fra solitudine e folla. un certo equilibrio ecco il trucco, per non finire fra quattro pareti imbottite.

Mostratemi un uomo che abita solo e ha la cucina perpetuamente sporca e, 5 volte su 9, vi mostrerò un uomo eccezionale. Charles Bukowski, 27 giugno 1967, alla 19° birra.

Mostratemi un uomo che abita solo e ha una cucina perpetuamente pulita, 8 volte su 9 vi mostrerò un uomo detestabile sul piano spirituale. Charles Bukowski, 27 giugno 1967, alla 20° birra.

Vi sono brave donne a questo mondo. io ne ho conosciute perfino due o tre. poi ci sono le altre, un altro genere.

Il codardo è uno che prevede il futuro. il coraggioso è privo d'ogni immaginazione.

Duemila anni di cristianità e che abbiamo ottenuto? poliziotti che cercano di tener insieme una merda che va in putrefazione, e che altro? guerre a non finire, bombardamenti, grassatori per le strade, rapine, gente accoltellata, tanti pazzi che ne hai perduto il conto, non ci fai più caso lasci che vadano in scorribanda per le strade, in divisa, poliziotti oppure no.

L'uomo è vittima di un ambiente che non tiene conto della sua anima.

Le due più grandi invenzioni dell'uomo sono il letto e la bomba atomica: il primo ti tiene lontano dalle noie, la seconda le elimina.

Sono grandi e giocano come bambini. Giochi da bambini, ecco. Questa gente. Vanno dalla fica alla fossa senza che mai li sfiori, l'orrore della vita.

Quando un uomo indossa quella divisa diviene il tutore stipendiato dell'ordine vigente. è pagato per far sì che nulla cambi. se a te va bene come stanno le cose, allora tutti i poliziotti sono buoni. se invece non ti piace come stanno le cose, allora per te sono tutti cattivi.

Tutti abbiamo varie forme di pazzia e di bruttezza, delle quali non siamo coscienti, ma di cui gli altri sono consapevoli. se ci pensi su fitto, non campi più.

Tutti noi qualche volta siamo stati la peste per qualcuno, senza rendercene conto. è un pensiero assai deprimente, ma purtroppo dev'essere proprio così.

Vi son fondati motivi per mettere fuori legge LSD e affini (questi stupefacenti possono far uscire di senno) ma altrettanto dicasi del raccogliere barbabietole, dell'avvitare bulloni in una fabbrica d'auto, o lavar piatti o insegnare lettere all'università. se mettessimo fuorilegge tutto ciò che fa diventar matta la gente, l'intera struttura sociale crollerebbe.

Qualsiasi attività creativa complessa (dipingere, scrivere poesie, svaligiare banche, fare il dittatore e cinsi via) ti conduce al punto in cui pericolo e miracolo sono come fratelli siamesi. raramente arrivi al traguardo, ma durante il tragitto hai modo di trovare la vita interessante.

Il matrimonio, la guerra, i trasporti pubblici, il mattatoio, l'apicoltura, la chirurgia, tutto quanto. qualsiasi cosa può far diventare matta la gente poiché la società è fondata su basi false.

I nostri peccati sono fabbricati in cielo per creare il nostro inferno, di cui evidentemente abbiamo bisogno.

Diventa bravo in qualsiasi campo, e ti crei subito dei nemici. i campioni vengono innalzati affinché la folla provi poi maggior gusto a vederli rotolare, battuti, fra la merda, e gode a subissarli di fischi.

L'anima libera è rara, ma quando la vedi la riconosci: soprattutto perché provi un senso di benessere, quando gli sei vicino.

L'erba rende semplicemente più sopportabile l'attuale società: l'LSD è invece una nuova società a sé stante.

Quando uno muore, per lui la faccenda è molto reale; per gli altri, solo una disgrazia o un ingombro da levar di torno. e per questo c'è il cimitero.

Non è mica la morte che importa, è la tristezza, è la malinconia. Lo stupore. Le poche buone persone che piangono nella notte. La poca buona gente.

Compagno di sbronze*
*Nell'edizione originale inglese Compagno di sbronze fa parte di Storie di ordinaria follia.
© Feltrinelli - Selezione Aforismario

l'anima non esiste. è tutta una fregatura. gli eroi non esistono. i vincitori non esistono − è tutta una fregatura e una gran cagata. i santi non esistono, i geni non esistono son tutte fregature, tutte favole, è così che va avanti il giochetto. ognuno cerca solo di tirare a campare e d'aver fortuna − se ci riesce. il resto non sono che stronzate.

la sanità mentale è un'imperfezione.

la differenza tra Democrazia e Dittatura è che in Democrazia prima si vota e poi si prendono ordini; in una Dittatura non c'è bisogno di sprecare il tempo andando a votare.

una delle più grandi opere d'ARTE del mondo: una donna con delle belle gambe che esce dalla macchina.

la cultura è un elemento stabilizzante, non c'è niente di meglio di un museo, di un'opera di Verdi o di un poeta con tanto di riconoscimenti ufficiali per ricacciare il progresso indietro.

i libri brutti sono come le donne brutte: non ci si può mica cavarne fuori molto.

corrono come se avessero il fuoco sotto il sedere in cerca di qualcosa che non si trova. si tratta fondamentalmente della paura di affrontare se stessi, si tratta fondamentalmente della paura di essere soli. invece a me fa paura la folla, la folla che corre col fuoco sotto il sedere; la folla che legge Norman Mailer e va alle partite di baseball e taglia e innaffia l'erba del praticello e si china sul giardino con una paletta.

se non vi è rimasta molta anima, e lo sapete, vi resta ancora dell'anima.

passai accanto a 200 persone e non riuscii a vedere un solo essere umano.

le donne stupide sono le chiavate migliori perché le detesti – hanno il dono della carne e il cervello di una mosca.

ci sono delle persone che devono sempre andare da qualche parte. "andiamo al cinema!" "andiamo in barca!" "andiamo a scopare!" "andate a cagare tutti quanti", dico sempre io, "lasciatemi in pace qui".

La politica è come cercare di inculare un gatto.
Passai accanto a 200 persone e non riuscii a vedere un solo essere umano.
(Charles Bukowski)
A Sud di nessun Nord
South of No North. Stories of the Buried Life, 1973 © SugarCo - Selezione Aforismario
[pubblicato in Italia anche col titolo: Storie di una vita sepolta]

Non mi piacciono gli uomini perfettamente rasati, con la cravatta e un buon lavoro. Mi piacciono gli uomini disperati, con i denti rotti, il cervello a pezzi e una vita da schifo.

Non mi vanno le leggi, la morale, la religione, le regole. Non mi va di essere plasmato dalla società.

Un uomo ha bisogno di una donna di tanto in tanto, se non altro per provare a sé stesso che riesce a procurarsela. Il sesso è una faccenda secondaria.

Cosa potrebbe fare un poeta senza tormento? Ne ha bisogno come della sua macchina per scrivere.

I pazzi e gli ubriachi sono gli ultimi santi della terra.

Non c'è da meravigliarsi che gli uomini si rivolgano agli dèi. È molto duro affrontare le cose direttamente da soli.

Ecco come il mondo finì, non con una bomba atomica, ma con merda merda merda.

Ospedali e galere e puttane: ecco le università della vita. Ho preso diverse lauree. Chiamatemi dottore.
Non è mica la morte che importa, è la tristezza, è la malinconia.
Lo stupore. Le poche buone persone che piangono nella notte.
La poca buona gente. (Charles Bukowski)
Musica per organi caldi
Hot Water Music, 1983 © Feltrinelli - Selezione Aforismario

La mia unica ambizione è quella di non essere nessuno; mi sembra la soluzione più sensata.

Non sono grande, sono diverso.

Se un uomo ha quattro mura dove stare non tutto è perduto. Solo chi stava per la strada era fottuto.

L'uomo è la fogna dell'universo.

Sono i tipi eccezionali che fanno girare il mondo. Loro fanno i miracoli, mentre noi ce ne stiamo con i culo ammollo.

L'amore è una forma di pregiudizio. Si ama quello di cui si ha bisogno, quello che ci fa star bene, quello che ci fa comodo. Come fai a dire che ami una persona, quando al mondo ci sono migliaia di persone che potresti amare di più, se solo le incontrassi? Il fatto è che non le incontri.

L'amore non è che il risultato di un incontro casuale. La gente gli dà troppa importanza. Per questo motivo una buona scopata è tutt'altro che da disprezzare.

Spero che la macchina parta. Spero che il lavandino non sia ingorgato. Sono contento di non essermi scopato una studentessa. Sono contento di avere problemi ad andare a letto con le donne che non conosco. Sono contento di essere un idiota. Sono contento di non sapere niente. Sono contento di non essere ancora morto. Quando mi guardo le mani e vedo che sono ancora attaccate ai polsi, mi dico che sono fortunato.

Mai far capire a una donna quanto è importante, altrimenti non ti dà scampo.

Solo le persone noiose si annoiano. Devono pungolarsi in continuazione per sentirsi vive.

Capita a tutti, soprattutto ai giovani, di pensare di avere il mondo in pugno, e a volte è anche vero. Ma nell'attimo stesso in cui uno è convinto che tutto vada per il meglio, ci sono leggi statistiche che lavorano alle sue spalle, pronte a fregarlo.

Come m'immagino Dio? Capelli bianchi, barba lunga e niente uccello.

Forse il genio è un uomo capace di dire cose profonde in modo semplice.

Tutti gli scrittori sono dei poveri idioti. È per questo che scrivono.

Le uniche persone che conoscono la pietà sono quelle che ne hanno bisogno.

Perché bevi tanto? Diavolo, non lo so. Forse soprattutto perché mi annoio.

Niente canzoni d'amore
Septuagenarian Stew: Stories and Poems, 1990 © Guanda - Selezione Aforismario

Eterna risorge sempre la speranza, come un fungo velenoso.

Sulla via per l'inferno c'è sempre un sacco di gente, ma è comunque una via che si percorre in solitudine.

Il problema della storia dell'uomo è che non porta da nessuna parte se non verso la morte sicura dell'individuo, e questa è una cosa brutta e monotona, una semplice questione di nettezza urbana.

Libro di Bukowski consigliato da Aforismario
Storie di ordinaria follia
Erezioni, eiaculazioni, esibizioni
Traduzione: Pier Francesco Paolini
Editore: Feltrinelli, 2005

Rispetto alla tradizione letteraria americana si sente che Bukowski realizza uno scarto, ed è uno scarto significativo, in questa scrittura molto ‘letteraria’, ripetitiva, sostanzialmente prevedibile, Bukowski fa irruzione con una cosa nuova. La cosa nuova è lui stesso, Charles Bukowski. Lui che ha cinquant'anni (al tempo in cui scrive questi racconti, attorno al ’70), le tasche vuote, lo stomaco devastato, il sesso perennemente in furore; lui che soffre di emorragie e di insonnia; lui che ama il vecchio Hemingway; lui che passa le giornate cercando di racimolare qualche vincita alle corse dei cavalli; lui che ci sta per salutare adesso perché ha visto una gonna sollevarsi sulle gambe di una donna, lì su quella panchina del parco... Lui, Charles Bukowski, ‘forse un genio, forse un barbone’.

Note
Di Charles Bukowski vedi anche: Citazioni dai Romanzi - Aforismi inediti - Poesie - Frasi attribuite a Bukowski

Nessun commento: